Lavoro 22 dicembre 2015

Lorenzin: «Sbloccate le assunzioni per fermare l’emorragia di ricorsi»

Il Ministro ai microfoni di Sanità informazione: «Abbiamo voluto fortemente la norma per garantire un diritto dei medici e per salvaguardare le casse pubbliche dall’ondata di contenziosi legali sul mancato rispetto degli orari di lavoro»

Immagine articolo

Credo che sia un diritto dei medici usufruire dei turni di riposo e un diritto dei pazienti essere curati da chi ha potuto riposarsi. Chiediamoci se qualcuno di noi andrebbe mai su un aereo dove il comandante non dorme da 72 ore. Allo stesso modo, non vedo perché dover entrare nelle stesse condizioni in una sala operatoria. È una domanda semplice. E la risposta è altrettanto semplice: ripristinare una corretta turnazione di riposo e permettere a medici e infermieri di lavorare agevolmente in un ambito di rischio e complessità. È anche e soprattutto una questione di civiltà».


Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, risponde con chiarezza e fermezza al perdurante problema dei turni massacranti che da troppo tempo affligge il personale sanitario italiano e che è stato al centro delle proteste culminate con lo sciopero del 16 dicembre. La risposta sistemica a questo problema è tutta nel provvedimento governativo che sblocca le assunzioni di medici e infermieri (fondo da 329 milioni per 6mila assunzioni e via libera alle Regioni per le assunzioni a tempo), ma i tempi tecnici e quelli della burocrazia rischiano di rallentare l’iter e, nella sostanza, rimandare la fine dei turni massacranti spingendo molti medici a ricorrere ai tribunali per vedersi riconoscere il pregresso.

«La norma sull’assunzione di medici e infermieri viene da un lungo percorso – spiega ancora il Ministro –. Abbiamo fortemente voluto l’applicazione della direttiva europea per interrompere la lunga fase sanzionatoria che l’Italia ha avuto a causa dell’infrazione di una norma europea. L’avevo detto e l’abbiamo fatto e fare una proroga sarebbe stata innanzitutto una lesione dei diritti dei medici e dei pazienti. Inoltre, l’abbiamo fatto nell’interesse della cosa pubblica perché i contenziosi legali sarebbero stati sicuramente grandissimi».

Ministro, ma quando finiranno i turni massacranti? Che tempi ci sono per le nuove assunzioni?
«Su questo noi abbiamo dato una deadline precisa. Più di quello non possiamo fare. Siamo in Italia, se ci sono i ricorsi, quelli non li possiamo né prevedere, né prevenire. Tutto l’iter comunque si dovrà concludere entro il 2017» chiarisce ancora Lorenzin durante la conferenza stampa in cui ha annunciato un’ importante serie di interventi inseriti nell’ambito della Legge di Stabilità, che vanno dalle leve di risparmio certificate e bollinate dalla Ragioneria dello Stato, con risorse liberate che saranno reinvestite nel sistema sanitario nazionale, ai nuovi Lea, i livelli essenziali di assistenza, che dovranno entrare in scena entro la fine di febbraio, grazie a 800 milioni vincolati dal Fondo sanitario nazionale, fino alle nuove norme sull’acquisto di beni e servizi mediante le centrali di committenza.

Ma intanto, Ministro, la norma sugli orari dei medici è già legge dal 25 novembre…  E alcune strutture hanno già fatto proroghe alla legge, i direttori sanitari come si devono comportare?
«Dal 1° gennaio avranno gli strumenti per fare assunzioni flessibili».

Nel frattempo i ricorsi continueranno sul pregresso… 
«Sicuramente», ammette il Ministro. «Di ricorsi ce ne sono già cinquemila» aggiunge il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo. «Noi abbiamo creato la norma proprio per bloccare il contenzioso e per bloccare le infrazioni. Gli strumenti li abbiamo dati, ora ognuno deve assumersi le proprie responsabilità nell’attuarli…» conclude Lorenzin.

Articoli correlati
KO per il turno di notte? Ecco come resistere e recuperare nei giorni successivi
Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa […]
Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»
Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gradi di giudizio, inoltre le somme riconosciute potrebbero triplicarsi e vengono meno i termini di prescrizione»
Assunzioni in sanità: ecco le date delle prove per la stabilizzazione di 1400 lavoratori
Sono state fissate le date per le prove dei 145 concorsi che saranno indetti nella Regione Lazio e destinati alla stabilizzazione dei 1.400 lavoratori operanti nella sanità con contratti a tempo determinato, secondo il perimetro definito dal DPCM del 6 marzo 2015. Lo comunica la Regione Lazio in un comunicato stampa. Le prime prove scritte […]
Nuova sentenza Corte d’Appello di Roma: altri 7 milioni per i medici specialisti ’78-2006
Continua l’onda lunga delle sentenze in favore degli ex specializzandi: 3 pronunce positive nel giro di poche settimane. Lo Stato rischia un esborso complessivo di 5 miliardi di euro: in arrivo emendamento alla Legge di Stabilità per una soluzione transattiva. Consulcesi: «Prescrizione alle porte, tempo solo fino al 10 ottobre per non perdere il rimborso»
Asl, al via piano assunzione di 1947 persone a tempo indeterminato
Le Asl ora hanno facoltà di applicare autonomamente le disposizioni del decreto 403/2016, che dà il via a un piano di assunzione di 1947 persone a tempo indeterminato. Il Consiglio Regionale del Lazio ha infatti abrogato la Legge Regionale 14 del 2008 che imponeva alle Asl di richiedere un’autorizzazione preventiva alla Regione prima di assumere […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»