Formazione 23 gennaio 2017

Ecm, SIMLII: «Nuove regole più stringenti valgano per tutti, ora solo i medici competenti rischiano il lavoro»

Intervista alla professoressa Giovanna Spatari, Segretario nazionale della principale realtà di riferimento della categoria. Parere positivo sul nuovo accordo Ministero-FNOMCeO per la trasmissione dei dati: «Più velocità e trasparenza»

«Se c’è una regola deve valere per tutti i medici, non soltanto per una determinata specializzazione». Lo afferma la professoressa Giovanna Spatari, segretario nazionale della SIMLII, società scientifica di riferimento per i medici competenti, per i quali il recentissimo accordo tra il Ministero della Salute e la FNOMCeO segna un importante punto di svolta nella gestione del programma di Educazione Continua in Medicina (ECM). In particolare la sinergia, che si svilupperà attraverso una rapida condivisione dei dati relativi all’acquisizione dei crediti ECM, punta a garantire maggiore trasparenza e comunicazioni più rapide e precise. Ma questo sembra essere solo uno degli step di un percorso mirato a rendere più efficiente il sistema di aggiornamento (in linea con l’obbligo di legge del programma di Educazione Continua in Medicina) a garanzia sia dei professionisti sia dei pazienti. L’importanza della formazione degli operatori sanitari è, infatti, considerata un valore da tutelare con tutte le misure possibili, portando la questione anche all’attenzione delle istituzioni. Anche perché, come è stato già raccontato anche dal nostro giornale, si sono verificati casi di medici competenti che hanno perso il lavoro proprio perché non in regola con l’ECM. «Per la nostra categoria – spiega la professoressa Spatari – diventa effettivamente penalizzante fino al punto che il medico competente possa perdere l’attività lavorativa. Se questo fosse valido per tutti i professionisti esercenti la professione sanitaria noi lo potremmo capire, ma non è così».

I medici competenti si sentono, in un certo senso, particolarmente sotto esame. Questo anche alla luce della vicenda dello scorso anno con il depennamento di 6mila colleghi dall’elenco.

«Noi su questo ci stiamo muovendo su due piani differenti: l’accordo tra Ministero e FNOMCeO per la trasmissione dei dati entra nel merito della procedura e potrebbe essere un sistema garantista affinché non sfuggano dei professionisti che, pur essendo in regola con gli adempimenti ECM, si vedano cassati dall’elenco per omissioni o ritardi di trasmissione dai provider ad Agenas. Il secondo punto è un altro: la nostra società scientifica sta portando all’attenzione anche di altre istituzioni il problema che i medici competenti sono gli unici professionisti che, se non in regola con i crediti ECM, non possono esercitare la loro attività professionale, e sono l’unica categoria tra le professioni sanitarie, quindi questo ci riporta su un piano diverso che non è pertinente all’accordo».

Ritiene che ci sia meno attenzione riguardo gli altri colleghi?

«Sì, il medico competente per poter esercitare la professione, a parte il possesso del titolo, ovvero la specializzazione o altro titolo equipollente, deve dimostrare di aver conseguito i crediti ECM. Questo vale anche per gli altri professionisti, ma solo i medici competenti, se inadempienti con l’obbligo, possono perdere la possibilità di esercitare la professione. Ecco qual è la differenza».

Quindi, facendo un esempio a caso, è giusto che un cardiologo che non è in regola con la formazione Ecm, continui regolarmente a lavorare?

«Secondo me, se c’è una regola deve valere per tutti gli esercenti la professione, non soltanto per una determinata attività sanitaria».

Riguardo all’accordo, entrando nel merito, sarà utile a snellire le procedure?

«Da un punto di vista procedurale a mio giudizio probabilmente sì, ma come tutti gli accordi sarà solo il tempo a dire se funziona bene. Vorrei ricordare che dopo la pubblicazione del primo elenco relativo all’acquisizione dei crediti per il triennio 2011-2013 abbiamo registrato che tra quei 5mila medici cassati dall’elenco, molti in realtà avevano ottemperato al requisito di acquisizione dei crediti, ma c’era stato un ritardo perché il sistema di raccolta era esclusivamente centralizzato. Quindi probabilmente ora, con una collaborazione con gli Ordini professionali, competenti per territorio, si potrà verificare, in modo più capillare, il possesso dei requisiti o meno».

Ora, dunque, si potrà sapere più velocemente se un medico è aggiornato o meno.

«Certo. Il professionista, contattato dal suo ordine professionale, può dettagliare la frequenza dei corsi, anche quelli più recenti, e fornire, se richiesta, specifica documentazione. Come potrebbe un organo centrale come il dipartimento della prevenzione fare controlli su singoli casi? Chiaramente, il decentramento può essere utile nella misura in cui agevola queste forme di verifica, attraverso gli strumenti e il personale di cui ciascun Ordine dispone».

Ed è quindi su questo piano che vi state muovendo, cercando una soluzione istituzionale. Quale potrebbe essere, avete già un’idea a livello di proposta, una soluzione?

«La soluzione dovrebbe essere quella di equiparare le professioni, e per questo naturalmente noi abbiamo chiesto una serie di incontri, sia al Ministero della Salute, sia alla Commissione nazionale ECM, con la quale vorremmo anche discutere, in modo più ampio, di nuovi strumenti di erogazione di attività formative e di criteri qualitativi della stessa».

Articoli correlati
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
ECM, proroga in scadenza. Bovenga: «Premiare medici che investono in formazione»
Il Segretario FNOMCeO: «Sempre più frequenti le situazioni nelle quali i percorsi formativi dei professionisti vengono presi in considerazione nei procedimenti giudiziari ed addirittura nelle polizze assicurative. Non è questo l’aspetto che più mi appassiona, ma chi lo ignora rischia di venirne travolto»
ECM e medici del lavoro, cosa dice la normativa?
E’ il Decreto 81/2008 che fissa il limite minimo del 70% dell’obbligo formativo nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di lavoro”. Pertanto, se ad esempio l’obbligo formativo standard è di 150 crediti nel triennio, il Decreto 81 impone ai medici del lavoro di conseguire almeno 105 crediti (pari al 70%) nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di […]
Il defibrillatore può salvare la vita: in vigore l’obbligo per le società sportive dilettantistiche
A fronte di migliaia di decessi l’anno causati da fenomeni cardiopatici improvvisi, finalmente operativa la norma che perfeziona il decreto Balduzzi del 2013: oltre ai defibrillatori a bordo campo, sarà obbligatorio anche personale formato per interventi d’urgenza
Vaccini, attivo da oggi l’1500, numero verde del Ministero della Salute
In linea medici ed esperti per chiarire le novità del decreto.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...