Lavoro 24 novembre 2015

«Noi sempre in corsia. Il Paese ci riconosca il giusto valore, altrimenti andremo all’estero»

Una media settimanale di settanta ore, centinaia di giorni di ferie accumulate: i medici si sfogano scrivendo a redazione@sanitainformazione.it.

Immagine articolo

Lavoro in media sessanta ore, con punte di settanta, con straordinari regolarmente non retribuiti: è una pena, dobbiamo emigrare e mettere la nostra professionalità al servizio di un altro Paese che riconosca il giusto valore a quanto facciamo».


Questo è lo sfogo del dottor Stanislao D’Auria, neurochirurgo presso l’azienda ospedaliera Santa Maria della misericordia di Udine. È un problema che, da nord a sud, tocca tutti i medici italiani. Sono centinaia le voci che si affollano nella email di Sanità informazione, che da settimane – con la campagna #BastaTurniMassacranti – ha dato spazio ai medici italiani e alle loro storie. Ma questi turni massacranti finiranno con l’entrata in vigore della Legge 161/2014 che deve mettere fine alla violazione della direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro? Perplessità, scetticismo, dubbi e testimonianze che raccontano l’ennesima violazione di un diritto. Voci e parole ora all’attenzione anche del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha chiesto al nostro giornale di poter leggere le segnalazioni di chi è in prima linea, per poter dare risposte concrete. Nel frattempo, però, si parte con due certezze: la carenza di personale che rende complicata la corretta turnazione e migliaia di ricorsi già avviati che espongono lo Stato al rischio di un altro salasso.

Per Claudio Merli, primario di una UO (Unità Operativa) multizonale di Anestesia Rianimazione, «per i piccoli ospedali si preannuncia una fine pressoché certa: i grandi terranno botta un po’ meglio, i piccoli, ripeto, non hanno risorse sufficienti e di certo queste non si troveranno in due settimane. Nel nostro caso, ad esempio, ci sono ospedaliere diverse e distanti tra loro. Complessivamente siamo in sette, con festività, reperibilità notturne e tutto il resto. Con questa legge e questi mezzi a disposizione, uno dei due ospedali dovrà di fatto chiudere, l’altro dovrà ridurre talmente l’attività, da perdere il significato stesso della sua esistenza. Questa la realtà incontestabile e sfido chiunque, Ministro in primo luogo, ad affermare il contrario».

Insieme alle domande arrivano soprattutto testimonianze dirette di turni massacranti: «Il problema è che lavorando 6 ore di pomeriggio, altre 12 di reperibilità la notte e aggiungendo un altro turno di 6 ore la mattina, si finisce col lavorare 24 ore continuativamente», spiega il dottor Nicola Gambardella, in forza all’ospedale di Taormina. «Ogni punto nascita – entra, invece, più nello specifico Antonella Amendola, prendendo ad esempio le strutture ospedaliere della Toscana, regione in cui lavora – dovrebbe avere il pediatra h24 e non in regime di reperibilità. Questo garantirebbe sicurezza ed eviterebbe situazioni in cui siamo costretti al turno pomeridiano, più la reperibilità e quindi un altro turno il giorno successivo». Situazione con molti punti di contatto con l’UO di Ostetricia e Ginecologia dell’Area Vasta 2 di Jesi – Osimo Regione Marche, dove ci sono «Dirigenti con centinaia di ore di straordinario e centinaia di giorni di ferie arretrate. Ma ci sono anche prescrizioni dal lavoro notturno per alcuni Dirigenti, con ricadute pesanti sui rimanenti, assenze di guardia h24 nel polo di Osimo con l’indicazione di chiudere il punto nascita, che comunque rimane attivo da anni: insomma nulla delle normative nazionali viene rispettato», fa notare Angelo Curatola che dirige l’Azienda in questione.

Significativo anche un altro aspetto, approfondito dalla dottoressa Simonetta Fabbri, che lavora a Bologna: «Nella realtà professionale in cui vivo, siamo in parecchi medici ad effettuare turni di guardia notturna e festivi in Ospedali accreditati con un compenso netto che è meno di quello di una badante. Ci siamo documentati a proposito e, con tutto il mio rispetto per le badanti, che svolgono comunque un lavoro utile, la responsabilità che ci viene richiesta non è pagata sufficientemente».

Questi sono solo alcuni dei numerosi messaggi arrivati a redazione@sanitainformazione.it, indirizzo al quale potete continuare a scriverci, anche per segnalarci cosa è successo veramente dopo il 25 novembre.

Articoli correlati
Contratto comparto, l’Aran cancella gli straordinari obbligatori. Ecco la proposta di errata corrige
Cancellato il riferimento al fatto che il lavoratore sia tenuto ad effettuare il lavoro straordinario. De Palma (Nursing Up): «Abbiamo vinto la battaglia ma non la guerra»
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Straordinari obbligatori e riposi interrotti: tutti i nodi nei contratti di medici e personale sanitario
Gli infermieri di Nursing Up con Antonio De Palma: «Violate le 11 ore continuative di riposo. Intraprenderemo azioni legali in Italia e in Europa». Papotto (Cisl Medici): «Chiederemo il diritto al riposo anche dopo la reperibilità notturna»
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...