Lavoro 14 marzo 2018

Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»

Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»

Immagine articolo

Mancano ancora tre decreti attuativi per rendere completa la La Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità dell’esercente la professione sanitaria, in vigore dal 1 aprile 2017. È con impazienza che la  classe medica attende la conclusione del cerchio normativo arrivato alle battute finali con le elezioni dello scorso 4 marzo e lo scioglimento delle Camere. I restanti decreti, in tema assicurativo, dovrebbero essere emanati prima dell’insediamento del nuovo governo e dimostreranno concretamente se sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati: ridurre il contenzioso medico legale e arginare la medicina difensiva che ha un costo per la spesa pubblica, stimato dal Ministero della Salute, di oltre 10 miliardi di euro.

La nuova legge prevede l’istituzione dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in sanità presso l’Agenas (Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali) per prevenire e gestire il rischio clinico, monitorare le buone pratiche e l’aggiornamento del personale sanitario. La formazione dei medici, assume, infatti, un ruolo di primaria importanza nell’attuazione della normativa: per questo, il provider Ecm 2056 Sanità in-Formazione, in partnership con Consulcesi Club, ha arricchito la collana dei corsi a tema risk management per rispondere alla crescente richiesta formativa.

«La legge Gelli ha introdotto novità che vanno modulate alla luce della costituzione della linee guida» spiega a Sanità Informazione il Professor Marco de Vincentiis – Ordinario di Otorinolaringoiatria e Direttore della Scuola di specializzazione in Otorinolaringoiatria della Sapienza, interpellato a margine dell’incontro sulla “Responsabilità professionale nel distretto Testa Collo. Cosa cambia con la Legge Gelli” organizzato a La Sapienza Università di Roma. «C’è da considerare la lunga tempistica che prevede l’accreditamento presso l’Istituto Superiore di Sanità – prosegue il Professore -. Durante questo periodo possiamo seguire le buone pratiche stabilite dalle società scientifiche che per quanto riguarda l’otorinolaringoiatria, esistono in letteratura e sono già stabilite».

«Mi rendo conto che i giovani medici hanno un approccio di persone “spaventate” ma in realtà, seguendo le linee guida e la buona pratica e rimanendo sereni si può cercare di evitare di non fare o di fare troppo» precisa il Professore sottolineando quanto una corretta formazione dei professionisti sanitari sia fondamentale per guidare soprattutto i giovani medici e scoraggiare il ricorso alla medicina difensiva.

LEGGI ANCHE: PUNZO (AMTRUST): «UN MEDICO FORMATO HA MINORE PROPENSIONE AL RISCHIO, ALLO STUDIO UN SISTEMA PREMIALE PER ASSICURAZIONI

Dello stesso avviso anche il Dottor Massimo Ralli – Specialista in Otorinolaringoiatria alla Sapienza di Roma intervistato in occasione dell’incontro presso l’Ateneo:«Le linee guida e le buone pratiche hanno un ruolo molto importante nella legge Gelli. Si andrà a definire la regolamentazione dell’emanazione delle linee guida, la validazione dei soggetti e delle società che potranno elaborarle e l’aggiornamento delle stesse – sostiene il dottor Ralli -. Attualmente ci troviamo davanti ad indicazioni vecchie chiamate impropriamente linee guida; devono essere definite, aggiornate, e presenti in un database di facile accesso. Renderle consultabili a chi poi dovrà effettivamente usufruirne e adeguare il proprio operato ad esse. Le buone pratiche clinico assistenziali – prosegue – saranno “subordinate” alle linee guida: il medico potrà attenersi ad esse nel caso in cui le linee guida non siano presenti. Saranno più snelle, facili da reperire però sicuramente meno rilevanti e meno istituzionalizzate rispetto alle linee guida».

Con l’attuazione della legge, diventa sempre più importante essere adeguatamente preparati, competenti e aggiornati: «Formarsi è indispensabile per far sì che il medico non risponda penalmente del proprio operato, qualora vada a agire per imperizia – conclude il dottore -. La legge agevolerà il lavoro di tutti: sarà più semplice per il professionista sanitario sapere come comportarsi ed essere tutelato e sarà più facile per chi andrà a gestire il contenzioso (medico legale in primis ma anche avvocati, assicuratori, magistrati)» conclude.

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI, PARLA IL CHIRURGO: «VALUTARE CASO PER CASO, A VOLTE IL RISCHIO È NECESSARIO»

 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»
La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»
Scuole di specializzazione, aumentano i contratti: per il prossimo anno accademico sono 6934. Martedì la prova nazionale
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti ha firmato il decreto. Rispetto allo scorso anno, previsti 259 posti in più, ma per la FNOMCeO sono ancora troppo pochi e non distribuiti in modo uniforme sul territorio nazionale: «Di questo passo le Regioni più in difficoltà offriranno sempre minori servizi alla popolazione. È necessaria una gara di solidarietà tra Regioni»
Carenza medici, anche la Fiaso lancia l’allarme: «Nei prossimi 5 anni ne mancheranno quasi 12mila, maggior numero tra anestesisti»
I camici bianchi dei servizi sanitari di base rischiano “scomparsa”. Primato italiano di anzianità dei medici: il 51,5% ha superato i 55 anni di età. Ripa di Meana: «Paura innovazione e cambio regole pensionamento incentivano uscite». Le Regioni: «Siamo al lavoro per ampliare borse di studio»
Leoni (FNOMCeO): «La più grande sfida del 2018 per gli ospedali? Pianificare le ferie dei medici»
Il Vicepresidente FNOMCeO e Presidente dell’OMCeO di Venezia avverte: «Se non si aumentano le borse di studio per specializzazioni e corsi MMG assisteremo ad un peggioramento del SSN, e anche con una certa velocità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...