Lavoro 30 giugno 2015

«I turni più massacranti?Pronto Soccorso ed Emergenza»

Intervista al Presidente CIMO Riccardo Cassi: «Medici a rischio nei reparti più espostiBene l’intervento delle Istituzioni, ma sono tanti i ricorsi pronti a partire»

Immagine articolo

Una questione sempre più pressante, impossibile da ignorare. Per il bene dei medici italiani, e dei cittadini, le istituzioni sono pronte a fare la loro parte per risolvere il problema dei turni massacranti cui vengono sottoposti i medici italiani, in barba alle direttive europee che legiferano sul tema.

Sanità informazione ha voluto conoscere anche il punto di vista dei sindacati medici e a tale fine ha intervistato Riccardo Cassi, presidente CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, presente in Senato alla conferenza stampa sulla “crociata” iniziata dal senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, primo firmatario di una interrogazione parlamentare, che potrebbe sfociare in una mozione e in un disegno di legge, e anche in un’eventuale emendamento a difesa dei medici. Tutto questo, in concomitanza con una vera e propria valanga di ricorsi pronti a partire su cui CIMO ha scelto come partner Consulcesi nel sostenere dal punto di vista legale i camici bianchi interessati.

«Dobbiamo distinguere i due piani – specifica Cassi –. Il primo, quello dei ricorsi fatti dei medici, dà comunque al governo un motivo in più per intervenire. Dall’altro lato c’è la necessità di una soluzione normativa. Il giusto riposo del medico si riflette sulla sua integrità fisica – sottolinea il presidente CIMO – e questo incide quando si tratta di prendere decisioni che i cittadini, da pazienti, subiscono. Un medico che esce da 24 ore di turno continuativo – commenta – non pone il cittadino in condizione di ricevere la migliore assistenza possibile. La nostra battaglia non è quindi solo a favore dei medici, ma soprattutto per i cittadini».

Fare di tutta l’erba un fascio, si sa, è un errore grossolano. Ma può diventare anche pericoloso se a farne le spese sono i professionisti della sanità. Secondo Cassi sarebbe infatti una questione di mancati distinguo, nella normativa che regola la dirigenza pubblica, ad aver dato vita al problema dei turni di lavoro massacranti per i medici. «Tutto è nato da una erronea attribuzione della qualifica dirigenziale ai medici, senza riconoscerne la specificità. In altri settori della dirigenza pubblica – sottolinea Cassi –  il problema della turnistica di servizio non si pone».

La domanda, a questo punto è d’obbligo: «Quanto pesano sulla vita dei medici questi turni massacranti?». E la risposta non lascia spazio a dubbi: «Nei pronto soccorso e nei reparti di emergenza, soprattutto in quelle regioni dove è in atto il blocco del turn over, la situazione è drammatica. Guarda caso – conclude Cassi – sono i reparti in cui il rischio decisionale è più alto. Sono quelli i medici sottoposti ai turni peggiori».

Articoli correlati
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Straordinari obbligatori e riposi interrotti: tutti i nodi nei contratti di medici e personale sanitario
Gli infermieri di Nursing Up con Antonio De Palma: «Violate le 11 ore continuative di riposo. Intraprenderemo azioni legali in Italia e in Europa». Papotto (Cisl Medici): «Chiederemo il diritto al riposo anche dopo la reperibilità notturna»
Contratto medici, ancora fumata nera. Intersindacale: «Mancano certezze su risorse economiche, manteniamo agitazione»
Al termine dell’incontro con l’Agenzia preposta alle contrattazioni, l’Intersindacale esprime insoddisfazione rispetto all’assenza di certezza sulle risorse economiche disponibili e mantiene lo stato di agitazione
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche