Lavoro 7 gennaio 2015

I precari della sanità intravedono la luce in fondo al tunnel

Il ministro Lorenzin ha annunciato lo sblocco dei concorsi: “Si potrà ricominciare a dare stabilità e sicurezza a chi opera negli ospedali italiani con fatica e sacrificio”.

Immagine articolo

Il primo fondamentale passo per ridurre il precariato nel settore sanitario”. Così il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato l’avvio delle procedure concorsuali per i precari del Servizio sanitario.

Lo schema di decreto è stato trasmesso dal ministero alla Conferenza Stato-Regioni, spiegando in una nota che “il provvedimento, elaborato dopo un complesso iter che ha previsto l’interlocuzione con i Ministeri dell’economia e delle finanze e della semplificazione e pubblica amministrazione, una volta acquisita l’intesa della Conferenza, permetterà l’avvio di procedure concorsuali riservate al personale precario degli enti del Servizio sanitario nazionale”. Il blocco del turn-over negli ultimi anni ha imposto il ricorso a forme di lavoro flessibile al fine di garantire l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza, ma ora – grazie a questo provvedimento – si dovrebbe arrivare ad una svolta. Per il ministro si potrà “ricominciare a dare stabilità e sicurezza a chi opera negli ospedali italiani con fatica e sacrificio”.

E in studio ci sono anche ulteriori interventi normativi nell’ambito del riordino degli enti vigilati e nel settore della ricerca: “Ridurre nelle aziende ospedaliere altre sacche di precariato – conclude il ministro alla Salute – deve essere un nostro obiettivo”. Nello specifico la bozza di Dpcm, come si legge nella relazione, si propone: di disciplinare le procedure di reclutamento speciale transitorie (2013-2016), destinate al personale in possesso di contratto di lavoro a tempo determinato in misura non superiore al 50 per cento delle risorse finanziarie disponibili per assunzioni a tempo indeterminato; le procedure di reclutamento speciale per LSU e LPU e anche la proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato. Prevista, inoltre, la possibilità di partecipare alle procedure in questione per il personale dedicato alla ricerca in sanità e per il personale medico in servizio presso il pronto soccorso delle aziende sanitarie locali, con almeno 5 anni di prestazione continuativa, ancorché non in possesso della specializzazione.

“Anche se non risolve certo la gravissima questione del precariato medico – secondo la CIMO – questo provvedimento consentirà comunque a molti colleghi il passaggio ad un contratto a tempo indeterminato”. Il presidente del sindacato dei Medici Ospedalieri Riccardo Cassi pungola ora il Governo  ad affrontare la questione più generale, suggerendo di affidarsi al ddl delega previsto dall’art. 22 del Patto per la Salute: “Auspichiamo – conclude – però che anche il MEF ed il MIUR facciano la loro parte per un ammodernamento del SSN ed un suo avvicinamento a quanto avviene già nel resto di Europa”. Più tiepida la posizione dello SMI nel merito del decreto sui precari. Secondo il sindacato dei medici italiani nel testo non è chiara “la logica del provvedimento che traccia, per esempio, una chiara discriminazione tra co.co.co che hanno lavorato in PS e quelli che hanno operato in altre unità operative”.

Articoli correlati
Sanità, Grillo incontra i dipendenti del Ministero: «Merito ed efficienza capisaldi del mio mandato»
Il Ministro ha ribadito l’importanza del lavoro di squadra. Poi ha aggiunto: «Sono certa che con le tante, qualificate, risorse che il dicastero ha a disposizione sarà fatto un ottimo lavoro»
Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute
L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...