Lavoro 18 novembre 2014

La dura vita degli specializzandi: gioie e dolori di ieri e oggi sempre all’insegna dei ricorsi

Il problema ora sono i test d’accesso mentre prima era negato l’adeguato trattamento economico

Immagine articolo

Prima si vedevano negare un diritto certo come l’adeguato trattamento economico durante la scuola post laurea, ora invece per accedervi devono fare i salti mortali ed incredibili peripezie per superare le trappole di un sistema d’accesso che continua a mostrare tutti i suoi limiti.

Passano gli anni, ma per migliaia di camici bianchi la strada verso la specializzazione resta lunga, tortuosa e piena di ostacoli da superare. Adesso i giovani medici sfogano la loro rabbia in piazza sperando che dopo l’ultimo pasticcio, quello dei quiz invertiti, ci sia un’assunzione di responsabilità ed un cambio di rotta. Minacciando valanghe di ricorsi si aspettano che l’Italia si allinei al resto d’Europa, creando percorsi lineari, trasparenti e meritocratici alla formazione specialistica. E fuori dai confini nazionali guardava anche chi si specializzava tra il 1982 ed il 1991 e tra il 1994 ed il 2006. Nel nostro Paese, infatti, nonostante specifiche direttive Ue veniva negata – nel primo caso – la borsa di studio mentre nel secondo non erano corrisposti gli oneri previdenziali, assicurativi e contributivi.

Tra bocconi amari da ingoiare e sacrifici, però, per quelli che ora sono ex specializzandi è arrivato il momento della giustizia. Sentenza dopo sentenza  i Tribunali di tutta Italia continuano a legittimare ciò che spettava loro di diritto. E si susseguono, di conseguenza, le consegne di rimborsi milionari a favore dei camici bianchi. Lo Stato, che rischia un esborso superiore ai 4 miliardi di euro, ne ha dovuto necessariamente prendere atto, velocizzando – come riferiscono i legali di Consulcesi, la maggiore realtà italiana ed internazionale a tutela dei medici – l’iter della liquidazione delle somme dovute per risparmiare sui costi legati ad interessi e spese di procedura. All’attenzione del Parlamento ci sono, inoltre, già tre Ddl. Sono stato sollecitati da Consulcesi con un sostegno ormai bipartisan, visto che il terzo – depositato di recente – ha come primo firmatario il senatore del Pd, Carlo Lucherini.  Si sta, insomma, cercando di trovare una soluzione in grado di tutelare i diritti dei medici ed evitare un salasso alle casse pubbliche (va ricordato che il risarcimento spetterà però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge).

Nel frattempo, però, non si arresta il fiume di rimborsi a favore dei medici. Questa mattina Consulcesi – che ha visto già riconoscere oltre 362 milioni ai suoi medici – ha consegnato presso l’OMCeO di Pisa altri assegni per oltre 3 milioni di euro a decine di professionisti provenienti da tutta la Toscana mentre, nella stessa sede, ha incontrato anche una delegazione di oltre 100 specializzandi -dichiarandosi pronta a sostenerli nei ricorsi – in un incontro fortemente voluto dal presidente Giuseppe Figlini “ai fini dell’individuazione delle migliori condizioni di tutela per gli iscritti all’Ordine”.

Per ulteriori informazioni sono a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Si apre a Roma il convegno della SIN (Società Italiana Neurologia) dedicato ai giovani
Si apre a Roma il Convegno organizzato dalla Società Italiana di Neurologia dal titolo “La richiesta di competenza neurologica nel prossimo futuro”, il primo degli appuntamenti dedicato ai giovani programmato dalla SIN per il 2018. La storica società scientifica ha, infatti, come scopo istituzionale quello della formazione e dell’aggiornamento dei neurologi, con particolare attenzione ai giovani […]
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...