Diritto 8 novembre 2016

Equitalia, la sanatoria per le cartelle. Quando il medico può usufruire della rottamazione?

I consigli del tributarista per mettersi in regola con il Fisco sfruttando le ultime novità legislative

Ho una cartella di pagamento che mi è stata notificata da Equitalia nel 2010. Posso usufruire della “rottamazione”?

È il quesito che un nostro lettore, un pediatra di Torino, pone alla nostra Redazione. A fare chiarezza è il tributarista Giulio Palazzo, titolare di uno dei più importanti studi commercialisti di Roma, con cui prosegue la collaborazione sui temi di materia fiscale.

«Il D.l. 193 del 22 ottobre 2016 – spiega il dottor Palazzo –  prevede la possibilità di “rottamare” i debiti iscritti a ruolo negli anni compresi tra il 2000 ed il 2015. I principali benefici derivanti dalla “rottamazione” delle cartelle riguardano la cancellazione delle sanzioni e degli interessi di mora e delle somme aggiuntive legate ai ritardi/omessi pagamenti da parte del contribuente. Chi deciderà di aderire alla procedura dovrà pagare le somme affidate all’agente della riscossione a titolo di capitale (Imposta Ires, Irpef, Irap etc.) e i relativi interessi, gli aggi maturati a favore dell’agente, le eventuali spese per procedure esecutive (se avviate) e le spese di notifica».

A questo punto, però, bisogna seguire un percorso preciso. «Per aderire alla procedura il contribuente dovrà presentare entro il 23 gennaio 2017 un istanza indicando le modalità di pagamento prescelta (unica soluzione o 4 rate) e con l’impegno a rinunciare alle eventuali liti giudiziarie in essere. L’Agente della riscossione comunicherà entro il 24 aprile 2016 l’ammontare complessivo delle somme dovute e la scadenza delle 4 rate nel caso in cui il contribuente non abbia optato per il pagamento in un’unica soluzione. Il D.l. specifica che le 4 rate previste non avranno importo uguale, la prima e la seconda saranno ciascuna pari ad 1/3 del debito complessivo, la terza e la quarta ciascuna pari ad 1/6; inoltre il decreto prevede che il termine massimo entro cui dovrà essere pagata la terza rata è il 15 dicembre 2017. Il mancato o insufficiente pagamento anche di una solo rata, determinerà la decadenza immediata dall’agevolazione ed il ritorno alla posizione precedente».

Secondo il dottor Palazzo quindi il nostro lettore può usufruire della rottamazione, ma il suo consiglio «è valutare il singolo caso tenendo conto dei stringenti tempi previsti dal decreto per l’estinzione del debito».

Articoli correlati
Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…
Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». Ecco tutti i fronti aperti: dall'IRAP allo 'spesometro'...
Rottamazione Cartelle Equitalia, la parola all’esperto: «Ecco cosa devono fare i medici ed entro quando…»
Ai microfoni di Sanità Informazione, il consulente fiscale Giampiero Pantano spiega come risparmiare fino al 30% per le cartelle ricevute tra il 2000 e il 2016: «Attivata partnership con Consulcesi per aiutare gli operatori sanitari a districarsi in queste pratiche così complesse»
Più fondi per la sanità e sconti sulle tasse. Ecco le novità della manovra 2017
Al centro della Finanziaria i temi legati a salute, famiglia, pensioni e Fisco. In programma finanziamenti per il Fondo Sanitario Nazionale, rottamazione di Equitalia e sanatoria cartelle
Tutte deducibili le spese per ECM e Congressi. Ecco cosa cambia per i medici…
L'articolo 5 del Jobs Act modifica l'attuale regime di deducibilità di alcune spese inerenti alla formazione dei medici e di tutti i lavoratori autonomi. Il nuovo regime prevede l'integrale deduzione, entro un limite massimo annuale, delle spese per l'iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento professionale
Tasse e fisco: i consigli dell’esperto
Sono indietro con le tasse, cosa devo fare? Posso passare al regime forfettario? Come devo comportarmi se ho un conflitto tra i contributi versati ad Enpam ed Inps? Sono solo alcune delle numerose richieste di chiarimenti e informazioni giunte all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it. Abbiamo chiesto al tributarista Giulio Palazzo, dottore commercialista con il quale prosegue la nostra collaborazione, di rispondere alle domande più frequenti e di maggiore interesse per la classe medica in tema di fisco e tasse.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...