Salute 7 dicembre 2017

AIOP Giovani per la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale. La ricerca

«È arrivato il momento per fare una valutazione seria ed efficace sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Le scelte devono essere immediate e devono tener conto che la posta in gioco è altissima», ha affermato Gabriele Pelissero, Presidente AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) in occasione della presentazione della ricerca “Le sfide di oggi per […]

«È arrivato il momento per fare una valutazione seria ed efficace sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Le scelte devono essere immediate e devono tener conto che la posta in gioco è altissima», ha affermato Gabriele Pelissero, Presidente AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) in occasione della presentazione della ricerca “Le sfide di oggi per la sanità di domani: l’evoluzione delle modalità di finanziamento dei sistemi sanitari nazionali” realizzata da AIOP Giovani in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

«Il nostro Servizio Sanitario Nazionale – si legge in una nota di AIOP – sta vivendo, al pari della gran parte dei sistemi sanitari internazionali, un periodo di forti pressioni dal punto di vista economico-finanziario: i costi crescono rapidamente e le risorse oggi disponibili non saranno più in grado, nel prossimo futuro, di sostenere la crescente ed esigente domanda di salute dei cittadini. La dimensione delle sfide amplifica ulteriormente l’urgenza e la necessità di accelerare la riflessione su come costruire il futuro dell’assistenza sanitaria nel nostro Paese, favorendo decisioni e scelte tempestive che ne garantiscano la sostenibilità».

«Per rispondere alla sfida della sostenibilità, la sanità italiana deve essere messa nelle condizioni di rispondere ai trend epidemiologici e demografici, tramite un’efficace programmazione e organizzazione dei servizi, garantendo una particolare attenzione alla gestione dei costi e allo sviluppo e all’integrazione dei sistemi di finanziamento oggi adottati. Alla luce di tali considerazioni, è stata effettuata una revisione estensiva della letteratura sul tema dell’evoluzione dei modelli di finanziamento dei sistemi sanitari con un focus specifico per alcuni Paesi: Canada, Francia, Germania, Italia, Regno Unito (UK), Spagna, Stati Uniti d’America (USA), Svezia».

«La ricerca promossa da Aiop Giovani – spiega la nota – rappresenta un tentativo di studiare in modo analitico le soluzioni implementate nelle differenti realtà da comparare e integrare in senso prospettico, provando a tracciare le linee di una sanità futura. Inoltre, è stata realizzata un’analisi comparativa dei trend sulle principali voci di spesa sanitaria e un’analisi previsionale, fino al 2030, sugli stessi trend di spesa. È innegabile che la sanità del futuro sia compatibile con l’universalità delle cure solo a patto di un radicale recupero di efficienza in un contesto di immutata efficacia. Infatti, in un quadro di crescente domanda di salute e protezione sociale, aumento dei costi, disponibilità fiscali ridotte e crescente mobilità di pazienti e professionisti all’interno dei Paesi membri dell’Unione Europea – dove la competizione tra sistemi sanitari è ormai realtà consolidata – emerge chiara la necessità di strategie decisionali efficaci, modelli organizzativi appropriati e sostenibili, nonché di adeguati strumenti di misurazione, valutazione e governo dei servizi e dell’innovazione».

Sulla base di quanto analizzato, ecco quali sono le leve sulle quali agire, secondo AIOP, in merito al necessario recupero di efficienza, un elemento che accomuna tutti i Servizi Sanitari presi in esame:

  • Utilizzo di dati e informazioni per trasformare i sistemi sanitari: l’informazione rappresenta un elemento essenziale in sanità e il libero accesso a essa consente scelte più appropriate sia a livello di organizzazione sanitaria sia a livello individuale, aumentando la qualità di vita dei pazienti/cittadini e la produttività dei sistemi sanitari. La condivisione di dati e informazioni ha il potenziale di trasformare la medicina e i sistemi sanitari; il modo migliore per la loro diffusione è il web, mediante la creazione di piattaforme e database open, consultabili sia da parte dei medici e dei professionisti della programmazione sanitaria sia da parte dei pazienti e dei cittadini.
  • Innovazione nell’accesso alla sanità: il concetto di sostenibilità dei sistemi sanitari non puٍ prescindere dalle modalità di accesso agli stessi. Estremamente rilevante è dunque il rinnovamento delle modalità di accesso alle cure, tali da risultare più vicine alle necessità del paziente, aumentando l’efficienza e riducendo gli sprechi.
  • L’importanza della prevenzione: la sostenibilità in sanità dipende dal peso della variabile salute. Normative attente alle problematiche di salute, pianificazione urbana, attenzione all’ambiente, scelte alimentari, educazione infantile e sviluppo professionale sono categorie su cui occorrerebbe agire per migliorare lo stato di salute e diminuire la conseguente domanda di accesso alle cure.
  • Una ridefinizione delle modalità di finanziamento dei sistemi che possano portare ad aggiornare, anche in relazione ai tre punti precedenti, le modalità di rimborso oggi presenti, tenendo conto della qualità e dei risultati di salute come elementi importanti quanto l’universalità e l’accesso alle cure.
  • La creazione di una Sanità di Valore ispirata dalla Value Based Health Care, per cui i costi della sanità devono essere sempre in funzione del bene e del benessere dei cittadini e certificati dalla misurazione dei risultati di salute raggiunti rispetto ai costi sostenuti per ottenerli.

LEGGI LA SINTESI DELLA RICERCA

Articoli correlati
Legge Gelli, come gestire il “risk” nella sanità privata e con i professionisti
Assemblea Generale Aiop. Pelissero: «Più flessibilità per essere risorsa». Faraone: «Gamba privata importante per sistema salute». Miraglia: «Agire secondo best practice di Paesi avanguardia». Leonardi: «Giovani avanti con Aiop Job». Consulcesi: «Soluzioni complete per risk management da polizze a formazione»
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
Costi più alti e meno servizi. AIOP ed Ermenia disegnano il ritratto (triste) della sanità italiana
Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale AIOP: «Necessario aumentare numero medici in uscita dalle università: ogni anno ne respingiamo a migliaia con il numero chiuso». Jessica Faroni, Presidente AIOP Lazio: «La nostra Regione è l’emblema dei tagli fatti in sanità a livello nazionale»
Lazio, Protocollo d’intesa con Aiop per ricovero da pronto soccorso a strutture private
La Regione lazio comunica che è stato firmato questa mattina un Protocollo d’intesa con Aiop, Aris e Unindustria per disciplinare le modalità di trasferimento per ricovero da Pronto Soccorso presso strutture private accreditate. Il protocollo consente la messa a disposizione di un congruo numero di posti letto modulabile secondo i bisogni e attraverso la programmazione delle aziende territoriali. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...