Diritto 5 maggio 2015

Specializzati di ieri e di domani. Per il Governo è il momento della soluzione definitiva

Intervista esclusiva a Federico Gelli, Responsabile Sanità per il Partito Democratico

Immagine articolo

Problemi di ieri, problemi di oggi. E’ una primavera calda per i medici, alle prese con molteplici questioni che ormai trovano spazio ed ascolto nelle aule della politica, italiana ed europea.

Una fra tutte, quella che riguarda gli ex specializzandi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di specializzazione. Qui, più che mai, le istituzioni e il Parlamento hanno deciso di intervenire con disegni di legge ad hoc – l’ultimo presentato dal Partito Democratico in Senato – che prevedono una transazione definitiva: le sentenze dei tribunali italiani sono sempre più favorevoli ai medici, e il salasso milionario cui sta andando incontro lo Stato rende non più rinviabile una transazione; una riflessione di opportunità peraltro già sottolineata dal ministro Lorenzin.  Sanità Informazione ha ascoltato sul tema Federico Gelli, responsabile della Sanità per il Partito Democratico.

“On. Gelli, relativamente al caso degli ex specializzandi, tantissime sentenze dei tribunali italiani stanno dando ragione ai medici con un esborso di centinaia di milioni di euro. Forse una transazione, come proposto nei disegni di legge già presentati – l’ultimo dei quali proprio dal Partito Democratico anche in Senato – devono ora trovare una soluzione”.

“Non c’è dubbio. Questa è una materia che dobbiamo disciplinare – afferma Gelli – e che non si può lasciare in balìa delle sentenze. Dobbiamo disciplinare il pregresso, e trovare quindi una modalità per cercare di riconoscere – a coloro ai quali è già stato legittimamente riconosciuto – un eventuale reindennizzo o indennizzo delle cifre non percepite”.

Una riflessione, quella dell’On. Gelli, che si allarga anche a chi specializzando vuole diventare; due facce della stessa medaglia, due generazioni a confronto, due questioni diverse ma in realtà complementari. Di sicuro entrambe da risolvere, e alla svelta, per non ricadere negli errori del passato.

“Dobbiamo avviare una nuova stagione – prosegue Gelli – già annunciata dal Ministro Giannini, che disciplini meglio l’accesso alla facoltà e alla specializzazione di Medicina. In quest’ottica la riduzione del numero degli anni probabilmente ci permetterà di aumentare il numero di borse di studio e di coprire un gap importante: ad oggi, infatti, il 50% dei medici laureati non può accedere alle scuole di specializzazione, restando in una zona d’ombra che alimenta la disoccupazione e il precariato”.

Chiara quindi l’intenzione del Governo a trovare soluzioni per gli specializzandi del passato e per quelli del futuro, a partire da un accordo definitivo per il pregresso.

“L’obiettivo – conclude il responsabile Sanità PD – è quindi duplice: da un lato coprire le competenze del passato, dall’altro iniziare un nuovo ciclo di selezione e di numeri programmati sostenuti da un finanziamento concreto”.

Articoli correlati
Scuole di specializzazione: arrivano regolamento, polemiche e ricorsi
Giovani medici, associazioni e sindacati contro il testo del Miur. Consulcesi: «Lettera aperta al ministro Giannini»
Scuole di specializzazione: la carica dei 5000 a caccia del futuro
Pubblicato il bando, c'è tempo fino al 30 settembre per accedere ai test. Tra le novità: finanziate più borse del previsto e prova su scala nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...