Lavoro 19 aprile 2017

«Ex specializzandi, in arrivo emendamento al DEF»

L’iniziativa dei senatori Lettieri e Liuzzi con i presidenti OMCeO di Bari e BAT, Anelli e Del Vecchio, e gli avvocati degli ex specializzandi di Consulcesi: «Sentenze a senso unico, medici e istituzioni facciano pressione per chiudere presto la questione. Un “tour” in tutti gli OMCeO d’Italia per sensibilizzare la categoria»

Immagine articolo

Una sala piena di medici ex specializzandi negli anni tra il 1978 e il 2006, due presidenti OMCeO, due senatori della Repubblica, un esperto del settore legislativo parlamentare e i più rappresentativi esponenti dell’avvocatura, da Consulcesi in poi, che si occupano del caso.

EX SPECIALIZZANDI: A CHE PUNTO SIAMO?

Questi gli elementi essenziali che hanno dato vita nei giorni scorsi a Bari, in un affollato Auditorium dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri, ad un apprezzatissimo incontro per fare chiarezza su una tematica che coinvolge molte migliaia di camici bianchi e che, per i volumi economici che sposta, si tratta di diversi miliardi di euro, ha già mobilitato Governo e Parlamento. Ospitati dal Presidente OMCeO Bari Filippo Anelli e dal collega di OMCeO Barletta-Andria-Trani Benedetto Del Vecchio, e moderati con sapienza dal giornalista scientifico, Daniele Amoruso, sono intervenuti i senatori Luigi d’Ambrosio Lettieri e Piero Liuzzi, rispettivamente componenti della Commissione Sanità e Commissione Cultura del Senato, entrambi sostenitori del Ddl unico 2400 sulla materia illustrato da Roberta Spada, dell’Ufficio Legislativo del gruppo parlamentare al Senato, e da diversi avvocati presenti, come l’Avvocato Marco Tortorella patrocinatore dei ricorsi presentati dagli oltre 100mila medici Consulcesi, la realtà di settore che per prima ha sollevato in Italia il problema ex specializzandi e che ha finora, su questa materia, ottenuto vittorie per oltre 530 milioni di euro.

IL PRESIDENTE OMCEO BARI FILIPPO ANELLI: «ANCHE IO TRA GLI EX SPECIALIZZANDI PENALIZZATI»

La vicenda nasce, come spiega il presidente Anelli: «In un periodo in cui a tantissimi specializzandi, me compreso, non venivano riconosciute le remunerazioni definite dall’Europa. Noi sostenevamo con la nostra attività le cure e l’assistenza ai pazienti, sapendo che quella, oltre ad una attività formativa, era una vera e propria attività lavorativa». Le mancate remunerazioni per gli anni di specializzazione hanno portato in questi anni, a seguito di direttive europee violate e di sentenze delle magistrature comunitarie, tutta la giurisprudenza italiana ad emettere sentenze sempre più favorevoli per i medici ricorrenti: «Con rimborsi che si aggirano mediamente sugli 80mila/100mila euro» come spiega il Senatore Lettieri. Cifre imponenti per le casse dello Stato, ed è per questo che si è arrivati al disegno di legge 2400 in discussione al Senato che propone una transazione che possa salvaguardare il diritto dei medici e alleviare il peso di questa vicenda sulle finanze pubbliche.

SONO I RICORSI IL MODO MIGLIORE PER OTTENERE I RIMBORSI?

