Lavoro 3 marzo 2015

Medicina Generale: via libera al decreto per lo scorrimento delle graduatorie 

Esulta il settore Formazione della Fimmg: “Nostre speranze non disilluse”. Lorenzin: “In questo modo verranno coperti tutti i posti disponibili”

Immagine articolo

I sogni e le speranze dei medici in attesa dello scorrimento delle graduatorie del CFSMG non sono stati disillusi”.

Il Settore Speciale Formazione della Fimmg plaude alla decisione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, di mettere la propria firma in calce al decreto di proroga dei termini per lo scorrimento delle graduatorie degli idonei al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale relativo al triennio 2014-2017. Una decisione che permette alle Regioni di utilizzare le graduatorie stesse fino al sesto mese dalla partenza dei corsi.

“Fimmg vigile e guardinga – commenta la Federazione Italiana Medici di Medicina Generale – è intervenuta a difesa della formazione in Medicina Generale affinché i posti già insufficienti a coprire il fabbisogno futuro dei Mmg non venissero sprecati. La formazione – si può legge nella nota – è il fulcro della professione medica e se vogliamo fiducia dalla gente bisogna garantire un sistema che dia fiducia alla Medicina Generale, per dirlo in gergo 2.0 #valorizziAmoMg”.

Un hashtag, quest’ultimo, che in occasione di un “TweetMob” organizzato lo scorso 4 febbraio era entrato nella top ten dei più popolari di Twitter insieme a #scorrimentiparalleli. Un evento che ha seguito una comunicazione della stessa Fimmg, che il 13 gennaio ha scritto al ministro della Salute Lorenzin per segnalare i numerosi i casi di colleghi che “per motivi economici, hanno rinunciato all’esigua borsa del CFSMG in favore di quella più corposa e detassata, percepita durante la frequenza delle Scuole di Specializzazione Universitarie, di fatto privando altri colleghi, seppur idonei, della possibilità di frequentare il CFSMG”.

“Grazie alla proroga – spiega infine il ministro della Salute Lorenzin – è scongiurato il rischio che non si possano coprire tutti i posti disponibili nei corsi di formazione a causa della lentezza dello scorrimento delle diverse graduatorie del concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione in medicina”.

Articoli correlati
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
Sanità, Grillo incontra i dipendenti del Ministero: «Merito ed efficienza capisaldi del mio mandato»
Il Ministro ha ribadito l’importanza del lavoro di squadra. Poi ha aggiunto: «Sono certa che con le tante, qualificate, risorse che il dicastero ha a disposizione sarà fatto un ottimo lavoro»
Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute
L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...