Lavoro 14 ottobre 2014

Medici in fuga: sempre più “italians” alla conquista del Regno Unito

I dati Aire certificano l’impennata di partenze. I nostri camici bianchi ormai integrati e funzionali nel sistema sanitario britannico (NHS)

Immagine articolo

Che gli italiani siano un popolo di viaggiatori non è solo un luogo comune. Lo testimonia la storia di migliaia di connazionali partiti in cerca di nuove avventure, sfide appassionanti o – caso più frequente – di opportunità lavorative. È una storia che ciclicamente si ripete raggiungendo picchi elevati.

Come sta avvenendo in questo periodo di forte recessione. Grazie ai progressi della tecnologia, ai giorni nostri, il fenomeno può essere quantificato con estrema precisione e persino analizzato scientificamente nelle sue sfaccettature.

Così grazie all’ultimo Rapporto Italiani nel Mondo 2014 della fondazione Migrantes (AIRE),  si scopre nel 2013 quasi 95mila italiani hanno lasciato il Paese, facendo rotta soprattutto verso il Regno Unito, dove solo nei primi mesi del 2014 si sono contati 12.933 nuovi iscritti all’anagrafe degli italiani all’estero. La percentuale di crescita, rispetto allo scorso anno, è pari al 71,5%. A partire sono sempre più medici. È possibile tracciare anche un preciso identikit di chi lascia l’Italia: sono uomini non sposati tra i 18 ed i 34 anni (ma la percentuale è alta anche dai 35 ai 49 anni) e provengono dal nord.  Secondo uno studio pubblicato di recente dal General Medical Council, dal 2008 a oggi in Inghilterra sono raddoppiati i medici provenienti da Italia, Grecia e Romania, arrivando a essere il 14% del totale: nel Regno Unito un medico su sette è straniero.

Prima o dopo la specializzazione si vola a Londra, puntando sulla possibilità che offre un sistema sanitario selettivo ma meritocratico. Ci sono contratti e garanzie, standard elevati di formazione, opportunità di carriera e, senza starci a girare troppo attorno, retribuzioni appaganti: In Inghilterra lo stipendio di un medico di base può superare i 100mila euro all’anno, i medici specializzati anche solo con un anno di contratto in ospedale possono arrivare a 125mila euro con 37 ore lavorative, a cui si aggiungono i turni di guardia, conteggiati a parte. Un vero e proprio paradiso. Per gli italiani di sicuro. Non lo è invece, a sorpresa, per gli inglesi: dal 2008 ad oggi sono almeno 15mila camici bianchi che hanno salutato il Regno Unito, preferendo Nuova Zelanda e Australia.

Gli italiani, insomma, stanno aiutando la sanità del Regno Unito a tamponare quell’emorragia che ha portato di recente il National Health Service a lanciare un allarme, che ha trovato sponda sui tabloid inglesi infilandosi anche nel già infiammato dibattito apertosi in vista delle elezioni del prossimo anno.

Articoli correlati
Carenza di medici in Francia: ecco le proposte dei candidati alle Elezioni Presidenziali
In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente […]
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
Cerco lavoro e trovo anche casa: il medico italiano fa bingo a Londra
La debolezza dell'euro spinge a investire sul mattone sfruttando le rendite che garantisce la sterlina e il boom del settore immobiliare
L’Eldorado londinese per i medici italiani (in fuga)
Come farsi largo in un sistema gratificante ma estremamente selettivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...