Dopo le approvazioni delle Commissioni Sanità, Lavoro e Politiche dell’Unione Europea, i tanti presenti all’incontro di Bari hanno chiesto se e quando la transazione potrà diventare legge. Alle tante domande in tal senso risponde il senatore Lettieri: «Come andrà a finire? Ci chiedono gli scettici. Sappiamo che alla fine non si concluderà niente… E se avremo qualche euro di ristoro lo avremo grazie agli avvocati e tramite le sentenze dei tribunali. Forse sarà così ma noi non vogliamo sottrarci dal dovere di dire cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo – afferma, con franchezza, il senatore –. Noi non siamo nella posizione di dire “questo provvedimento andrà a buon fine” perché noi non siamo il Governo. Noi, oltre a portare avanti la proposta legislativa, stiamo svolgendo una azione di pressione politica insieme ad altre forze parlamentari, di maggioranza e opposizione. Cito fra i tanti il senatore Aiello, estensore di un disegno di legge sul tema e che sostiene in modo “granitico” questa transazione. Insieme a lui, abbiamo parlato sia con il Ministro della Salute Lorenzin, sia con il ministro dell’Economia Padoan. I quali per il momento hanno fatto “spallucce” dicendoci di essere ancora in attesa delle valutazioni della Ragioneria Generale dello Stato sulla quantificazione… Noi siamo fiduciosi perché la nostra è una proposta di buon senso. Da una parte ci sono dei soggetti, migliaia di medici, che prima o poi adiranno le vie legali e la sentenza a loro favore, con i relativi rimborsi, l’avranno. Dall’altro lato c’è lo Stato che viene messo in mora ripetutamente e che deve provvedere. Una transazione converrebbe ad entrambi perché i medici chiuderebbero una volta per tutte la questione e lo Stato risparmierebbe soldi e alleggerirebbe da questo enorme contenzioso tutta la macchina della giustizia».

LA VOCE DEGLI AVVOCATI: «SÌ AL DOPPIO BINARIO RICORSI-TRANSAZIONE»

Che la transazione rappresenti una scelta di buon senso lo dimostra anche la posizione favorevole degli avvocati direttamente interessati alla vicenda come ha sottolineato per tutti, in un applaudito intervento, l’avvocato Marco Tortorella colui, che insieme a Consulcesi per primo ha rappresentato nelle aule dei tribunali i medici che hanno subito questa violazione e che finora ha ottenuto vittorie per oltre 530 milioni di euro. «Perché siamo favorevoli al disegno di legge? Perché tutta la vicenda nasce da un’assenza normativa che deve essere colmata. Non so quale sarà il testo che verrà attuato, ma qualsiasi legge verrà attuata sarà su base volontaria. Nessuna legge potrà obbligare i medici a rinunciare a un contenzioso. Certo, maggiori saranno le somme, minori saranno le esclusioni meglio sarà, ma in ogni caso non è più rinviabile l’approvazione di un testo normativo perché a oggi non c’è nessun riferimento legislativo».

UNA POSSIBILITA’ PRIMA DELLA FINE DELLA LEGISLATURA

Ma ci sono i tempi tecnici per l’approvazione del Ddl 2400 prima della fine imminente della legislatura? Sul tema fa chiarezza il senatore Liuzzi: «Nei prossimi mesi il governo e la maggioranza devono dare via libera alla Commissione V Bilancio del Senato. A quel punto la Commissione VII Salute voterà gli emendamenti proposti e il testo definitivo andrà in Aula per il voto finale. Il condizionale è d’obbligo ma i tempi tecnici ci sono per fare tutto entro l’estate. Così alla ripresa dell’attività il testo potrebbe arrivare alla Camera e vedere la luce prima dello scioglimento delle Camere».

LA PRESSIONE DI OLTRE 100MILA MEDICI E GLI EMENDAMENTI AL DEF E ALLA LEGGE DI BILANCIO

In conclusione dell’incontro, il primo di una serie di appuntamenti che i senatori si sono impegnati a tenere presto negli OMCeO di tutta Italia, arriva il forte appello del Senatore Lettieri a tutti gli ex specializzandi e agli organismi di categoria che li rappresentano a fare pressione: «Ce la possiamo fare, ma serve una pressione notevole, quella di oltre 100mila medici che, per influenza e ruolo sociale, può davvero essere decisiva sul governo e sul mondo dei decisori politici in vista delle prossime elezioni – scandisce il senatore che annuncia anche le sue prossime mosse –. Io con il Senatore Liuzzi, raccogliendo le firme di tutti i colleghi di maggioranza e opposizione, a cominciare dal collega Aiello, porterò avanti questa “crociata” e farò un emendamento al Def e alla Legge di Stabilità che, grazie ai tempi contingentati, dovrà avere una risposta certa».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Così la Blockchain salverà il Made in Italy in tavola (e la nostra salute)
Andrea Tortorella, autore di "Criptosvelate" e CEO di Consulcesi Tech: «Con la Blockchain la filiera alimentare diventa completamente tracciabile: ‘parmesan’ e ‘mozzarille’ costano al nostro Paese 65 miliardi di euro ogni anno ma la tecnologia renderà impossibile ingannare i consumatori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...