Lavoro 14 ottobre 2014

eHealth: a Roma il confronto tra le “best practice” europee

Il tavolo organizzato dal Ministero della Salute per un’azione coordinata su App mediche e telemedicina

Immagine articolo

Le esigenze dei cittadini europei stanno cambiando e, di pari passo, devono cambiare le tecniche usate per curare la loro salute. Per questo motivo il Ministero guidato da Beatrice Lorenzin ha organizzato, all’interno del semestre europeo a presidenza italiana, una conferenza ministeriale sul tema della Sanità elettronica.

Nella due giorni che ha avuto luogo la scorsa settimana a Roma, a cui hanno partecipato esponenti di spicco della sanità provenienti da vari Paesi dell’Ue, si è infatti parlato di telemedicina, mobile Health, Fascicolo Sanitario Elettronico, in un confronto che ha evidenziato come la nuova sanità possa, da un lato, migliorare l’accesso alle cure e, dall’altro, contribuire ad accrescere l’efficienza e la sostenibilità dell’intero sistema.

Per riuscire nell’intento è opportuna un’azione coordinata a livello europeo, traendo il meglio, laddove possibile, dalle “best practice” poste in essere dagli Stati membri. Prendiamo ad esempio l’esperienza portoghese, che nonostante la profonda crisi economica in cui il Paese lusitano versa da anni, è riuscito ad ottenere buoni risultati nel campo della telemedicina grazie ad un approccio “centralizzato a livello governativo, con la strategia delle due M: multi – dispositivo, multi – utente, per ottimizzare l’efficacia e ridurre i costi” come ha sottolineato Henrique Martins, presidente del Comitato per la eHealth presso il Ministero della Sanità portoghese. O ancora come la Francia, la cui strategia per l’implementazione delle telemedicina, spiega Michéle Thonnet (Ministero della Sanità francese) “si sta concentrando soprattutto sull’esportare questa pratica anche fuori dagli ospedali, a vantaggio di determinate categorie di persone che ne trarrebbero giovamento, come, ad esempio, anziani e carcerati”.

Ritenuto fondamentale però, all’unanimità, un accordo sulla cornice etico – legale in cui opererà questo nuovo modo di “fare sanità”, soprattutto relativamente alla tutela della privacy. Una problematica che investe soprattutto il mondo della mobile Health – evoluzione della eHealth – e delle App mediche, su cui la Commissione europea ha emanato un libro verde e stabilito che, in fase di progettazione, l’impatto sulla privacy dev’ essere valutato sia a monte che in itinere. Senza trascurare che, come ha sottolineato l’avvocato Chiara Rabbito, della Società Italiana di Telemedicina e sanità elettronica (SIT), “aumentando gli attori in gioco, va rivisto il modello di ripartizione delle responsabilità. Una condizione necessaria per integrare la telemedicina all’interno del Servizio sanitario nazionale”.

Articoli correlati
Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati
Anaao: «Senza soldi non si firmano contratti»; Cimo: «Ecco che inizia il ping pong tra le Istituzioni»; FVM: «È dialogo tra sordi, che non sentono malcontento dei lavoratori»
Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»
Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò il midollo osseo e la sua opinione sulla corretta informazione: «Tutti cerchiamo sul web, ma poi ci affidiamo ad un bravo medico»
Legge di bilancio, Magi (APM): «Senza risorse il Ssn e i rinnovi di contratti e convenzioni sono a rischio»
All’indomani dell’approvazione della legge di bilancio 2018 da parte del Governo, il portavoce di APM (Alleanza per la Professione Medica), ha incontrato il rappresentate salute delle Regioni e gli ha manifestato la sua preoccupazione per quanto riguarda le risorse che l’Esecutivo ha destinato al Fondo sanitario nazionale.
Sanità: Regione Lazio, approvato il regolamento del registro dei tumori
La Regione Lazio ha approvato il Regolamento del Registro dei Tumori in attuazione regionale n°7 del 12 giugno del 2015. In particolar modo le finalità del Registro sono relative alle misure dell’incidenza, della mortalità, della sopravvivenza e prevalenza dei tumori. A svolgere studi epidemiologici sui fattori di rischio e sugli esiti degli interventi di diagnosi […]
Assunzioni in sanità: ecco le date delle prove per la stabilizzazione di 1400 lavoratori
Sono state fissate le date per le prove dei 145 concorsi che saranno indetti nella Regione Lazio e destinati alla stabilizzazione dei 1.400 lavoratori operanti nella sanità con contratti a tempo determinato, secondo il perimetro definito dal DPCM del 6 marzo 2015. Lo comunica la Regione Lazio in un comunicato stampa. Le prime prove scritte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...