Lavoro 7 aprile 2015

Farmaci blockbuster, in arrivo la “top eleven” del prossimo anno

E intanto si accende la discussione sulla sostenibilità di alcuni preparati salvavita

Immagine articolo

Undici nuovi farmaci in arrivo sul mercato farmaceutico nei prossimi dodici mesi.

Si tratta di farmaci cosiddetti blockbuster, innovativi e per questo destinati a riscuotere un grande successo commerciale e a condurre le redini del gioco nella cura di specifiche patologie, dall’epatite C al morbo di Alzheimer passando per la psoriasi.

In cima alla classifica stilata dagli esperti svetta il nivolumab, prodotto dalla Bristol – Myers Squibb, che prevede il trattamento del melanoma per via endovenosa, per il quale si prevedono vendite fino a 5,7 miliardi di dollari entro il 2019. Il suo asso nella manica sembra essere la capacità di produrre un’elevata risposta nei pazienti con melanoma non operabile o metastatico, nei quali il trattamento di prima linea non era servito ad arrestare la progressione della malattia. Il farmaco, approvato lo scorso dicembre dalla Fda, è attualmente in revisione da parte dell’Ema. Sul secondo gradino del podio troviamo l’alirocumab, sviluppato da Sanofi e Regeneron: si tratta di un anticorpo monoclonale mirato contro la proteina Pcsk9, una sostanza prodotta dal fegato che interferisce con i recettori del colesterolo Ldl. Anche in questo caso si preannunciano vendite da capogiro, stimate in 4,4 miliardi. O ancora, il combinato terapeutico della Novartis, indicato nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica e destinato a raggiungere, nelle previsioni, un fatturato di 3,7 miliardi di dollari.

E intanto, il problema di ridimensionare i prezzi dei farmaci salvavita senza abbattere la capacità delle industrie di fare profitti e reinvestirli è stato al centro di una tavola rotonda ad hoc presieduta da Carmine Pinto, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica, Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri, e Guido Guidi responsabile di Novartis Europa. Una questione da risolvere in fretta, dal momento che il nostro Ssn vuole continuare a “passare” le cure per alcune malattie ereditarie e tumori che richiedono trattamenti milionari.

Articoli correlati
Il 14 giugno sarà il World Blood Donor Day: in Italia, mai così pochi donatori in 10 anni
Continua a calare nel 2017 il numero dei donatori di sangue in Italia, dopo aver già toccato il record negativo dal 2009 lo scorso anno. Lo certificano i dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue e presentati – insieme a una campagna di sensibilizzazione realizzata con il CIVIS, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono […]
Quanto costa la malnutrizione in ospedale? I dati del Congresso Sinuc (Società Italiana di Nutrizione clinica e Metabolismo)
Nel quadro attuale di sostenibilità del SSN e di appropriatezza dei trattamenti, l’attenzione allo stato nutrizionale dei pazienti nei diversi contesti assistenziali sta per fortuna crescendo, se pur lentamente. I clinici sanno bene che la malnutrizione per eccesso o per difetto ha un impatto negativo su morbilità e mortalità ma c’è ancora una grande variabilità […]
“Senti chi fuma”, la spinta “gentile” per smettere. Il libro che dà voce ai fumatori
Scritto a quattro mani dal dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason, è stato presentato all’Istituto Superiore di Sanità in occasione del World No-Tobacco Day
Malati reumatici Anmar: nasce il nuovo position paper sui farmaci
Un documento nuovo, che chiarisca la posizione dei protagonisti delle malattie reumatiche, le persone malate, quello che sarà emanato a Roma il prossimo 29 maggio a Roma nel corso dei lavori di definizione del Position Paper delle 18 associazioni che fanno capo ad ANMAR. Si affiancherà a quello della Società Italiana di Reumatologia e vuole […]
Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»
Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...