Diritto 22 luglio 2014

Atto Senato n.1269: un consenso bipartisan per il Ddl “salva tutti”

Sale l’attesa per la soluzione che tutela i medici ex specializzandi e preserva le casse dello Stato

Immagine articolo

Il Ddl “Atto Senato n. 1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”, presentato al Senato pochi mesi fa, sembra mettere tutti d’accordo.

Si tratta, infatti, di una transazione definitiva, che rappresenterebbe il giusto compromesso tra il rispetto del diritto dei medici ad ottenere la corretta retribuzione per gli anni di specializzazione, e la tutela delle casse dello Stato che, in assenza di tale provvedimento, andrebbe incontro ad un esborso di alcuni miliardi euro. Va sottolineato che l’accordo transattivo, una volta entrato in vigore, avrà valore solo per i medici che avranno presentato domanda per il riconoscimento economico retroattivo del periodo di formazione e/o di risarcimento del danno. Da anni Consulcesi – la maggiore realtà italiana a tutela dei camici bianchi – segue la vicenda proponendo ricorsi e azioni collettive; ad oggi, forte di una legislazione totalmente favorevole al medico ricorrente, è riuscita a far riconoscere oltre 345 milioni dai tribunali di tutta Italia.

Luigi D’Ambrosio Lettieri, senatore di FI e primo firmatario del disegno di legge, è ottimista sull’esito legislativo del progetto: “Il fatto che vi sia un crescente interesse sul tema, anche da parte del Parlamento – dichiara Lettieri –  ci fa sperare in un lieto fine. Credo che l’accordo transattivo sia la soluzione migliore per rimettere in asse il rapporto fra medico e istituzioni”.

Il senatore PD Carlo Lucherini, dal canto suo, fa appello alla coesione tra tutte le aree del Parlamento, per giungere finalmente ad una soluzione condivisa che risparmi le casse pubbliche da uno stillicidio insostenibile:  “La trasversalità e l’unitarietà è assolutamente dovuta. In una fase in cui il governo sta lavorando per tagliare – osserva Lucherini – allo Stato converrà chiudere questa vertenza arrivando ad un accordo che eviti di sborsare somme eccessive”.

Parole che trovano riscontro in quelle di Beatrice Lorenzin, a capo del dicastero della Salute nel governo Renzi, secondo cui, in assenza di un provvedimento del genere “si falserebbe il rapporto tra cittadino e Stato, che chiede tasse ma deve pagare quando è chiamato a farlo. Va trovata una soluzione e snellito l’iter per ottenere i rimborsi. Serve inoltre  un sistema di riforme – conclude Lorenzin – che, in modo incisivo, riequilibri il rapporto tra Stato, cittadini e imprese, per rimettere in moto la macchina amministrativa”.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.122.777 ed il sito www.consulcesi.it .

Articoli correlati
Specializzazioni, SIGM: bene miglioramento scuole ma ora accelerare. Il 5 scatta il #GiovaniMediciDay
Segretariato Italiano dei Giovani Medici (SIGM): situazione andava affrontata, ci sono specializzandi di area chirurgica costretti a sola attività ambulatoriale perché iscritti a scuole mancanti di sale operatorie o sale parto
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...