Lavoro 28 ottobre 2014

I medici dirigenti contro i tagli in sanità e le polizze folli: “Penalizzano soprattutto i giovani”

Intervista esclusiva a Costantino Troise, segretario nazionale Anaao

Immagine articolo

Mentre il Governo continua con la politica dei tagli, anche per i medici crescono le difficoltà. Tante le incombenze e le incertezze che minano la professione: ne abbiamo parlato con Costantino Troise, segretario nazionale di Anaao.

E’ un periodo buio per la sanità italiana e per i medici: la spending review  ha portato al blocco degli stipendi per gli statali…
Sì, è da anni che i pesantissimi tagli stanno soffocando e riducendo i servizi ai cittadini. Ma il momento è critico anche per i professionisti dipendenti del SSN: inchiodare i salari al valore nominale del 2010 significa perdere una quota consistente di reddito professionale e previdenziale. Ciò vale soprattutto per i giovani, penalizzati da stipendi irrilevanti, con gravi perdite economiche. Per alcuni ambiti professionali il governo ha concesso delle deroghe al blocco, ma non per gli operatori della Sanità: una esclusione immeritata per un settore che garantisce un diritto fondamentale.

A carico dei medici c’è anche l’obbligo assicurativo su cui restano ancora tanti dubbi…
I medici devono fronteggiare una domanda di salute crescente, disponendo di risorse decrescenti. Ciò alimenta il contenzioso, mina la serenità professionale e avvia procedimenti costosi per il sistema. L’obbligo assicurativo per i professionisti è paradossale, in assenza di un analogo obbligo per le aziende assicurative. Il medico è esposto a un vero e proprio ricatto: polizze sempre più onerose ma al contempo sempre più avare di diritti e tutele. Per i giovani precari questo diventa un impedimento all’attività professionale, che può portarli all’esclusione dal mondo del lavoro.

La coperta è sempre più corta, e i medici fanno ricorsi per avere giustizia, avvalendosi di sentenze europee…
La cattiva abitudine del nostro governo di disattendere le direttive europee comporta necessariamente l’avvio di procedure di infrazione. Il caso degli ex specializzandi è eclatante, ma a tutti va riconosciuto il diritto a un corretto trattamento economico, e ciò ha dato il la a migliaia di altri procedimenti. Un altro fronte riguarda l’orario di lavoro: ai medici italiani non sono garantiti gli stessi diritti riconosciuti agli altri lavoratori europei – soprattutto il diritto al riposo fisiologico di 11 ore dopo ogni turno e ad un tetto settimanale  di ore lavorate  – e ciò ha portato la Corte di Giustizia europea a prendere provvedimenti. Il ritardo nell’applicazione della norma creerà un altro filone di contenziosi tra medici e Stato, e un altro ancora rischia di profilarsi sul precariato, che in ambito sanitario è una piaga dilagante che né Governo né Regioni appaiono intenzionati a sanare.

Articoli correlati
Contratto, Cozza (Cgil): «Aumenti oltre gli 85 euro, riposo e basta con il Far West delle assunzioni»
Aumenti salariali, turni di lavoro, nuove assunzioni e coperture assicurative: sono questi gli argomenti principali che secondo Massimo Cozza, segretario nazionale della Cgil medici, dovranno essere affrontati in autunno dal tavolo negoziale che, dopo otto anni di attesa, dovrà trovare un accordo sul rinnovo del contratto dei camici bianchi
Rapporto operatori sanitari-pazienti. Renzo, Presidente CAO: «Centrale la figura dei giornalisti»
Il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO ai nostri microfoni: «Solo con una corretta informazione i cittadini possono scegliere dove farsi curare e venire a conoscenza di situazioni da denuncia»
Consiglio Nazionale FNOMCeO, Chersevani: «Comunicazione importante, migliorare rapporto medico e paziente»
Per la prima volta nella storia della FNOMCeO, la città di Siena è stata la culla che ha ospitatola la sede del Consiglio Nazionale, massimo organo esponenziale della Professione medica
A quali medici spetta l’indennità prevista per chi assiste il personale penitenziario?
Anche il medico incaricato presso una struttura centrale del D.A.P (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) ha diritto all’indennità? È questa, in particolare, la domanda alla quale ha risposto il Consiglio di Stato con la sentenza n. 2860 del 12 giugno 2017. La legge n. 740 del 1970 (Ordinamento delle categorie di personale sanitario addetto agli istituti di […]
Incubo pensione per i medici: l’81% teme crollo dei redditi e punta sulla previdenza complementare
Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, ha raccolto i pareri di oltre 2mila medici sulla previdenza complementare: il 51% degli intervistati ha già scelto un fondo pensione, privilegiando i privati. I medici chiedono intervento legislativo per incentivare l’adesione grazie alla maggiore deducibilità fiscale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...