Lavoro 6 novembre 2017

Ddl Lorenzin, Cola (Anpo): «Finalmente un riconoscimento per l’osteopatia, ma attenzione alla formazione…»

Paolo Cola, Segretario Nazionale dell’Associazione Nazionale Professionisti Osteopati, si dice soddisfatto del via libera della Camera ma mette in guardia il Ministero sul rischio di osteopati con una formazione al di sotto degli standard internazionali

«Dopo 30 anni di attesa e dopo che un terzo degli italiani si rivolge all’osteopatia, finalmente lo Stato si è reso conto di quanto fosse necessario regolamentare la professione e la formazione dell’osteopata». A commentare il Ddl Lorenzin, il cui articolo 7 individua l’osteopatia come professione sanitaria, è Paolo Cola,  Segretario nazionale dell’Associazione Nazionale Professionisti Osteopati (Anpo). Il provvedimento ha ottenuto il via libera della Camera e attende adesso l’approvazione del Senato. «Siamo ancora a due terzi del lavoro, ma siamo fiduciosi. Ora attendiamo l’approvazione definitiva del testo e poi potremmo dirci realmente soddisfatti e felici».

Non tutto il mondo sanitario ha tuttavia accolto con favore il riconoscimento dell’osteopatia: «Ma si tratta di una minoranza – commenta Cola -. Di fatto la maggior parte dei medici e dei fisioterapisti collabora con gli osteopati. La professione comunque è stata riconosciuta in tutto il mondo, a partire dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha emanato delle direttive volte a regolamentarne l’esercizio e la formazione dell’osteopata: l’OMS ha infatti stabilito che servono 4200 ore di formazione per far sì che un osteopata sia tale e sia capace di mettere le mani sulle persone, fare un’anamnesi osteopatica e quant’altro. Inoltre – prosegue il Segretario – alcune sentenze del Tar hanno già messo in evidenza che l’osteopatia non è una professione che si sovrappone con quella del medico o del fisioterapista, ad esempio, ma si tratta di una cosa diversa». Difficile comprendere allora, a detta di Cola, la levata di scudi di parte del mondo medico contro questo articolo del Ddl Lorenzin, che pare stia per giungere al termine di un iter parlamentare particolarmente travagliato. «La Costituzione prevede la libertà di cura, quindi non capiamo perché, se rispetta delle regole, l’osteopata non debba operare, cosa che fa tranquillamente da anni», sottolinea Cola.

Ma chi può definirsi osteopata? Qual è il percorso formativo da seguire per intraprendere questa professione? «Al momento il Ddl Lorenzin non prevede nulla in tema di formazione. Se il testo verrà approvato, la Conferenza Stato-Regioni definirà, entro tre mesi dalla promulgazione della legge, i titoli equipollenti, e le associazioni come l’Anpo dovranno partecipare a questo processo, cercando di coinvolgere il più possibile anche le scuole. Poi sarà il Ministero, sentito il parere del Consiglio Superiore della Sanità e il Consiglio Universitario Nazionale, a decidere sulla formazione. In queste fasi occorrerà fare molta attenzione – avverte Cola -: in un quadro non normato come quello attuale è infatti possibile che ci siano anche realtà formative non adeguate, che non assicurano una formazione sufficiente e che non sono in linea con gli standard internazionali. Chiederemo al Ministero di fare un’attenta analisi dei profili dei diplomati nelle scuole private osteopatiche, valutando l’effettiva formazione di 4200 ore, che devono includere lezioni di anatomia, di fisiopatologia, di neuroanatomia e di altre materie di base insegnate da medici o comunque da laureati in medicina e chirurgia. E ci tengo a precisare questo: le materie mediche devono essere insegnate dai medici, le materia osteopatiche dagli osteopati».

Tra le regole principali da rispettare per poter iscriversi all’Anpo emergono proprio quelle legate alla formazione e all’aggiornamento continuo: «Noi chiediamo ai nostri iscritti di certificare almeno 16 ore di corso d’aggiornamento. La nostra commissione didattico scientifica valuterà poi se quel determinato corso formativo è utile o meno, altrimenti non rinnoviamo l’iscrizione. E questo è a garanzia del consumatore e del paziente, che può quindi essere sicuro che tutti gli osteopati che trova sul nostro sito web hanno adempiuto a questi doveri. D’altro canto – conclude Cola – come in tutte le professioni, dopo la formazione obbligatoria occorre che ci si aggiorni, soprattutto nelle materie mediche, in cui ogni giorno si scoprono cose nuove di cui prima non eravamo a conoscenza. Dunque, per concludere, occorre che il professionista si aggiorni per poter valutare sempre meglio e per curare sempre meglio il cittadino».

Articoli correlati
4° Congresso ROI: le “prove di efficacia” per migliorare la qualità della cura
Come gestire e utilizzare i dati e i risultati della ricerca scientifica nella pratica clinica quotidiana? Come condividere le “prove di efficacia” che emergono dalla ricerca scientifica con gli altri professionisti della salute e con i pazienti, per una gestione ottimale delle decisioni terapeutiche? Sono le domande chiave a cui il ROI e i suoi […]
Professioni sanitarie, Anelli (FNOMCeO): «Stop ai tempari, i medici hanno bisogno di tempo per costruire dialogo con paziente»
«Migliorare rapporto medico-paziente e garantire unità d’intenti tra le professioni sanitarie: ecco le priorità che dovrà avere la politica» afferma il presidente della Federazione degli Ordini Medici
Osteopatia, Sciomachen (ROI): «Definire le competenze ‘core’ è l’ultimo miglio per il riconoscimento»
Il ROI, l’Associazione di categoria con circa 3mila iscritti ha elaborato con il coordinamento della Società di Pedagogia Medica, una Proposta di "core competence" nel percorso di riconoscimento dell’osteopatia come professione sanitaria
Lorenzin: «Vaccini e salute della donna le mie vittorie più belle»
Con Sanità Informazione un ampio bilancio del mandato del Ministro della Salute più “duraturo” della storia repubblicana: dalle battaglie contro il pensiero anti-scientifico alla sostenibilità del Ssn, dalla Legge sulle professioni sanitarie al mancato rinnovo del contratto dei medici. Le cose fatte, quelle ancora da fare e alcune anticipazioni: «Scuole di Medicina e borse di studio per le specializzazioni, stiamo studiando un metodo nuovo per cambiare completamente approccio…»
Ddl Lorenzin, la FNOMCeO rientra in tutti i tavoli ministeriali
Il primo Consiglio Nazionale del triennio 2018/2021 si è aperto con la candidatura di Filippo Anelli alla Presidenza della Federazione e il ringraziamento al Presidente uscente Roberta Chersevani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano