Diritto 23 settembre 2014

Numero Chiuso: Università in balia di un sistema che non regge più 

Ricorsi e continue sentenze favorevoli agli studenti stanno dando il colpo di grazia ai test d’accesso a Medicina ancora prima della riforma annunciata dal ministro Giannini

Immagine articolo

Ricorso dopo ricorso, sentenza dopo sentenza, si infliggono colpi sempre più duri, e meglio assestati, al  Numero Chiuso. Un sistema che si sta sbriciolando, mostrando limiti e contraddizioni che da anni agitano gli studenti e ingolfano la giustizia italiana.

Ma ora gli effetti “collaterali” li stanno pagando soprattutto gli atenei: prove annullate e riammissioni in sovrannumero stanno mandando in tilt le Università, ormai chiaramente in balia del caos dei test di ammissione. Quelli per la facoltà di Medicina, proprio nel 2014 ed in particolare in queste ultime settimane, hanno sollevato un polverone attraverso il quale – secondo i ben informati  – si velocizzerà l’iter per l’abolizione a cui punta il ministro all’Istruzione Stefania Giannini. Si passerà, nonostante un corposo fronte di contrari,  al “modello francese” con porte aperte per tutti e selezione a step durante il corso di laurea.

Nel frattempo, però, ci pensano i Tribunali a delegittimare il Numero Chiuso. Dopo la recente riammissione di 500 studenti tra Napoli e Bari, nei giorni scorsi il Tar di Palermo ha dichiarato illegittimo il test dell’8 aprile scorso per l’ammissione ai corsi di Medicina e Odontoiatria alle Università di Palermo, Catania e Messina (per queste ultime si è espresso il Tar del Lazio perché quello siciliano si era dichiarato incompetente). È stata ritenuta fondata “la censura relativa alla violazione della regola dell’anonimato in ragione dell’apposizione, sulla scheda anagrafica e in quella contenente i quesiti, oltre che del codice a barre, anche del codice alfanumerico di identificazione, il che per giurisprudenza costante, anche di questo Tar, comporta la violazione del principio dell’anonimato”.

Dovranno insomma essere ammessi almeno altri 500 aspiranti camici bianchi a Medicina. Ora sono, dunque, più di 3000 le matricole in sovrannumero rispetto ai 10.500 vincitori delle selezioni ma il numero potrebbe salire ancora. Si attendono, proprio in questi giorni, nuove sentenze che non faranno altro che aumentare il caos e dare una decisa accelerata ad un cambiamento ormai improcrastinabile.

Articoli correlati
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi