Diritto 16 giugno 2015

Turni massacranti dei medici: ora il governo dovrà rispondere

Il senatore D’Ambrosio Lettieri presenta l’interrogazione ai ministri Lorenzin e Padoan

E‘ arrivato fino al Parlamento l’allarme lanciato dai medici sui turni massacranti a cui sono sottoposti. Con professionalità e responsabilità stanno continuando a portare avanti il Ssn con orari di lavoro che vanno ben oltre quanto dispone la legge, e spesso anche al di là delle proprie possibilità fisiche. I sindacati e le principali realtà di categoria chiedono da tempo, e con forza, un intervento istituzionale per risolvere il problema. Il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, che proprio ai microfoni di Sanità informazione aveva annunciato una «una crociata per i diritti dei medici», ha presentato una interrogazione orale ai ministri della Salute e dell’Economia. L’iniziativa del membro della Commissione Igiene e Sanità quale primo firmatario, ha trovato immediatamente le adesioni dei colleghi Piero Aiello, Emilio Floris, Maria Rizzotti e Antonio Scavone.

Il testo verrà presentato ufficialmente domani mattina in una conferenza stampa, fissata alle 12 presso la Sala Nassirya del Senato. I dettagli verranno svelati dallo stesso D’Ambrosio Lettieri, ma l’obiettivo è duplice: restituire il “diritto alla salute” degli operatori sanitari e – contestualmente – salvaguardare le casse dello Stato da una nuova ondata di ricorsi. Lo Stato italiano, infatti, non rispetta le regole imposte dall’Unione europea (attraverso la direttiva 2003/88/CE) che prevede l’ammontare massimo di ore lavorative consecutive e i termini minimi di riposo settimanale per ogni singolo lavoratore. La normativa è stata recepita per tutte le categorie professionali ad eccezione di quelle che operano nel Servizio sanitario nazionale. Questo è avvenuto attraverso specifiche disposizioni introdotte nelle Finanziaria del 2007 e del 2008, ma di fronte alla minaccia di sanzioni da parte dell’Ue, l’Italia è corsa ai ripari e dal prossimo anno si metterà in regola dando attuazione alla legge 161 del 2014.

Quello dei ricorsi resta comunque un nervo scoperto: se ne rischiano una valanga visto che sono le singole aziende a spingere i lavoratori a chiedere il “conto” allo Stato inadempiente. E potrebbe essere una scoppola, considerando che sono 106mila i medici potenziali ricorrenti e, di conseguenza, diversi i miliardi che potrebbero uscire dalle casse pubbliche. Appare, dunque, necessario trovare una soluzione/argine al problema con le istituzioni chiamate a fare la loro parte. L’interrogazione del senatore D’Ambrosio Lettieri va proprio in questa direzione, ma potrebbe essere solo il preludio di altre azioni a tutela degli operatori sanitari. Così come chiede da tempo CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, che sarà presente con il presidente Riccardo Cassi al tavolo dell’appuntamento alla Sala Nassirya. Al loro fianco siederà anche Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, che su un altro fronte sempre relativo alle violazioni delle direttive Ue – quello degli ex specializzandi ’82-2006 – ha visto riconoscere ai suoi medici già oltre 373 milioni. Sullo Stato pende dunque la spada di Damocle di un’altra ondata di ricorsi: dopo quelli già partiti, ed è imminente la prossima azione di Consulcesi, aperta al dialogo con le istituzioni ma pronta a far valere i diritti degli operatori sanitari con la forza di un Gruppo che ha già cambiato la giurisprudenza, in Italia ed in Europa, a favore dei medici.

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione