Lavoro 19 febbraio 2018

Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»

Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»

Riprogrammare la sanità del futuro, affrontando la preoccupante questione della carenza dei medici con una visione prospettica completamente diversa, orientata al futuro e non al mero dato storico. Consulcesi sposa la linea proposta da Andrea Silenzi, Presidente del SIGM (l’Associazione Italiana Giovani Medici) in una intervista all’interno di “Circo Massimo”, la trasmissione di Radio Capital curata dal giornalista Massimo Giannini. Un intervento che offre una chiave di lettura diversa alle preoccupazioni relative al ricambio generazionale ostacolato dall’imbuto formativo e dal blocco del turn over.

Anche Consulcesi, realtà di riferimento per oltre 100mila medici, sostiene la tesi del presidente dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM), lanciando un appello a trasformare questa criticità in un’occasione per riprogrammare la sanità.  «In Italia – sostiene il Presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella –  nei prossimi anni assisteremo inermi a una vera e propria emorragia di camici bianchi, ciò a causa dei pensionamenti degli ospedalieri e dei medici di base. Il paradosso è che nel frattempo i giovani medici che li dovrebbero sostituire sono tenuti ai margini del sistema. Una situazione figlia di scelte del passato che non hanno tenuto conto dell’impatto che avrebbe avuto sul nostro Sistema Sanitario Nazionale la mancata programmazione del numero e della tipologia di medici ma anche degli altri professionisti sanitari (definiti in letteratura, nel loro complesso, come “Healthcare Workforce”».

«Siamo felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale – ha spiegato il Presidente SIGM Andrea Silenzi intervenuto a “Circo Massimo”, trasmissione condotta su Radio Capital da Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto – ma è opportuno non fermarsi al mero dato storico. Possiamo cercare una nuova chiave di lettura, analizzare il caso ad esempio dal punto di vista socio-demografico ed epidemiologico e capire, così, che non c’è in Italia un problema numerico bensì di possibilità di inserimento appropriato dei giovani medici italiani nel SSN: i medici ci sono, ma vanno messi nelle condizioni di poter operare in Italia e contribuire al mantenimento di un Sistema Sanitario Nazionale pubblico ed universalistico. Bene che si siano accesi i riflettori sul tema in campagna elettorale ma attenzione alle soluzioni proposte, il dato storico e il solo calcolo per posto-letto è anacronistico per una sanità sempre più a trazione territoriale chiamata a gestire la sfida della longevità e delle malattie croniche. È prioritaria una nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata».

Il risultato è una classe medica sempre più anziana e prossima alla pensione, con un esercito di giovani pronti a dare nuove energie al SSN senza, però, poterlo fare, e sempre più spesso costretti ad emigrare. Questa fuga porterà paradossalmente a dover “importare” medici dall’estero per andare a colmare il vuoto di professionisti sanitari.

«La sfida, che dovrebbe essere al centro dell’agenda politica in vista delle prossime elezioni, è quindi quella di rendere accessibile la professione medica ai meritevoli. Per questo – conclude il presidente Tortorella –  l’imminente appuntamento elettorale può diventare un momento decisivo per ripensare la programmazione della sanità italiana nell’ottica di una necessaria evoluzione della professione per poter rispondere al meglio ai mutati bisogni di salute degli italiani, soprattutto in tema di cronicità».

Articoli correlati
FNOMCeO: «Saremo curati da medici centenari». E anche i giudici dicono “No” ad una sanità senza camici bianchi
Al via la campagna di sensibilizzazione della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri: «Sanità Pubblica senza medici entro 10 anni. Chiediamo al Governo di agire subito»
Ex specializzandi 1993-2006, ecco come le ultime sentenze hanno cambiato la giurisprudenza
La vicenda dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea è costata finora centinaia di milioni alle casse dello Stato. I Tribunali continuano ad emanare sentenze di condanna nei confronti della Presidenza del Consiglio. Ecco qual è la situazione alla luce delle pronunce più recenti
Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni
L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pensione in cumulo
Come sarà l’ospedale del futuro? Andrea Silenzi (SIMM): «Medici e intelligenza artificiale lavoreranno insieme»
«Servono nuove competenze per gestire il progresso». L’intervista al Presidente della Società Giovani Medici
Legge Gelli: identikit del medico a rischio contenzioso. Ortopedici e ginecologi nel mirino, i più prudenti sono maschi e del Nord
Gli attesi decreti attuativi in materia assicurativa chiuderanno il cerchio normativo della Legge Gelli. Intanto medici e strutture sanitarie “affrontano il risk” puntando sulla formazione. Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: «Adeguata e continua formazione dei professionisti sanitari è snodo centrale della nuova legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...