Lavoro 11 novembre 2014

Numero Chiuso, lezioni per tutti: ecco la nuova strada anti-risarcimenti

Una sentenza del Consiglio di Stato ammette ai corsi della Facoltà di Medicina anche chi segue la strada del ricorso straordinario

Immagine articolo

Se un candidato ai test di ingresso al primo anno di Medicina non entra e fa ricorso straordinario al presidente della Repubblica può frequentare i corsi fin da subito.

Lo ha deciso il Consiglio di Stato in un parere che fa riferimento al filone di ricorsi partiti a seguito delle prove che hanno avuto luogo lo scorso aprile. In quell’occasione, l’anonimato dei partecipanti al test non era stato garantito a causa di un codice visibile all’esterno della busta. In questo modo i commissari potevano, in via del tutto ipotetica ma comunque concreta, mettere in relazione la prova effettuata con lo studente che l’aveva effettivamente portata a termine.

Con questa nuova decisione proveniente dal Consiglio di Stato si stabilisce che i ricorrenti hanno il diritto di cominciare a frequentare le lezioni al pari dei colleghi che si sono rivolti al Tar, ovvero alla giustizia amministrativa. Questo almeno fino a quando non verrà stabilito se hanno ragione oppure no. Tutti dentro, dunque, in attesa che la giustizia faccia il suo corso. E magari riammetta i candidati ingiustamente esclusi. Un fenomeno che non va giù a chi ha passato i test, secondo cui i riammessi con ricorso verrebbero addirittura trattati meglio degli altri. I ricorsisti, infatti, nella maggioranza dei casi sono stati assegnati ai corsi dell’Ateneo che avevano scelto, mentre tanti “promossi” ai quiz sono stati costretti a spostarsi fuori sede per inseguire il proprio sogno.

Nel modo stabilito dal Consiglio di Stato, comunque, si dovrebbe almeno risparmiare sui risarcimenti decretati alcuni mesi fa dallo stesso organo, che aveva accolto le istanze presentate da due studentesse che avevano partecipato ai test alla Facoltà di Medicina dell’Università di Messina del 2008. Prove che, in un secondo momento, erano state invalidate per alcune irregolarità. Si tratta di una sentenza che ha fatto molto discutere in quanto, oltre alla riammissione per entrambe, per le candidate era stato disposto anche un risarcimento economico (quantificato nella somma, per nulla irrilevante, specialmente se moltiplicata per tutti i possibili ricorrenti, di 10mila euro ciascuna, completamente a carico dell’ateneo) a causa del “ritardato ingresso nel mondo accademico e conseguentemente del lavoro”.

Per tutte le informazioni sono a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde dedicato 800.122.777 e il sito www.numerochiuso.info.

Articoli correlati
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare
Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intanto si parla di una probabile interrogazione parlamentare sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...