Diritto 26 maggio 2015

Un dramma chiamato responsabilità professionale

Intervista a Pierpaolo Vargiu, presidente Commissione Affari Sociali della Camera: «Un testo di legge che metta ordine a materia che crea problemi legati alla medicina difensiva attiva e passiva»

Immagine articolo

Troppe responsabilità e poche garanzie. Il medico italiano è sempre più vittima del caos assicurativo che regna sovrano in Italia oramai da troppi anni.

Di proposte di legge per regolamentare una  volta per tutte una materia così complessa ce ne sono tante. Alla commissione Affari Sociali della Camera si sta infatti lavorando alla messa a punto di un testo unico che raggruppi le diverse sensibilità. Sanità informazione ha chiesto a Pier Paolo Vargiu, presidente della Commissione, a che punto è lo stato dei lavori.

Onorevole Vargiu, è in preparazione un testo unico ovvero una legge quadro sulla Rc professionale, chiesta da più parti. E’ un momento importante in Commissione Affari Sociali…

«Io credo che il tema del rischio clinico e della responsabilità professionale sia un vero e proprio dramma che consuma una quantità di risorse immensa e che sta creando i problemi legati alla medicina difensiva – attiva e passiva – che ben conosciamo. E’ un argomento complesso ma credo che la Commissione stia lavorando bene: è quasi pronto il testo che esce dal comitato ristretto. Non mi aspetto che venga approvato in quattro e quattr’otto, tuttavia è certamente un passo importante e decisivo per arrivare ad un ragionamento comune su una questione che non può più essere rimandata».

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha sollecitato la legge quadro sottolineandone l’importanza. Tante le realtà coinvolte tra cui i medici ospedalieri: proprio Cimo di recente ha rimarcato quanto questo testo sia il benvenuto. L’auspicio è che possa trovare delle soluzioni definitive che accontentino tutti.

«Accontentare tutti sarà difficile, quel che è certo è che bisogna agire nell’interesse del paziente. Capisco che medici ed operatori sanitari siano più sensibili al problema, ma la soluzione che noi troviamo è fondamentalmente una risposta ai problemi del paziente. Ogni anno vengono sprecati dai 10 ai 12 miliardi di euro che non vengono utilizzati per la buona medicina. Quand’è così il danno è evidentemente del paziente. Di conseguenza il problema del rischio clinico e della Rc è fondamentalmente suo, del cittadino, e proprio per questo dobbiamo risolverlo in fretta».

Articoli correlati
Federico Gelli: «Gestione del rischio e assicurazioni, arriva una guida per orientarsi nel nuovo corso della responsabilità sanitaria»
Pubblicato un importante volume dell’Editore Giuffrè: «La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione. Commento sistematico alla Legge Gelli»
Legge Gelli, pronto il decreto che istituisce l’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità
Istituito all’interno dell’AGENAS e composto da direttori generali del Ministero della Salute e da cinque esperti, si occuperà di monitorare le buone pratiche, di fornire indicazioni sulla gestione del rischio clinico e di individuare misure idonee per la formazione e l’aggiornamento del personale sanitario
Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»
Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell'Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»
Legge Responsabilità Professionale, arriva primo decreto su società scientifiche
«Una Legge che ha delineato la gestione corretta del rischio clinico e la responsabilità del contenzioso» lo dichiara Paola Frati Professoressa di Medicina Legale a La Sapienza, in occasione del convegno "Le novità introdotte dalla Legge 24/2017 Gelli”
Avvocati e medici a confronto su Legge Gelli. Lavra (OMCeO Roma): «Inizio di un percorso che andava assolutamente intrapreso»
Il Presidente dell’Ordine più grande d’Europa commenta ai nostri microfoni la riforma della responsabilità professionale in sanità: «Chi opera in ambito sanitario può stare più tranquillo. Importanti novità su risk management e assicurazioni, ma aspettiamo i decreti attuativi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...