Lavoro 3 marzo 2015

Obbligo di Pos: ascoltati i medici, ecco il Ddl con le agevolazioni

L’ “Atto Senato 1747” raccoglie le istanze della categoria. Primo firmatario il sen. Piero Aiello: “No a leggi restrittive e punitive; meglio puntare sulla premialità”

Immagine articolo

Sanzioni? No, premi. Il senatore Piero Aiello è convinto che sia questa la strada da seguire per far metabolizzare ai professionisti italiani l’obbligo di Pos. Ed è infatti incentrato su incentivi ed agevolazioni il Ddl (“Atto Senato n° 1747”) presentato come primo firmatario, e al quale si sono subito aggiunti diversi colleghi.

L’obiettivo è completare la legge  n° 15 del 27 febbraio 2014, attraverso cui era stato introdotto – a partire dal 30 giugno dello scorso anno –  l’obbligo, appunto, di accettare pagamenti superiori ai 30 euro con il Pos. La norma, nata sprovvista di sanzioni, ha trovato, però, fin qui scarsa applicazione. Ora proprio questo provvedimento, sollecitato anche da Consulcesi, principale realtà a tutela dei diritti dei medici, punta a superare le difficoltà incontrate prevedendo detrazioni dall’imponibile reddituale del costo percentuale di ciascuna transazione eseguita. Chiaramente, laddove si accertino violazioni di legge, verranno altresì applicate delle sanzioni.

Senatore Aiello, il tema del Pos obbligatorio anima da tempo il dibattito, coinvolgendo i medici e tutti gli altri professionisti: la legge è infatti entrata in vigore lasciando però molte lacune.
Proprio per riempire queste lacune abbiamo immaginato ancora una volta di essere dalla parte dei professionisti, tutelando ad ogni modo anche l’utente. Questo è possibile solo con una legge di garanzia per entrambi. Abbiamo allora presentato un Ddl propositivo per il professionista. Nell’articolo 1 è stata inserita una norma che prevede l’incentivo all’utilizzo del Pos, introducendo un elemento di detraibilità dal reddito.

Una proposta di legge che, dunque, va incontro ai professionisti: incentivi piuttosto che sanzioni. Questo è proprio quello che chiedono da tempo i medici alle istituzioni.
Senza dubbio. D’altronde è impossibile ogni volta immaginare forme restrittive o punitive. Abbiamo la volontà di porre in essere norme che possano alleggerire il carico amministrativo dei professionisti, riducendo quegli atti burocratici che creano anche perdite di tempo. Quel tempo è meglio impiegarlo per la propria attività e, nel caso specifico dei medici, dedicarlo ai pazienti.

Lei è il primo firmatario dell’ “Atto Senato n. 1747” ma è arrivata già la sottoscrizione di altri colleghi.
Sì, altri colleghi soprattutto medici hanno voluto apporre il proprio sigillo su una norma propositiva e non punitiva per i camici bianchi. Noi abbiamo voluto una norma di equilibrio, che faccia sì che il cittadino abbia gli strumenti per ottemperare a una legge, e che garantisca che l’utilizzo del Pos non sia restrittivo né punitivo, ma al contrario incentivante. Tutto questo attraverso leggi equilibrate che garantiscano una razionalità nel rapporto tra medico e utente e, al contempo, consentano di compiere passi avanti e non indietro.

Articoli correlati
Decreto vaccini, Nicola Zingaretti (Regione Lazio): «Una vittoria in un Paese civile. Ora basta ciarlatani»
«Per scelta di qualcuno non si può mettere a rischio l'intera comunità» le parole del Presidente della Regione Lazio all'indomani dell'approvazione del Decreto sull'obbligatorietà dei vaccini. «Nel Lazio eravamo pronti da mesi»
«Per i pagamenti elettronici, meno commissioni ma scatteranno le sanzioni per chi non adempie» 
Intervista al responsabile innovazione del Partito Democratico, onorevole Sergio Boccadutri, firmatario dell’emendamento inserito nella Legge di Stabilità: «Il digitale deve fare un balzo in avanti» 
Ddl 1747, obbligo di Pos, nessun passo indietro
Intervista al senatore Piero Aiello: «Per medici e professionisti che adotteranno i pagamenti elettronici ci saranno agevolazioni e meccanismi premiali. Smentisco il ritiro del disegno di legge»
Obbligo di POS: le contestazioni ora lasciano spazio alle soluzioni
Mercato ricco di alternative, ma c'è chi ha studiato il suo prodotto insieme ai medici, rispondendo alle esigenze della categoria
Obbligo di POS, un salasso da 1200 euro all’anno
E l'85% dei medici cerca una soluzione senza i costi di attivazione e canone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...