Lavoro 15 febbraio 2018

Regioni, 1 miliardo in più per Sanità e contratto. Sindacati valutano ritiro sciopero

Garavaglia: «Parte consistente dell’aumento del Fondo sarà utilizzata per l’aumento in busta paga». Ma per alcune sigle sindacali, convocazione dell’Aran e aumento delle risorse non sono sufficienti per revocare lo sciopero del prossimo 23 febbraio

Immagine articolo

La Conferenza straordinaria delle Regioni ha approvato il riparto del Fondo Sanitario 2018. L’ammontare del Fondo, come annunciato dal Presidente Stefano Bonaccini, è superiore a quello del 2017 di quasi 1 miliardo di euro: quest’anno infatti sarà pari a 110 miliardi e 131.490mila euro, rispetto ai 109 miliardi e 225.713 del 2017.

«Le Regioni – ha dichiarato Massimo Garavaglia, Presidente del comitato di settore Regioni-Sanità – sul tema delle risorse hanno fatto l’ennesimo sforzo. Le risorse aggiuntive dunque sono state trovate all’interno del Fondo sanitario nazionale. Per quanto riguarda il 2019, poi, una parte consistente dell’aumento del Fondo stesso, che crescerà di un miliardo di euro, sarà utilizzato proprio per l’aumento in busta paga. Quest’ultimo vale mediamente 85 euro lordi al mese, come nel resto degli altri comparti della Pubblica amministrazione».

Ha espresso «grande soddisfazione» il Presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, «sia politica che amministrativa, perché non era banale né scontato. Approvare adesso il riparto significa poter fare programmazione e avere certezza sulle risorse assegnate per ogni singola regione. Abbiamo trovato un equilibrio che permette di redistribuire le risorse con alcuni correttivi per le Regioni che hanno bisogno di un riequilibrio».

L’aumento del Fondo e la convocazione dell’Aran giunta nei giorni scorsi per discutere del rinnovo del contratto della dirigenza, potrebbero tuttavia non bastare ai sindacati per revocare lo sciopero indetto per il prossimo 23 febbraio. Sono diverse, infatti, le posizioni emerse a tal proposito nella riunione dell’Intersindacale medica di oggi. Alcuni sindacati pensano che sedersi al tavolo con l’incombere di uno sciopero non sia una posizione costruttiva; altri, come Aaroi-Emac,  pensano invece che al momento non ci siano le condizioni per revocare lo sciopero, uno strumento che comunque è servito a spingere il governo a riaprire le trattative. La posizione che al momento sembra prevalere è la conferma della giornata di protesta, salvo novità dall’incontro del 20 febbraio. La partita resta aperta.

 

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, SBLOCCATO L’ATTO DI INDIRIZZO. QUICI (CIMO): «SE C’E’ VERA VOLONTA’ DI CHIUDERE REVOCHEREMO LO SCIOPERO»

Articoli correlati
Concorso per formazione MMG, FNOMCeO e FIMMG contestano la data scelta: «Regioni riaprano il bando o rischio contenziosi»
Ad agosto stabilite 860 borse aggiuntive, ma Conferenza regioni ha lasciato invariata la data del 25 settembre. Anelli: «Ingiustizia nei confronti dei neo abilitati ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili»
Giulia Grillo alle Regioni: presto l’intesa sui piani di efficientamento degli ospedali
Il Ministro ha chiesto al presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Stefano Bonaccini di accelerare il percorso per migliorare la qualità delle cure. Da un anno il decreto è in stand by
RIA, indennità di esclusività, aumenti: intersindacale chiede incontro a Garavaglia per sbloccare rinnovo contratto
Tra le richieste che i sindacati avanzeranno al viceministro dell’Economia quello dell’aumento del 3,48% che per il 2018 non sarebbe garantito dal finanziamento del CCNL
Bonaccini (Regioni): «A passi spediti verso chiusura contratti dirigenza medico-sanitaria»
Andrea Filippi (Fp Cgil): «Registriamo favorevolmente l'impegno a trovare un accordo per chiudere nel più breve tempo possibile questa tornata contrattuale. Manteniamo ferma la necessità di coniugare l'aspetto economico del contratto con l'esigibilità di alcuni punti fondamentali della parte normativa»
Governo, nominati i sottosegretari: alla Salute il medico Bartolazzi (M5S) e il leghista Fugatti
L’anatomo patologo del Sant’Andrea era già nella squadra di governo M5S indicata da Luigi Di Maio prima delle elezioni. Tra le nomine anche quella di Vincenzo Zoccano, presidente del Forum italiano per la disabilità e di Massimo Garavaglia al MEF
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...