Lavoro 24 aprile 2018

Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»

Presentate al Ministero della Salute le coperture vaccinali dell’età pediatrica e dell’adolescente del 2017. A livello nazionale, copertura al 94,5%. Per il Ministro il risultato è ottimo, ma la guardia deve rimanere alta

Immagine articolo

Il bilancio delle coperture vaccinali in Italia per il 2017 «è ottimo». A commentare i risultati, presentati oggi al Ministero della Salute, è Beatrice Lorenzin: le vaccinazioni contro il morbillo sono cresciute del 4,4% e quelle contro la polio dell’1,21%. Un trend positivo ma tuttavia non omogeneo in tutto lo Stivale: sono cinque gli enti che indossano la maglia nera. Guidata dalla provincia autonoma di Bolzano, dove il numero di casi di morbillo è 20 volte superiore rispetto a Trento (la copertura è del 71,86% e quella per la polio del 85,87), la black list prosegue con Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Abruzzo. Undici Regioni su ventuno hanno raggiunto l’obiettivo di immunizzare almeno il 95% dei nuovi nati con il vaccino esavalente, ma la copertura a livello nazionale è leggermente sotto questa soglia, pari al 94,5%. Particolarmente positiva la situazione del Lazio che, da realtà problematica, adesso è l’unica Regione a superare la copertura del 95% per il morbillo. «E senza la legge – aggiunge la Lorenzin – si troverebbe nella stessa situazione della Sicilia, dove quest’anno, causa morbillo, si sono registrati 200 casi e tre morti».

«C’è stato un netto miglioramento e ci aspettiamo un incremento nel primo semestre 2018 – commenta il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin – ma la guardia deve rimanere sempre molto alta e l’emergenza sarà finita quando in Italia non ci saranno più morti né complicanze gravi. Abbiamo ottenuto dei risultati straordinari per i bambini da 0 a 6 anni, un incremento molto superiore rispetto a quello raggiunto dalla California che è il nostro termine di paragone (dove una legge simile a quella italiana ha permesso di riportare l’immunità di gregge a livelli di sicurezza, ndr). Purtroppo ci sono ancora delle sacche di resistenza culturali, dovuti alla sfiducia nei confronti delle istituzioni o alla disinformazione. Ma la stragrande maggioranza dei genitori ha capito – prosegue il Ministro – il rischio a cui sono sottoposti loro e i loro figli, anche grazie al fondamentale ruolo svolto dai pediatri e dai medici di famiglia: se i camici bianchi sono proattivi sul territorio, si ottengono grandi risultati».

Fondamentale poi, a detta del Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, aumentare la copertura vaccinale degli operatori sanitari: «Non è possibile – dichiara durante la conferenza stampa – che solo 15% sia vaccinato». Ma un emendamento per introdurre l’obbligatorietà delle vaccinazioni per coloro che lavorano nei reparti ritenuti ad alto rischio era stato presentato in Parlamento ma non ha trovato sbocco. «Per raggiungere questo obiettivo – aggiunge la Lorenzin – la strada potrebbe essere quella imboccata dall’Emilia Romagna, che ha adottato una norma a livello regionale, oppure si dovrà pensare ad una legge ad hoc».

Ancora problematica, poi, la situazione per adolescenti, adulti e anziani, che «non possono essere obbligati ma devono essere convinti a vaccinarsi – afferma Ricciardi -, ricordando che le malattie infettive stanno tornando, e molto più aggressive di prima: basti pensare che il tasso di letalità del morbillo in Sicilia è 1 su 100, quando normalmente nel mondo è 1 su 3mila».

E a chi chiede al Ministro se ha timore che il nuovo governo possa fare un passo indietro sui vaccini, la Lorenzin risponde: «Le responsabilità si prendono fino in fondo e la salute pubblica è un fatto primario. Ma sono fiduciosa, e per realpolitik so che non accadrà. D’altra parte, non si parla più di vaccini».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE MENINGITE, ROBERTO CAUDA (GEMELLI): «LA SOPRAVVIVENZA DIPENDE DALLA VELOCITÀ DELLA DIAGNOSI» 

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5 mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Vaccini, FTOM: «Soddisfazione per Legge regionale che conferma obbligatorietà delle vaccinazioni»
Plaudo della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per l’approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana della Legge che conferma la profilassi obbligatoria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...