Lavoro 10 marzo 2015

Turni massacranti: medici sempre più in affanno, ma ora anche le aziende sanitarie sono dalla loro parte

Maratone infinite in corsia per la violazione della direttiva Ue 88/2003: attraverso i ricorsi si possono ottenere fino a 80mila euro dallo Stato

Immagine articolo

L’impressione è sempre quella di essere arrivati all’ultimo chilometro. Eppure la maratona in corsia non finisce mai. Hanno il fiato lungo, ma non si fermano i medici italiani.

Continuano con abnegazione, sacrificio e grande professionalità a prestare servizio, fronteggiando un’emergenza continua. Arrivano ad accumulare anche 11-12 ore di lavoro al giorno. Vanno oltre ogni limite. Anche quelli imposti dall’Unione europea con una precisa direttiva: la 88/2003. L’Italia – come capita ormai di consueto – ha recepito in ritardo quanto imposto dall’Ue in tutti gli ambiti professionali, tranne in quello sanitario. La legge per la Finanziaria del 2008 (l. n. 244/2007) e quella n. 112/2008 hanno infatti vanificato gli effetti dell’adeguamento dell’Italia alla normativa europea, escludendo il personale del ruolo sanitario del SSN.

La direttiva in questione stabiliva un orario settimanale, comprensivo di straordinario, non superiore alle 48 ore settimanali, un minimo di undici ore consecutive di riposo al giorno e un ulteriore riposo settimanale di 24 ore. Limiti che vengono ampiamente superati dai camici bianchi, ai quali – solo nei mesi scorsi – è venuto incontro il Governo. Per evitare le sanzioni dell’Ue è stata emanata una legge, la 161 del 30 ottobre del 2014, attraverso cui anche per gli operatori sanitari sarà valido quanto prevedeva per gli Stati membri la direttiva 88/2003. Non va però sottovalutato un particolare, affatto piccolo: l’adeguamento avverrà solo il prossimo anno.

Quel famoso “ultimo chilometro” non finisce davvero mai. E chi conosce la situazione del Ssn sa bene che proseguendo con la politica dei tagli sarà comunque un’impresa arginare la piaga dei turni massacranti. Il recente via libera al decreto per la stabilizzazione dei precari rappresenta, senza dubbio in tal senso, una notizia confortante, ma saranno necessarie altre misure. Nel frattempo, bisogna, continuare a rimboccarsi le maniche del camice bianco. Ora, però, c’è la possibilità di vedersi almeno riconoscere economicamente i sacrifici sostenuti: ogni medico può arrivare a farsi rimborsare fino ad 80mila euro per le ore lavorate in più. La legge è dalla loro parte, insieme alle stesse aziende sanitarie che stanno spingendo il personale a chiedere i rimborsi allo Stato inadempiente. In tanti hanno già imboccato la strada dei ricorsi, molti altri lo stanno per fare.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...