Lavoro 21 aprile 2015

La protesta dei Giovani Medici: flash mob al MIUR

Chiesta trasparenza e meritocrazia nelle selezioni e un piano triennale per gli sbocchi lavorativi

Immagine articolo

Più borse di studio per arginare il fenomeno della fuga all’estero. Le hanno chieste i giovani medici con un singolare flash mob: alle 11,30 in punto davanti al Miur di Roma, nelle principali piazze italiane e nei policlinici del Paese, i neo-laureati in Medicina hanno letto – in simultanea – dalla prima all’ultima parola il Giuramento di Ippocrate. Una singolare e colorita forma di protesta, organizzata per richiamare l’attenzione del Governo, ed in particolare del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini.

Gli aspiranti specializzandi, tutti in camice bianco e con il fonendoscopio al collo, hanno esposto striscioni e cartelli dei diversi Paesi dove sono costretti a cercare lavoro, presentandosi con valigie e bisacce. Sostanzialmente hanno avanzato due richieste: in primis meritocrazia e trasparenza nell’organizzazione e nella gestione del prossimo concorso nazionale per le scuole di specializzazione; e poi l’adozione di un “piano triennale di finanziamento di un contingente di contratti di formazione specialistica necessario a colmare il gap tra numero di laureati e sbocchi nel post lauream”. In aggiunta è stata evidenziata la necessita della promozione di corsi di preparazione gratuiti in vista dei test di ammissione a carico delle università. Ed a proposito del concorso nazionale, il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, è intervenuto in commissione Cultura alla Camera rispondendo ad un’interrogazione di Paola Binetti, anticipando che le prove si svolgeranno entro il 31 luglio.

“Chiediamo chiarezza sulla formazione post laurea e sul diritto di essere medici in Italia. Non è la frustrazione che viene urlata – spiega sui gradini del Miur Andrea Silenzi, vice-presidente vicario del SIGM – ma la passione, dagli aspiranti specializzandi che aspettano da tempo questo concorso.” Il Sigm, a supporto del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS), alla richiesta di trasparenza sulle nuove modalità di ammissione al concorso nazionale,  somma quella della sicurezza sul numero di contratti messi a disposizione. “È necessaria una programmazione che permetta di sanare con un piano di rientro triennale la situazione di chi è rimasto fuori dai precedenti concorsi di specializzazione in Medicina Generale. E’ una battaglia – conclude Silenzi – per la trasparenza e la chiarezza nella programmazione che deve essere la chiave di volta della sanità italiana”. A Roma, così come in tutta Italia, i giovani camici bianchi si sono confrontati sulle loro difficoltà, senza nascondere amarezza e delusione e senza celare il malcontento per le decisioni del Governo. Se a Napoli gli aspiranti specializzandi sono arrivati a chiedere un miracolo a San Gennaro, a Roma ci si è rivolti direttamente al ministro Giannini alla vigilia del suo atteso intervento in Commissione.

“Ricordiamo che tra 10 giorni scadrà l’emanazione del bando per il concorso – ha affermato Giorgio Re, medico chirurgo rappresentante del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi – e auspichiamo una razionalizzazione delle borse per la specializzazione, rivedendo i bisogni dei medici in Italia, a partire proprio dal percorso di base di Medicina. Diventa fondamentale per evitare di dover espatriare e di conseguenza portar in altri Paesi quelle risorse che lo Stato e le nostre famiglie hanno speso per la formazione”. Sul fenomeno della fuga dei medici all’estero, Federica Azzolini, altra rappresentante del CNAS è stata categorica:  “È un fenomeno preoccupante ed esponenziale. Va arginato attraverso provvedimenti che devono necessariamente essere messi appunto dalle istituzioni e quindi nella fattispecie dal Miur. È necessario che ci sia una adeguata programmazione, che sia soprattutto una programmazione triennale in modo tale che non si vengano a creare queste situazioni di emergenza. Oggi – ha concluso – c’è la disponibilità di 3 mila borse di specializzazione, contro 13 mila richieste dei laureati. Un numero assolutamente insufficiente, anche rispetto al fabbisogno delle Regioni che di specializzandi ne chiedono 8 mila”.

Articoli correlati
Carenza MMG, le proposte dei Giovani Medici al Ministro Grillo: «Formazione accademica per i medici di base e borse ad hoc»
Il Dipartimento di Medicina Generale della SIGM ha elaborato un documento in cinque punti: tra questi facilitazioni in termini di graduatoria per chi si è formato in un’area carente e possibilità per i corsisti di esercitare
Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»
Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»
Francesco Wirz, l’italiano che ha operato l’uomo dai tre volti: «In Francia fiducia ai giovani, così si formano i chirurghi»
«Ho fatto tutto quello che, chirurgicamente, avrei potuto fare nella mia vita, ma non mi sento un vincente, perché ho dovuto lasciare il mio Paese. I giovani devono andare all’estero per scelta, non perché sono obbligati»
Carenza di medici, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi
Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream»
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...