Lavoro 14 luglio 2014

Obbligo di POS: i medici di famiglia si adeguano alla legge grazie alle nuove tecnologie 

Il segretario della FIMMG Lazio, Bartoletti: “DoctorPay soluzione innovativa, intelligente, senza canone e costi per l’apparecchio

Immagine articolo

Scattato l’obbligo di POS, i camici bianchi – pur senza smorzare le polemiche – hanno cominciato a cercare le soluzioni più adatte per adeguarsi ad una legge, che è nata “spuntata”, nel senso che  – almeno per il momento – non prevede sanzioni per i trasgressori, ma sulla quale il Governo, proprio negli ultimi giorni, ha annunciato l’intenzione di voler intervenire.

Il ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi incontrerà a breve  Banca d’Italia e Consorzio Bancomat per pianificare iniziative per ridurre le commissioni ma, nella stessa occasione, potrebbero essere definite le prime sanzioni. Nel frattempo c’è già chi si è messo in regola come la Federazione Italiana dei Medici di Famiglia. Il segretario regionale della FIMMG Lazio, Pier Luigi Bartoletti spiega come in questa intervista.

Scattato l’obbligo di POS, qual è la posizione dei medici di famiglia ed in che modo pensate di fronteggiare quanto prevede la legge?
Posto che si tratta di un obbligo senza sanzioni, e dunque un po’ “all’italiana”, è pur sempre una legge e, in quanto tale, va rispettata. Per questo motivo abbiamo cercato di trovare per tutti i colleghi una soluzione che ci permettesse di evitare spese aggiuntive. I medici di famiglia svolgono un servizio pubblico il cui pagamento, da parte dell’assistito, è l’eccezione e non la regola. Non parliamo dunque di un fatturato tale da giustificare l’utilizzo di un POS. Per questo abbiamo deciso di optare per DoctorPay: un servizio che ci sembra innovativo e può fare al caso nostro.

E quali sono le caratteristiche che hanno convinto la categoria a scegliere questo dispositivo?
Si tratta di un meccanismo molto semplice: non sono previsti né il costo dell’apparecchio, né un canone mensile, né un obbligo di conto corrente bancario. È un servizio che rappresenta, in prospettiva, un’importante risorsa per l’intera categoria. Per questo abbiamo scelto una partnership forte che fornisce una soluzione intelligente.

Articoli correlati
Obbligo di Pos: nuove tecnologie ed App ancora meglio delle contromisure
Restano le soluzioni con le condizioni più vantaggiose mentre il Governo pensa a sanzioni ed incentivi e nonostante la riduzione dei costi di commissione
In arrivo le sanzioni per far rispettare l’obbligo di Pos 
Si pensa anche ad incentivi per spingere i professionisti ad adeguarsi alla legge
Criticato e non rispettato. Ma con l’obbligo di Pos si combatte l’evasione
Cresce l'esigenza di introdurre le sanzioni non previste dalla legge e le nuove tecnologie offrono già soluzioni per superare le criticità
Obbligo di POS: i medici cercano una soluzione low cost 
Secondo un recente sondaggio per l'85% dei professionisti il prodotto ideale è senza canone e costi di attivazione e con il device gratuito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...