Diritto 1 luglio 2014

Precari sanità: pioggia di critiche sulla bozza proposta dal governo

Fials e Fassid sul piede di guerra: il sottosegretario alla Salute De Filippo tenta una mediazione

Immagine articolo

Un mare di critiche ha inondato il dibattito sulla nuova bozza del Dpcm, relativa ai lavoratori precari in sanità e contenente le osservazioni provenienti dai ministeri della Funzione Pubblica e dell’Economia.


Nel decreto viene stabilito che non oltre il 31 dicembre del 2016 gli enti potranno bandire concorsi
per titoli ed esami, per assunzioni del personale a tempo indeterminato, ferme restando le graduatorie dei concorsi pubblici e continuando a tenere conto del personale che entro lo scorso 30 ottobre ha maturato almeno tre anni di servizio (anche non continuativo) nell’ultimo quinquennio. Sarà inoltre possibile prorogare i contratti a tempo determinato fino al compimento delle procedure e, in ogni caso, entro il 31 dicembre del 2016.

Su questi punti i sindacati hanno subito sollevato alcune obiezioni. Per la Fials si tratta di un testo inaccettabile in quanto “la salute non può e non deve essere garantita con forme contrattuali diverse da quelle a tempo indeterminato”.

Molto critica anche la Fassid (la federazione che unisce Aupi, Aipac, Simet, Snr Dirigenti e Sinafo), secondo cui il Dpcm “è davvero inaccettabile” e “salva al massimo un 10 per cento dei precari”.

Molti dei problemi sollevati dai sindacati sono stati condivisi dal ministero della Salute, nella persona del sottosegretario Vito De Filippo, il quale proverà a mediare tra le rivendicazioni dei lavoratori e le esigenze del governo.

Articoli correlati
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Influenza Aviaria, ecco il decreto con i fondi alle Regioni. Il Ministro risponde
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 91, del 19.04.2018, il Decreto 14 marzo 2018 del Ministro della salute che, di concerto con il Ministro delle politiche agricole, ripartisce alle Regioni i fondi per l’emergenza avicola previsti dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205 “Legge di Bilancio”. Il Decreto assegna alle amministrazioni regionali […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Lorenzin: «Il mio futuro? Continuerò ad occuparmi di sanità a prescindere dal ruolo che ricoprirò»
Il Ministro della Salute, rieletta alla Camera, presenta il suo libro “Per salute e per giustizia” e confida a Sanità Informazione: «Non si può lavorare per cinque anni per la salute e il SSN e poi non occuparsene più»
Contratto medici, il vox populi dei sindacati dopo il primo incontro: «Inizio deludente, ci aspettavamo di più»
Parte in salita la trattativa con Aran per il rinnovo contrattuale. In molti preoccupati dell’avvicinarsi della scadenza elettorale. Ettore (Fesmed): «Non hanno capito il disagio che vive il mondo della sanità e della dirigenza medica. Grasselli (FVM): «Revochiamo sciopero ma se non avremo risposte soddisfacenti lo riproporremo»
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»