Lavoro 23 giugno 2014

“Napoli milionaria”: agli ex specializzandi assegni fino a 85mila euro 

Consulcesi: “L’evento partenopeo ennesima tappa di un tour di successi”

Immagine articolo

Anche a Napoli è stata fatta giustizia. Nei giorni scorsi, infatti, sono stati consegnati altri assegni per oltre sei milioni di euro complessivi e completamente esentasse, come rimborso per gli anni di specializzazione ai camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico così come stabilito da due direttive europee recepite con colpevole ritardo dallo Stato italiano.

L’evento è stato curato da Consulcesi, realtà leader nel settore della tutela dei medici, i cui legali hanno seguito passo dopo passo tutto l’iter giudiziario che ha portato a questa importante vittoria: “Con la consegna odierna – ricorda l’avvocato Marco Tortorella – si chiude una vicenda giudiziaria che, tramite una sentenza esecutiva già in primo grado, condanna la Presidenza del Consiglio dei ministri e i ministeri competenti a rimborsare i professionisti sanitari da noi assistiti”.

Una vicenda che si è conclusa con successo per tantissimi medici che alle falde del Vesuvio hanno ricevuto assegni di risarcimento che arrivavano fino a 85mila euro. Cifre che rappresentano soltanto una piccola parte degli oltre 345 milioni finora riconosciuti dai tribunali di tutta Italia soltanto per i medici che hanno preso parte ad una delle tante azioni collettive organizzate da Consulcesi. Ma se sono tanti i camici bianchi che fino ad ora hanno ottenuto giustizia, troppi sono ancora i professionisti che non hanno ancora ricevuto ciò che spetta loro di diritto. È per questo che la settimana scorsa è partita un’ altra azione collettiva preparata da Consulcesi, attraverso cui i medici che non hanno ricevuto la borsa di studio potranno vedersi riconosciuto tutto quel che gli è stato ingiustamente negato, e ne è in cantiere una nuova, la cui partenza è imminente.

A questo ricorso hanno preso parte molti camici bianchi facenti parte dei principali OMCeO, Sindacati ed Enti italiani, ricevendo in questo modo la possibilità di prendervi parte a costi ridotti: “Ormai consegniamo quasi ogni mese milioni di euro ai nostri specialisti – spiega Edoardo Pantano, Vicepresidente di Consulcesi – ma ci sono ancora migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere. I due disegni di legge transattivi, ormai condivisi da sinistra a destra e con la piena attenzione dello Stato, possono rappresentare una soluzione definitiva. In tal modo infatti si contemperano i legittimi diritti al rimborso dei medici con le esigenze di risparmio per le casse pubbliche. Il rimborso automatico derivante spetterà però solo a coloro che avranno precedentemente aderito ad un ricorso”.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800 122 777 ed il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
Ex specializzandi, a Firenze arrivano i rimborsi ai medici e nuove interpretazioni giuridiche riaprono i termini della prescrizione
Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, giovedì 21 giugno, consegnerà a Firenze gli assegni ai medici fiorentini e delle altre province toscane. Tra i relatori Federico Gelli, Responsabile del Rischio in Sanità di Federsanità Anci
«Diseguaglianze, formazione ed ex specializzandi, le prime sfide del Ministro Grillo». Intervista al Presidente FNOMCeO Filippo Anelli
Tutti i nodi da sciogliere sul tavolo del nuovo Governo: «Un’Italia divisa in due, la fuga di cervelli e una programmazione da riorganizzare: la partita è aperta»
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...