Lavoro 10 febbraio 2015

Nuovi LEA, sul piatto il fondo milionario per sbloccare le riforme

Il ministro Lorenzin: “Le Regioni non sprechino questa opportunità”

Immagine articolo

Presentato, dal ministro Lorenzin alle Regioni, il piano per i nuovi LEA, durante l’audizione sulla sostenibilità del Ssn in Commissione Igiene e Sanità.

La revisione dei Livelli Essenziali di Assistenza costerà alle Regioni circa 415 milioni in due anni: una cifra decisamente più sostenibile – ha sottolineato il ministro Lorenzin – rispetto ai 950 milioni inizialmente preventivati nel Patto per la Salute. Considerando gli sforzi per aumentare il Fondo Sanitario, al fine di garantire sostenibilità al Ssn per i prossimi anni, “rinunciare a quest’opportunità, che consentirebbe di sbloccare questioni ferme da anni, significherebbe sprecare una preziosa occasione” avverte il ministro, e in più suggerisce che “le Regioni potrebbero reperire la cifra necessaria intervenendo su centri di costo che non siano quelli della salute”. Consiglio che però parrebbe già disatteso dalle Regioni: i tagli da loro proposti per la Stabilità ammonterebbero a più di due miliardi di euro, da spalmare anche su farmaceutica, cliniche private ed edilizia sanitaria.

Tornando ai LEA, il ridimensionamento dei costi è stato possibile grazie ad un lavoro di compensazione: da un lato si è preso atto che alcune innovazioni erano già state inserite nel sistema da molte Regioni negli ultimi anni, dall’altro si è proceduto ad eliminare tutti gli elementi ritenuti ormai obsoleti. “Perché tutto questo funzioni, però – ha avvertito Lorenzin – sarà necessaria un’attenta opera di monitoraggio da parte delle Regioni”. “Inoltre, sarà fondamentale prevedere un aggiornamento costante dei LEA, non “una tantum”, facendo attenzione a mantenere un equilibrio tra costi e innovazione tecnologica”. Il lavoro di revisione si basa su tre documenti che si integrano tra loro: uno schema di Dpcm con 10 allegati relativi alle diverse aree assistenziali, un’intesa Stato-Regioni per le protesi e gli ausili monouso, e un documento sull’aggiornamento continuo dei LEA da condividere con le Regioni.

Si parte dai servizi di prevenzione collettiva e sanità pubblica, con l’introduzione di alcune vaccinazioni che al momento non sono garantite su tutto il territorio nazionale (come quelle anti-meningococco, anti-pneumococco, anti-varicella e anti-Hpv). Sono state poi introdotte nuove prestazioni, e alcune novità sul nomenclatore per l’assistenza protesica. Nel documento è stata ridefinita anche tutta l’area dell’assistenza socio-sanitaria, inclusa la domiciliarità, i servizi territoriali, l’assistenza residenziale e quella semiresidenziale.

Tags

Articoli correlati
La Sanità nelle parole di Conte e Grillo: «Mai più cittadini di serie A e B. Vaccini? Si decide su basi scientifiche»
Il neoministro delinea la sua visione della sanità: «Cittadini hanno diritto a un Servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere». Sui vaccini: «Decisioni saranno collegiali». Le parole di Conte nel discorso per la fiducia
Piano Nazionale Cronicità, Aceti (Cittadinanzattiva): “Accelerare i tempi di attuazione ed informatizzare il SSN”
Le malattie croniche in Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa di circa 700 miliardi di euro l’anno. In Italia sono quasi 24 milioni le persone che hanno una o più malattie croniche. Il nostro Paese ha messo nero su bianco come il Servizio Sanitario Nazionale intende occuparsi delle persone […]
Bologna, nuovo test per scoprire l’autismo
Un team di ricercatori dell’Università di Bologna, Istituto di Scienze neurologiche (Irccs) del Bellaria, Università di Warwick e di Birmingham, ha scoperto un «bio marcatore» che potrebbe individuare la presenza dell’autismo anche nei bimbi piccoli. Lo studio ha coinvolto 38 bambini in cura presso l’Irccs e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista «Molecular Autism». […]
La Regione Lazio lancia Proton4Life: un grande polo di protonterapia contro i tumori a Roma
Al via a Roma il progetto Proton4Life per la creazione del primo polo per la cura dei tumori grazie alla protonterapia, inserita nei nuovi LEA, di cui potranno beneficiare non solo i pazienti del Lazio, ma anche del Centro e Sud Italia e destinato a diventare punto di riferimento per la cura dei tumori in […]
Gastroenterologia, ecco la videocapsula ingeribile. Diagnosi più accurata a costi ridotti
La capsula endoscopica è oggi la soluzione diagnostica più moderna, sicura e tecnologicamente avanzata disponibile per la visualizzazione dell’apparato digerente e in particolare del piccolo intestino (composto da duodeno, digiuno e ileo). Ciononostante, a sedici anni dal suo ingresso in Italia e dopo un’importante evoluzione tecnologica, risulta ancora sottoutilizzata: circa 7.500 casi l’anno contro i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...