Lavoro 9 ottobre 2017

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su Def e Ddl Professioni Sanitarie…

Immagine articolo

«I medici di Medicina Generale devono operare in un contesto ottimale per essere presenti accanto al cittadino e per sostenere la lotta alla cronicità. I medici di famiglia sono le nostre braccia sui territorio». Lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in occasione del 74° Congresso Nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, momento in cui si è fatto il punto sulle esigenze e sulle nuove sfide della categoria.

«Uno sblocco del turn over immediato – prosegue il Ministro – un forte investimento sulle borse di studio. Ma soprattutto fondamentale la presenza di nuovi medici formati sul territorio, in considerazione del fatto che, nei prossimi 8-9 anni, andranno in pensione tantissimi professionisti e quindi dovremo coprire sapientemente le lacune perché il territorio non rimanga scoperto. Essenziale anche una formazione sempre più puntuale e aggiornata, non si può rimanere fermi a 30 anni fa: il mondo si evolve, la scienza e la medicina anche, quindi i nostri professionisti devono rimanere al passo con i tempi. Tra le priorità: lavorare sulla diagnosi e sulla prevenzione».

BASTA UN MEDICO OGNI 90 KM QUADRATI? LA DENUNCIA FIMMG:

LA MEDICINA GENERALE «NON VUOLE PIÙ ASPETTARE», LA RELAZIONE DEL SEGRETARIO SILVESTRO SCOTTI AL CONGRESSO NAZIONALE FIMMG

LA SCOMPARSA DEI MEDICI DI FAMIGLIA: ECCO IL VIDEOGAME DI FIMMG

Il Ministro sottolinea inoltre quanto il comparto di Medicina Generale segua con interesse l’iter del Ddl Lorenzin, nonostante questo «abbia affrontato un lunghissimo percorso parlamentare – prosegue – dove ci sono stati degli emendamenti fatti tutti ovviamente in buona fede, che però possono avere un impatto negativo. Io credo che siamo ancora in tempo per fare dei cambiamenti». Così la Lorenzin sul decreto che, per i laureati in Medicina e Chirurgia, prevede la partecipazione al concorso per l’ammissione ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale anche nel caso in cui non siano in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione e non siano ancora iscritti al relativo albo professionale.

SCOTTI (FIMMG) TRA REALISMO E VISIONE: «RINNOVIAMO A TAPPE L’ACN, SOLO COSÌ GESTIREMO LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO»

«Aumenteremo le risorse – sottolinea il Ministro a proposito del Documento di Economia e Finanza – la manovra è in fase di uscita dalla recessione e il fondo sanitario per le regioni probabilmente crescerà insieme al Pil del Paese. Aggiungo che occorre tener conto della fase di crescita del Paese, tuttavia sappiamo anche che il margine di manovra non è molto più ampio di quello già stanziato. Penso che potremo lavorare molto sugli articoli 20, cioè sugli investimenti infrastrutturali, su un aumento anche della capacità delle Regioni in generale, quindi di un ulteriore aumento che permetta ai territori anche di coprire le poste che hanno aperto in questi anni, e questo permetterà anche di preparare le carte in tavola per l’accordo collettivo nazionale».

Articoli correlati
Fimmg-Fimp incontrano il Ministro Grillo. Scotti-Biasci: «Investire su credibilità offerta territoriale»
«Tecnologia e personale nei nostri studi, servono investimenti», chiedono i due dirigenti. Tra le tematiche affrontate vaccinazioni, cronicità, appropriatezza delle cure
Aggressioni ai medici, il ddl di Michela Rostan (LeU): «Camici bianchi siano pubblici ufficiali per far scattare denuncia d’ufficio»
Tra i firmatari della proposta i deputati Paolo Siani e Federico Conte. Bocciata la richiesta di inasprimento delle pene avanzata dal Ministro Grillo: «Servono pene più certe perché spesso gli episodi non vengono denunciati»
Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»
È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina e gestione cronicità saranno mie priorità»
Acn medicina convenzionata, arriva il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni
Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale». Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: «L’Acn è un punto d’arrivo, ma anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva sul futuro della Sanità pubblica e dell’SSN»
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano