Lavoro 27 ottobre 2015

«Ex specializzandi, Governo faccia transazione»

I rimborsi ai medici sono la prima voce di spesa per Palazzo Chigi e si va verso un esborso di oltre 4 miliardi di euro. Federico Gelli, responsabile Sanità della Segreteria Renzi del Partito Democratico: «Problema troppo sottovalutato: ora solo il Governo può risolvere la situazione».

Immagine articolo

I rimborsi agli ex specializzandi? Attualmente, una delle principali voci di spesa di Palazzo Chigi. Parola di Matteo Renzi. Ecco le dimensioni reali che ha assunto la questione, ancora irrisolta, dei medici specialisti classe 82 -2006.


Le continue sentenze favorevoli a coloro che, a seguito degli anni di specializzazione in medicina, hanno fatto ricorso per non aver ottenuto il trattamento economico che gli spettava di diritto, starebbero guidando le casse dello Stato ad un esborso miliardario. A seguito della dichiarazione del premier, Sanità informazione ha voluto approfondirne il senso insieme a Federico Gelli, responsabile Sanità per il Partito Democratico.

«A mio avviso il problema, maturato nel corso dei decenni, viene ancora oggi sottovalutato – dichiara Gelli -. Le cifre snocciolate dal premier sono oggettivamente preoccupanti, e richiedono un intervento normativo. Non è più possibile andare avanti a colpi di sentenze e credo che una modalità corretta per affrontare la situazione è che il governo se ne faccia carico avvalendosi dei ministeri competenti, cioè il Mef, il Ministero della Salute e quello dell’Università, perché si possa trovare una soluzione normativa: una transazione che chiuda definitivamente la partita. In caso contrario  – sostiene – si profilerebbe davvero un danno enorme al bilancio dello Stato».

Un danno stimato in oltre 4 miliardi e mezzo di euro, e sentenze che continuano a dare ragione ai medici che fanno ricorso. Se a questo si aggiunge la recente sentenza della Cassazione che allarga ali ante ’83 il bacino di potenziali ricorrenti, quella cifra potrebbe sembrare addirittura ottimistica… 

«Quest’ultima sentenza aggrava ancora di più la questione – continua il responsabile Sanità PD –  e a maggior ragione rende necessaria una norma che riconosca nel modo più consono i diritti lesi dal mancato recepimento delle direttive europee, e che al tempo stesso possa graduare l’elemento transattivo rispetto a chi ha percepito quota parte con borse di studio che non prevedevano integrazioni, riconoscimenti pensionistici ecc., e nello stesso tempo chi ha potuto svolgere l’attività professionale ma non ha percepito alcuna somma. Insomma, la questione è complessa, e gode di grande attenzione e grandi aspettative dalla categoria medica. Bisogna iniziare a rispondere in maniera adeguata – conclude Gelli –  e solo il governo può farlo»

Articoli correlati
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
«Ex specializzandi, in arrivo emendamento al DEF»
L’iniziativa dei senatori Lettieri e Liuzzi con i presidenti OMCeO di Bari e BAT, Anelli e Del Vecchio, e gli avvocati degli ex specializzandi di Consulcesi: «Sentenze a senso unico, medici e istituzioni facciano pressione per chiudere presto la questione. Un “tour” in tutti gli OMCeO d’Italia per sensibilizzare la categoria»
Per i medici specialisti 11 milioni di euro a Palermo grazie alle azioni di Consulcesi
Nuova vittoria per le azioni portate avanti da Consulcesi per le mancate remunerazioni durante la specializzazione. Appello del presidente dell’OMCeO Palermo, Salvatore Amato: «Governo e Parlamento si diano una bella smossa per i diritti dei colleghi». Le testimonianze dei medici rimborsati
Ex specializzandi, Cosimo Ferri, Sottosegretario alla Giustizia: «Difendere i diritti di chi ha investito tanto nel SSN»
«Il rimborso è un diritto» chiarisce il Sottosegretario Ferri. «Noi lavoriamo per eliminare questo contenzioso, mi auguro che si possa trovare una soluzione a livello governativo»
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...