Diritto 22 luglio 2014

Atto Senato n.1269: un consenso bipartisan per il Ddl “salva tutti”

Sale l’attesa per la soluzione che tutela i medici ex specializzandi e preserva le casse dello Stato

Immagine articolo

Il Ddl “Atto Senato n. 1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”, presentato al Senato pochi mesi fa, sembra mettere tutti d’accordo.

Si tratta, infatti, di una transazione definitiva, che rappresenterebbe il giusto compromesso tra il rispetto del diritto dei medici ad ottenere la corretta retribuzione per gli anni di specializzazione, e la tutela delle casse dello Stato che, in assenza di tale provvedimento, andrebbe incontro ad un esborso di alcuni miliardi euro. Va sottolineato che l’accordo transattivo, una volta entrato in vigore, avrà valore solo per i medici che avranno presentato domanda per il riconoscimento economico retroattivo del periodo di formazione e/o di risarcimento del danno. Da anni Consulcesi – la maggiore realtà italiana a tutela dei camici bianchi – segue la vicenda proponendo ricorsi e azioni collettive; ad oggi, forte di una legislazione totalmente favorevole al medico ricorrente, è riuscita a far riconoscere oltre 345 milioni dai tribunali di tutta Italia.

Luigi D’Ambrosio Lettieri, senatore di FI e primo firmatario del disegno di legge, è ottimista sull’esito legislativo del progetto: “Il fatto che vi sia un crescente interesse sul tema, anche da parte del Parlamento – dichiara Lettieri –  ci fa sperare in un lieto fine. Credo che l’accordo transattivo sia la soluzione migliore per rimettere in asse il rapporto fra medico e istituzioni”.

Il senatore PD Carlo Lucherini, dal canto suo, fa appello alla coesione tra tutte le aree del Parlamento, per giungere finalmente ad una soluzione condivisa che risparmi le casse pubbliche da uno stillicidio insostenibile:  “La trasversalità e l’unitarietà è assolutamente dovuta. In una fase in cui il governo sta lavorando per tagliare – osserva Lucherini – allo Stato converrà chiudere questa vertenza arrivando ad un accordo che eviti di sborsare somme eccessive”.

Parole che trovano riscontro in quelle di Beatrice Lorenzin, a capo del dicastero della Salute nel governo Renzi, secondo cui, in assenza di un provvedimento del genere “si falserebbe il rapporto tra cittadino e Stato, che chiede tasse ma deve pagare quando è chiamato a farlo. Va trovata una soluzione e snellito l’iter per ottenere i rimborsi. Serve inoltre  un sistema di riforme – conclude Lorenzin – che, in modo incisivo, riequilibri il rapporto tra Stato, cittadini e imprese, per rimettere in moto la macchina amministrativa”.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.122.777 ed il sito www.consulcesi.it .

Articoli correlati
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
Ex specializzandi ’93-2006, Stato condannato a pagare aumento triennale
La nuova sentenza consolida la giurisprudenza in materia: come già stabilito nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale di Roma con la pronuncia 4240/17, riconosciuto un nuovo diritto negato ai tempi della formazione post-laurea
Ex specializzandi 1993-2006, ecco come le ultime sentenze hanno cambiato la giurisprudenza
La vicenda dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea è costata finora centinaia di milioni alle casse dello Stato. I Tribunali continuano ad emanare sentenze di condanna nei confronti della Presidenza del Consiglio. Ecco qual è la situazione alla luce delle pronunce più recenti
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...