Lavoro 7 aprile 2015

Farmaci blockbuster, in arrivo la “top eleven” del prossimo anno

E intanto si accende la discussione sulla sostenibilità di alcuni preparati salvavita

Immagine articolo

Undici nuovi farmaci in arrivo sul mercato farmaceutico nei prossimi dodici mesi.

Si tratta di farmaci cosiddetti blockbuster, innovativi e per questo destinati a riscuotere un grande successo commerciale e a condurre le redini del gioco nella cura di specifiche patologie, dall’epatite C al morbo di Alzheimer passando per la psoriasi.

In cima alla classifica stilata dagli esperti svetta il nivolumab, prodotto dalla Bristol – Myers Squibb, che prevede il trattamento del melanoma per via endovenosa, per il quale si prevedono vendite fino a 5,7 miliardi di dollari entro il 2019. Il suo asso nella manica sembra essere la capacità di produrre un’elevata risposta nei pazienti con melanoma non operabile o metastatico, nei quali il trattamento di prima linea non era servito ad arrestare la progressione della malattia. Il farmaco, approvato lo scorso dicembre dalla Fda, è attualmente in revisione da parte dell’Ema. Sul secondo gradino del podio troviamo l’alirocumab, sviluppato da Sanofi e Regeneron: si tratta di un anticorpo monoclonale mirato contro la proteina Pcsk9, una sostanza prodotta dal fegato che interferisce con i recettori del colesterolo Ldl. Anche in questo caso si preannunciano vendite da capogiro, stimate in 4,4 miliardi. O ancora, il combinato terapeutico della Novartis, indicato nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica e destinato a raggiungere, nelle previsioni, un fatturato di 3,7 miliardi di dollari.

E intanto, il problema di ridimensionare i prezzi dei farmaci salvavita senza abbattere la capacità delle industrie di fare profitti e reinvestirli è stato al centro di una tavola rotonda ad hoc presieduta da Carmine Pinto, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica, Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri, e Guido Guidi responsabile di Novartis Europa. Una questione da risolvere in fretta, dal momento che il nostro Ssn vuole continuare a “passare” le cure per alcune malattie ereditarie e tumori che richiedono trattamenti milionari.

Articoli correlati
Il 70% dei malati cronici non aderisce alla terapia in maniera completa. Arriva l’algoritmo per coniugare sostenibilità e salute
L'algoritmo renderà possibile per le istituzioni scegliere le politiche più efficaci per migliorare l’aderenza alle terapie e, di conseguenza, aumentare gli esiti di salute per i pazienti con automatica riduzione degli sprechi. Il progetto Abbiamo i Numeri Giusti, in collaborazione tra Merck e Università Cattolica del Sacro Cuore, sarà testato e validato su scala nazionale
Oppiacei, in UK +80% prescrizioni. E su confezioni avvertimenti su rischi dipendenza
Negli ultimi dieci anni, la prescrizione di oppiacei in Inghilterra è aumentata dell’80%. E nonostante nel 90% dei casi i farmaci non aiutino a combattere il dolore cronico, sono 200mila i pazienti che ne sono dipendenti. È quanto rivela un’inchiesta del London Evening Standard, riportata dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito “Oltremanica”. Lo Standard […]
SIFO lancia l’allarme da Goteborg: è emergenza farmaci pediatrici
I bambini hanno necessità di farmaci sviluppati specificamente per loro: non è più possibile derogare da questo obiettivo. Questo è il messaggio che la SIFO (la Società dei Farmacisti ospedalieri e dei Servizi territoriali delle aziende sanitarie) ha voluto lanciare da Goteborg, dove si è appena concluso il 23° Congresso annuale dei farmacisti europei che […]
Congresso infermieri, Pulimeno (Opi Roma): «Impegniamoci a rendere il Ssn sostenibile o rischiamo di affossarlo»
«Sta a noi – sottolinea la presidente dell’Ordine di Roma - dimostrare la capacità non solo di tessere relazioni ma anche di mantenerle. Siamo pronti a prendere le nostre responsabilità»  
Farmaci, Melazzini (Aifa): «Li prescrivano anche gli infermieri». La replica di Anelli (FNOMCeO): «Resti atto medico»
Il direttore dell’Agenzia per il farmaco apre alla possibilità, anche se sottolinea: «Serve modifica di legge». Contrario il mondo medico. Il presidente della Federazione degli Ordini: «Così si rischia un abbassamento di qualità dei Servizi Sanitari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...