Giovani 18 novembre 2014

Caos test specializzazione: graduatorie sballate e tanta amarezza, largo ai ricorsi

La parola ai giovani medici: “Le istituzioni trovino una soluzione, o andremo all’estero”

Immagine articolo

Non si è ancora spenta l’eco della protesta dopo il caos dei test di specializzazione: resta, infatti, la rabbia e l’incertezza dei giovani medici di fronte ad un sistema che fa acqua da tutte le parti, motivo per cui i futuri camici bianchi chiedono alle istituzioni un cambio di rotta. Sanità Informazione ha ascoltato la testimonianza ed il parere di due giovani specializzande, Giulia e Laura.

Giulia, la manifestazione davanti al Miur ha evidenziato il malcontento dei giovani medici. Cosa chiedete al ministro e alle istituzioni?
Innanzitutto un’ammissione delle responsabilità per aver creato questo caos. Ora bisogna sanare questa situazione e risarcire tutti i partecipanti al concorso che hanno visto lesi i propri diritti, ma soprattutto prendere atto di tutte le ripercussioni sul Servizio sanitario nazionale. E’ necessaria una soluzione immediata e concreta che da un lato tuteli la nostra dignità personale, e dall’altro l’aspetto economico e professionale.

Il ministro Giannini guarda al modello francese per riformare il sistema. Potrebbe essere una soluzione?
Bisogna agire con criterio: è inutile rifarsi al sistema francese se i presupposti di partenza sono completamente diversi. In Francia, infatti, vige un sistema che programma gli accessi ai corsi di laurea in medicina  in base alle borse di specializzazione disponibili. Così si garantisce a tutti la possibilità di completare la formazione, che è il fisiologico proseguimento degli studi: senza formazione, infatti, si è semplicemente abilitati come guardie mediche o per effettuare sostituzioni. Tra l’altro in Francia il concorso nazionale serve unicamente a distribuire i posti di lavoro sul territorio. Posti che ci sono per tutti, fermo restando il criterio meritocratico.

Molti suoi colleghi valutano una “fuga all’estero”: un vero peccato per il nostro Paese…
Stiamo cercando di farci sentire proprio per evitarlo, per non essere messi spalle al muro e, a malincuore, fare le valigie.

Laura, la soluzione del ministro Giannini di escludere le due domande incriminate per evitare il caos e i ricorsi non è stata soddisfacente…
La decisione di “neutralizzare” due domande non è assolutamente meritocratica, ed inficia enormemente le graduatorie. Stiamo affrontando un concorso dove un solo decimo di punto vale decine di posizioni: potete immaginare cosa significano due punti in più o in meno. Le graduatorie ormai sono completamente falsate.

La strada per sanare questa insoddisfazione sembra essere proprio quella dei ricorsi. Pensate a questa soluzione?
Certo: ci stiamo già organizzando, perché riteniamo il concorso assolutamente non valido. Esclusi o ammessi, siamo tutti coinvolti. Abbiamo aspettato questo concorso per un anno e mezzo, abbiamo sudato mesi interi per prepararlo… Non meritiamo questo trattamento a causa di un errore umano.

Articoli correlati
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
Contratto, giovani ed ex specializzandi: le soluzioni del Governo
Il Sottosegretario alla Salute Davide Faraone a tutto campo: «Per i medici specialisti meglio soluzione politica, sul contratto macchina in movimento aspettiamo novità prossime settimane». Il tema della responsabilità professionale e “l’orgoglio” per i giovani medici: il punto della situazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...