Lavoro 10 febbraio 2015

Nuovi LEA, sul piatto il fondo milionario per sbloccare le riforme

Il ministro Lorenzin: “Le Regioni non sprechino questa opportunità”

Immagine articolo

Presentato, dal ministro Lorenzin alle Regioni, il piano per i nuovi LEA, durante l’audizione sulla sostenibilità del Ssn in Commissione Igiene e Sanità.

La revisione dei Livelli Essenziali di Assistenza costerà alle Regioni circa 415 milioni in due anni: una cifra decisamente più sostenibile – ha sottolineato il ministro Lorenzin – rispetto ai 950 milioni inizialmente preventivati nel Patto per la Salute. Considerando gli sforzi per aumentare il Fondo Sanitario, al fine di garantire sostenibilità al Ssn per i prossimi anni, “rinunciare a quest’opportunità, che consentirebbe di sbloccare questioni ferme da anni, significherebbe sprecare una preziosa occasione” avverte il ministro, e in più suggerisce che “le Regioni potrebbero reperire la cifra necessaria intervenendo su centri di costo che non siano quelli della salute”. Consiglio che però parrebbe già disatteso dalle Regioni: i tagli da loro proposti per la Stabilità ammonterebbero a più di due miliardi di euro, da spalmare anche su farmaceutica, cliniche private ed edilizia sanitaria.

Tornando ai LEA, il ridimensionamento dei costi è stato possibile grazie ad un lavoro di compensazione: da un lato si è preso atto che alcune innovazioni erano già state inserite nel sistema da molte Regioni negli ultimi anni, dall’altro si è proceduto ad eliminare tutti gli elementi ritenuti ormai obsoleti. “Perché tutto questo funzioni, però – ha avvertito Lorenzin – sarà necessaria un’attenta opera di monitoraggio da parte delle Regioni”. “Inoltre, sarà fondamentale prevedere un aggiornamento costante dei LEA, non “una tantum”, facendo attenzione a mantenere un equilibrio tra costi e innovazione tecnologica”. Il lavoro di revisione si basa su tre documenti che si integrano tra loro: uno schema di Dpcm con 10 allegati relativi alle diverse aree assistenziali, un’intesa Stato-Regioni per le protesi e gli ausili monouso, e un documento sull’aggiornamento continuo dei LEA da condividere con le Regioni.

Si parte dai servizi di prevenzione collettiva e sanità pubblica, con l’introduzione di alcune vaccinazioni che al momento non sono garantite su tutto il territorio nazionale (come quelle anti-meningococco, anti-pneumococco, anti-varicella e anti-Hpv). Sono state poi introdotte nuove prestazioni, e alcune novità sul nomenclatore per l’assistenza protesica. Nel documento è stata ridefinita anche tutta l’area dell’assistenza socio-sanitaria, inclusa la domiciliarità, i servizi territoriali, l’assistenza residenziale e quella semiresidenziale.

Tags

Articoli correlati
ESCLUSIVA ǀ Luci e ombre del SSN. Ecco il “piano”della Fondazione Gimbe. Cartabellotta: «Rimodulare i Lea»
«Dal Governo tante iniziative importanti, ma manca un piano preciso di salvataggio condizionato dalla limitata capacità della politica di guardare a medio-lungo termine» lo dichiara ai nostri microfoni Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe, che traccia un bilancio sulla sostenibilità del Sistema Nazionale con un occhio di riguardo ai giovani e alla formazione ECM: «Servono più sistemi premiali»
Autismo: ad essere colpiti 500mila italiani. Il disturbo è in aumento in tutto il mondo
L'autismo è stato di recente inserito nei Livelli Essenziali di Assistenza per garantire diagnosi precoce e cure individualizzate in tutte le Regioni
Lorenzin: «Giornata storica, entrano in vigore i nuovi Lea»
“Domani e’ una giornata storica: saranno pubblicati in Gazzetta i nuovi Lea, con le prestazioni di assistenza e il piano vaccini”. Lo ha annunciato a Montecitorio il ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Medicine alternative, costo o risparmio per il Servizio Sanitario Nazionale?
Walter Ricciardi (Istituto Superiore di Sanità): «No ai fondi per medicine alternative». Maurizio Romani (Idv): «No è aggravio, ma un risparmio». Intanto un italiano su 5 fa uso di medicinali alternativa e l’omeopatia è la cura più diffusa
Lea, ecco le novità. Lorenzin: «Migliaia di prestazioni a favore dei cittadini»
Livelli Essenziali di Assistenza, si attende il visto della Corte dei Conti. Vaccini, Lorenzin: «Si allarga la gamma delle coperture offerte gratuitamente, ma soprattutto più formazione e informazione per medici e genitori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...