Lavoro 2 novembre 2016

Al via il primo congresso internazionale di Medicina del Lavoro Italia-Argentina. Esperienze a confronto

Si è svolto il “I Congreso Internacional de Medicina del Trabajo Italia-Argentina” a Buenos Aires che ha visto l’intervento di studiosi italiani e argentini a confronto sulle rispettive esperienze nel campo della Medicina del Lavoro.

Immagine articolo

Venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2016, a Buenos Aires, si è svolto il “I Congreso Internacional de Medicina del Trabajo Italia-Argentina”. 250 Studiosi italiani e argentini si  sono confrontati con 57 relazioni sulle rispettive esperienze nel campo della Medicina del Lavoro. Tra i temi discussi: la normativa italiana e argentina in tema di sicurezza e salute messe a confronto; la formazione del medico del lavoro in Italia e Argentina; lo stress lavoro correlato; i rischi per la salute presenti negli ambienti di lavoro e i protocolli sanitari per la migliore tutela dei lavoratori; l’organizzazione dei servizi di salute e sicurezza in Italia e Argentina.

Questo evento ha rappresentato l’epilogo di un protocollo esecutivo tra la Sapienza e la “Cátedra Libre de Salud y Seguridad en el Trabajo” della Universidad de Buenos Aires, iniziato nel 2011.

L’insegnamento di Medicina del lavoro in Italia è obbligatorio e dal punto di vista normativo, la nostra legislazione in materia di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro è molto più avanzata rispetto ad altre realtà. Per l’Argentina il modello italiano rappresenta un punto di partenza per promuovere la diffusione della materia ancora circoscritta in determinati ambiti.
Il Congresso – coordinato ed organizzato da Simone De Sio professore di medicina del lavoro e promotore dell’accordo di cooperazione tre l’Università di Roma e Buenos Aires –  è stato organizzato in collaborazione con l’Università di Buenos Aires e con il  patrocinio della Facoltà di Farmacia e Medicina della Sapienza, dell’Ambasciata Italiana di Buenos Aires, del Conicet (Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas), della Regione Lazio, dell’ Inail, del Ministero della Salute, del Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca, della Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale, del CUIA, della Camera di Commercio Italia – Argentina, del Ministerio de Trabajo, Empleo y Seguridad Social e del Ministerio de Salud de la Ciudad de Buenos Aires.

Sono intervenuti alla cerimonia inaugurale il Ministero della Salute dell’Argentina, l’Ambasciata Italiana in Argentina, il Conicet, il CNR, la Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene industriale, l’Associazione Medica Municipale della Città di Buenos Aires, il Rettore dell’Università Nazionale di Chilecito (Ar), il CUIA.

Articoli correlati
APM a Lorenzin: «Serve strategia comune per sicurezza cure e valorizzazione figura medico»
«La questione dei Pronto Soccorso che nei primi giorni del 2017 è arrivata sulle pagine di cronaca di tutti i giornali, vede come capro espiatorio la figura del medico, a prescindere dal proprio ruolo, sia in ambito territoriale che ospedaliero, necessita di immediata chiarezza tra Medici e Istituzioni». È quanto si può leggere in una […]
Ecm, SIMLII: «Nuove regole più stringenti valgano per tutti, ora solo i medici competenti rischiano il lavoro»
Intervista alla professoressa Giovanna Spatari, Segretario nazionale della principale realtà di riferimento della categoria. Parere positivo sul nuovo accordo Ministero-FNOMCeO per la trasmissione dei dati: «Più velocità e trasparenza»
Donazioni e trapianti, crescita record negli ultimi anni? Il Ministro risponde…
«Sono molto soddisfatta dei dati incoraggianti appena illustrati dal Dott. Nanni Costa: rispetto ad alcuni anni fa, sono stati compiuti notevoli progressi anche grazie alle Campagne di sensibilizzazione che abbiamo realizzato sul tema della donazione e dei trapianti». Così il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin durante la conferenza stampa di presentazione del report di attività […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Emergenza pronto soccorso: nel 60% delle strutture oltre 12 ore di attesa per un ricovero
Malati curati a terra a Nola. Sospesi i dirigenti della struttura e aperta indagine interna. Si torna a parlare delle carenze nel settore sanitario. Ma i camici bianchi non ci stanno e in loro difesa interviene il Ministro Lorenzin: «Medici eroi». Tonino Aceti, Tdm Cittadinanzattiva: «Il Pronto Soccorso è un punto di riferimento irrinunciabile»
Il web rovina rapporto medico-paziente? Vaccaro (Censis): «Attenti a dottor Google». Il caso diabete…
Dal rapporto ‘Diabetes Web Report 2016’ emerge che i pazienti con patologie croniche si rivolgono sempre di più al web per gestire le malattie di cui soffrono. Ketty Vaccaro, presidente dell’Health Web Observatory e responsabile Salute e Welfare Censis: «Avere informazioni e poterle condividere sui social è di grande conforto per i malati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...