Diritto 27 maggio 2014

Deontologia medica, Bianco: “Non è un codice difensivo”

Il presidente FNOMCeO, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega come si è arrivati alle nuove regole e aggiunge: “Non abbiamo paura delle innovazioni”

Immagine articolo

Una sanità che guarda al futuro e che “non teme” le innovazioni che in questi ultimi anni si sono susseguite non solo in ambito medico, ma nella vita di tutti i giorni.

Il presidente FNOMCeO Amedeo Bianco spiega così, in un’intervista esclusiva, quali sono stati i motivi e le idee che hanno portato gli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di tutta Italia a mettersi attorno ad un tavolo per cambiare le regole del gioco, rimaste identiche dall’ormai lontano 2006. Il voto finale non è stato unanime, ma il documento è ora valido per tutti i camici bianchi italiani.

Presidente Bianco, nasce oggi il nuovo Codice Deontologico. Un testo che lei ha fortemente voluto.

Non l’ho voluto solo io, ma anche tutte le centinaia di colleghi che hanno intrapreso questo cammino durato due anni e caratterizzato dal massimo coinvolgimento possibile di tutte le parti in causa: dopo la stesura di due bozze, a cui sono stati apportati centinaia di emendamenti, si è poi arrivati ad un testo finale votato nei termini che conoscete. Mi pare che tutti abbiano lavorato non tanto per scrivere un nuovo codice, diverso dal precedente, ma per elaborare un testo che affrontasse le nuove realtà e i contesti che troviamo davanti a noi: parlo dello sviluppo della medicina, della sanità e dei cambiamenti della società.

Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni.

Lei ha sottolineato che non si tratta di un codice difensivo.

Esattamente. Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni: sappiamo che l’informatica ha oramai assunto un ruolo di enorme importanza in ambito sanitario e le persone che lavorano in tale campo stanno seguendo questa evoluzione. Abbiamo poi affrontato a viso aperto la questione della sanità militare: oltre duemila medici portano la divisa e bisognava risolvere il problema di professionisti che devono rispettare gli obblighi delle catene di comando e quelli deontologici. Non abbiamo considerato l’evoluzione delle organizzazioni come qualcosa di penalizzante, ma come un fattore positivo e propositivo, perché arricchisce con nuovi contenuti la storia e le competenze di questa professione. Penso ad esempio alla figura del risk manager, che fino a pochi anni fa non esisteva: oggi centinaia di professionisti svolgono prevalentemente questa funzione che richiede l’applicazione e l’acquisizione di nuove competenze.

Alcuni OMCeO si sono dichiarati non favorevoli a questo testo: una rilettura attenta potrebbe essere d’aiuto?

Lo spero e me lo auguro. Credo fossero mossi da un pregiudizio iniziale che li spingesse a considerare inutile ritoccare il codice. Poi tutto è venuto di conseguenza, al di là della contrarietà o meno su temi specifici. Penso sia utile un invito a riflettere e a condividere la vita democratica di una federazione fatta di tanti presidenti, che mai come in questa occasione si sono potuti liberamente esprimere e hanno potuto concretamente intervenire, non necessariamente all’unanimità, in un organo collegiale: il punto è che una volta che si decide, la decisione vale per tutti.

Articoli correlati
FNOMCeO: «Saremo curati da medici centenari». E anche i giudici dicono “No” ad una sanità senza camici bianchi
Al via la campagna di sensibilizzazione della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri: «Sanità Pubblica senza medici entro 10 anni. Chiediamo al Governo di agire subito»
Aggressioni, weekend di paura a Roma, Bari, Napoli. Anelli (FNOMCeO): «Cittadini, tornate dalla nostra parte. Serve alleanza terapeutica»
Fiaso: «Tremila violenze all'anno, serve inasprimento pene». Il presidente della Federazione dell’Ordine dei Medici chiede una rivoluzione nell’opinione pubblica: «Siamo soli contro carenze organizzative e istituzionali»
Guerra (da ridere) tra medici di Roma Nord e Roma Sud. La sanità secondo gli Actual
Il duo comico improvvisa ai nostri microfoni un esilarante siparietto incentrato su fake news, paure, usi e costumi di chi lavora in sanità e di chi vi si rivolge per curarsi
Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»
Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne
Aggressioni ai medici, in un anno più di 1200 casi. Nasce l’Osservatorio permanente per sicurezza e prevenzione
Presieduto dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin, l’Osservatorio avrà il compito di raccogliere dati, di fare proposte per la prevenzione, per nuove norme di legge, per misure amministrative e organizzative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi