Lavoro 16 settembre 2014

Blocco stipendi e turni massacranti “tolgono il sonno” ai medici 

La voce dei camici bianchi: “Troppi oneri a fronte di orari insostenibili”.

Immagine articolo

Tempi duri, semmai non fosse ancora chiaro, anche per i medici italiani. La recente decisione del blocco all’aumento dei salari colpisce anche i camici bianchi e, come se non bastasse, i turni di lavoro massacranti e gli straordinari non retribuiti di certo non stimolano positivamente i professionisti della sanità.

La protesta, in certi casi, è arrivata fino a Montecitorio dove i medici fiscali – in attesa di un intervento del Governo per una convenzione che assicuri loro maggiore stabilità –  hanno manifestato le loro preoccupazioni e la loro rabbia. Da quella piazza il dottor Maurizio Zanoni, rappresentante dei Medici Fiscali bresciani, ha affrontato con noi tematiche che tengono in ansia tutto il mondo degli operatori sanitari.

Dottor Zanoni, in clima di spending review, quella del blocco agli stipendi degli statali è un’ennesima batosta. Piove sempre sul bagnato…
Purtroppo sì: sebbene gli esponenti delle Istituzioni con cui ci siamo confrontati si siano rivelati molto disponibili nell’ascoltare le nostre istanze, nel nostro specifico settore sono 1400 i medici che subiscono questa situazione, di cui molti letteralmente disperati, e penalizzati dal fatto di lavorare in esclusiva per l’INPS. Dobbiamo considerare che l’età media nel nostro campo è alta: chi si era iscritto alle liste speciali prima del 2000 era soggetto a incompatibilità, ed ha dovuto abbandonare i lavori precedenti in favore di un rapporto esclusivo con l’INPS. Successivamente le incompatibilità si sono ridotte ed è stato consentito, soprattutto ai medici di base, di esercitare come ulteriore attività quella di medici fiscali. Ciò ha generato un vero e proprio conflitto di interessi, perché un medico certificatore che poi controlla i certificati è un lampante controsenso. Ad ogni modo la Commissione Affari Sociali ha evidenziato questo aspetto e ha dimostrato di voler risolvere questo problema. Ci sono medici che ad oggi vivono con 200 euro al mese.

E senza contare il problema dei turni di lavoro e degli straordinari non retribuiti, in un contesto già appesantito dal recente obbligo assicurativo per i professionisti della sanità. 
Noi siamo gli unici professionisti ad avere una reperibilità non pagata, e la nostra è una reperibilità dal lunedì alla domenica, con l’aggravante che le domeniche, fino alle ore pomeridiane, non sappiamo se lavoreremo oppure no. Senza considerare poi, che con l’entrata in vigore dell’obbligo assicurativo, ci ritroviamo non solo ad essere senza reddito e con orari di lavoro insostenibili, ma anche a dover sopportare l’onere economico dell’assicurazione, e privati della possibilità di esercitare una seconda attività.

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...