Cause 18 ottobre 2016

Vittoria da 18 milioni per i medici campani. Consulcesi: «Interrompete gratuitamente la prescrizione»

Consegnati rimborsi ad oltre 400 camici bianchi. Tortorella (Consulcesi): «Diritto va in prescrizione, chi non ha fatto ricorso può interromperla gratuitamente con una telefonata»

Una nuova vittoria per i medici ex specializzandi. A Napoli il gruppo Consulcesi ha distribuito oltre 18 milioni di euro a 449 camici bianchi che non avevano ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea. I medici che hanno vinto il ricorso avevano frequentato un corso di specializzazione tra il 1978 e il 2006, anni in cui lo Stato italiano non era in regola con le direttive europee sul tema.

«Questa vittoria fa parte di una serie più ampia che ogni mese vede sentenze nuove e vittoriose sia in primo grado che in appello e in Cassazione» annuncia con soddisfazione il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella ai microfoni di Sanità Informazione. Questi risultati sono di conforto anche per i tanti medici che hanno iniziato l’azione legale in passato ma il cui iter giudiziario è stato più lungo rispetto a chi si è attivato più di recente. Infatti, spiega Tortorella, nel frattempo la giurisprudenza si è consolidata e «ormai la Cassazione ha orientato e definito questa posizione velocizzando la trattazione e di questo siamo estremamente soddisfatti».

In questa direzione si lavora proprio in queste ore anche in Parlamento, dove è in corso l’esame finale del Ddl 2400, presentato da 21 senatori di schieramenti trasversali, che prevede un indennizzo forfettario a favore di quei medici che avranno presentato ricorso per non aver ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola di specializzazione, frequentata tra il 1978 ed il 2006. All’ordine del giorno in Commissione Istruzione del Senato è fissata la scadenza per la presentazione di emendamenti e ordini del giorno, mentre inizia anche l’esame in Commissione Sanità in sede consultiva.

«E’ importante che i medici che non l’hanno ancora fatto, aderiscano adesso che si è ancora in tempo. Non bisogna perdere questa occasione e rischiare di rimanere fuori dai rimborsi – prosegue il presidente di Consulcesi -. Approfitto anche di questa occasione per fare un appello ai medici specialisti: la prescrizione scadrà tra qualche mese e quindi noi consigliamo d’interrompere la prescrizione, è facilissimo farlo ed è gratuito, basta una dichiarazione, noi mettiamo a disposizione un ufficio legale anche per chi non vuole per il momento aderire alla causa, ma vuole interrompere la prescrizione per poi decidere di farlo in un momento successivo».

A coordinare l’evento di consegna assegni il giornalista e conduttore televisivo David Parenzo: «Un diritto che finalmente dopo anni di lentezze i tribunali italiani sono arrivati a riconoscere. Non ci sono solo i numeri di cui stiamo dando conto, non ci sono solo gli assegni che stiamo consegnando, ci sono anche altre situazioni che attendono di essere sanate che comportano un costo per lo Stato, quindi per tutti noi cittadini. Qualora il Parlamento non riesca a arrivare a un modello condiviso di risarcimento il rischio di esborso da parte nostra sarebbe troppo alto. Consulcesi – spiega ancora Parenzo – ha fatto un piccolo capolavoro politico, intorno a questo obiettivo ha messo d’accordo le varie parti politiche. È l’unico caso in cui esponenti dell’opposizione, da Forza Italia al M5S, e della maggioranza, stanno lavorando insieme a un disegno di legge che aspetta di diventare tale. Un grande segnale, lo Stato risparmierebbe i soldi dei cittadini e si eviterebbero altre cause».

Articoli correlati
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
«Ex specializzandi, in arrivo emendamento al DEF»
L’iniziativa dei senatori Lettieri e Liuzzi con i presidenti OMCeO di Bari e BAT, Anelli e Del Vecchio, e gli avvocati degli ex specializzandi di Consulcesi: «Sentenze a senso unico, medici e istituzioni facciano pressione per chiudere presto la questione. Un “tour” in tutti gli OMCeO d’Italia per sensibilizzare la categoria»
Per i medici specialisti 11 milioni di euro a Palermo grazie alle azioni di Consulcesi
Nuova vittoria per le azioni portate avanti da Consulcesi per le mancate remunerazioni durante la specializzazione. Appello del presidente dell’OMCeO Palermo, Salvatore Amato: «Governo e Parlamento si diano una bella smossa per i diritti dei colleghi». Le testimonianze dei medici rimborsati
Ex specializzandi, Cosimo Ferri, Sottosegretario alla Giustizia: «Difendere i diritti di chi ha investito tanto nel SSN»
«Il rimborso è un diritto» chiarisce il Sottosegretario Ferri. «Noi lavoriamo per eliminare questo contenzioso, mi auguro che si possa trovare una soluzione a livello governativo»
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...