Lavoro 24 agosto 2016

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre

di Valentina Brazioli

Sette anni di stallo, molte promesse, poche risorse stanziate. Alla vigilia di un autunno che si preannuncia politicamente rovente, la questione irrisolta del rinnovo del contratto per il comparto medico-sanitario agita gli esponenti del settore, sindacati in primis. Ad accendere la miccia, le indiscrezioni diffuse dal segretario generale della Uil-Fpl, Giovanni Torluccio, che ha definito “insufficienti” le risorse ipotizzate dal Governo per i rinnovi contrattuali nella PA, stimate in 2,5 miliardi fino al 2018.

Somma ritenuta plausibile da diverse fonti ma molto distante da quella richiesta dai sindacati, ovvero 7 miliardi di euro per il rinnovo triennale: «Questa è la cifra che il Governo deve mettere sul piatto della bilancia, diversamente sarebbe ragionare sul nulla» ha avvertito nei giorni scorsi Nicola Turco, segretario generale Uil-Pa. Una cauta apertura è arrivata dal viceministro all’Economia, Enrico Morando: «Non escludo che la somma per il rinnovo dei contratti degli statali sia troppo esigua e che sia necessario aumentarla», ma precisando che occorrerà mantenersi «sotto la cifra indicata dai sindacati». Va ricordato, per orientarsi meglio tra le cifre, come il precedente rinnovo portò ad un accordo che per i camici bianchi valse aumenti medi lordi mensili di 260 euro (220 per i non medici), con punte fino a 357 euro per i primari.

Ciò che è certo, è che non si può pretendere una buona sanità senza investire negli operatori del settore, attraverso risorse economiche adeguate e certezze contrattuali. Al contrario, negli ultimi 7 anni medici e infermieri hanno patito un vero e proprio taglieggiamento salariale a causa del blocco degli stipendi e del parallelo aumento del costo della vita, continuando, tuttavia, ad adempiere al loro dovere con professionalità e spirito di abnegazione come sottolineato spesso dai rappresentanti di categoria. Sono ormai oltre 12 mesi che si discute del rinnovo, tema aperto dal Governo proprio su Sanità Informazione il 1° settembre del 2015. Dopo il raggiungimento dell’accordo quadro per la definizione delle aree e dei comparti, che consente all’area autonoma della dirigenza medica e sanitaria di disporre di un proprio contratto specifico, è arrivato un primo stop del Mef a causa di dubbi sulle necessarie coperture economiche.

Intanto, i camici bianchi attendono il momento di aprire i tavoli negoziali per il rinnovo del contratto dell’intera categoria medico-sanitaria. Dal ministro Madia, nelle scorse settimane, è stato annunciato un confronto tecnico presso ARAN che entro il 15 settembre dovrà formulare proposte per la legge di stabilità ed è stata assicurata disponibilità al confronto sul precariato e sul decreto delegato sul lavoro pubblico che deve produrre un testo unico sul pubblico impiego da emanare entro il 15 febbraio 2017. Accanto a questo si attendono le nuove assunzioni e le stabilizzazioni dei precari che possano anche alleggerire i medici e il personale sanitario dai turni massacranti coperti in questi anni di blocco del turn-over. Ricominciando, così, finalmente a investire nelle risorse umane e professionali che rappresentano il vero patrimonio del nostro Servizio Sanitario Nazionale.

Articoli correlati
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
L’ammontare dei compensi percepiti dal medico è rilevante per il calcolo Irap?
La Corte di Cassazione con la sentenza n. 20610 del 12 ottobre 2016 ha affermato che ai fini del presupposto impositivo Irap è irrilevante l’ammontare dei compensi percepiti dal medico, e che, avuto riguardo all’entità dei beni strumentali, la disponibilità da parte di un professionista di beni strumentali anche di un certo rilievo economico non […]
Svizzera, il referendum non ferma (per ora) il boom di giovani medici italiani
Dall’Italia con furore i camici bianchi si trasferiscono in Ticino. In otto anni il numero si è quadruplicato e continua a incrementarsi. Luraschi, responsabile Ente Ospedaliero Ticino: «Dieci anni fa il numero di italiani impiegati negli ospedali del Ticino era inferiore al 20% e ora supera il 40%»
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
Sicilia: oculisti in missione verso l’America Latina
Donare strumentazione chirurgica e formare gli oculisti locali per fornire alla popolazione servizi di riabilitazione e prevenzione delle malattie oftalmiche. Questa la missione che ha fatto volare in Nicaragua quattro medici del Poliambulatorio Centro Europeo (Pce) di Aci Castello (Catania) e quattro volontari. Gli specialisti, tutti aderenti al “Progetto Vision”, realizzato in collaborazione con la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...