Lavoro 6 marzo 2018

Aggressioni, Scotti (Fimmg): «Medici siano pubblici ufficiali e la magistratura intervenga d’ufficio»

Il tema delle aggressioni al personale sanitario nelle sedi di continuità assistenziale rientra anche nei punti della pre-intesa firmata dai Sindacati con la Sisac. Affrontato anche il tema della carenza di medici di famiglia e l’insufficienza delle borse di studio

Non c’è solo il recupero degli arretrati dei medici di medicina generale nella pre-intesa firmata dai sindacati con la Sisac. Si è anche parlato della sicurezza dei medici che lavorano nelle sedi di continuità assistenziale (ex guardia medica). «Abbiamo voluto dare un primo segnale concreto su questa questione – ha dichiarato Silvestro Scotti, Segretario Nazionale della Federazione Italiana dei Medici di Famiglia FIMMG – prevedendo che la continuità assistenziale venga svolta solo in sedi idonee».

Quello delle aggressioni subite dai medici e dal personale sanitario nel corso della loro attività nei Pronto soccorso, sulle ambulanze o, appunto, nelle guardie mediche, è un tema molto caro a Silvestro Scotti, che da tempo propone una serie di misure volte al superamento di un problema sempre più grave e preoccupante: «Un medico nell’esercizio delle sue funzioni dovrebbe essere un pubblico ufficiale – afferma ai microfoni di Sanità Informazione -. L’aggravante dell’aggressione ad un pubblico ufficiale potrebbe rappresentare un deterrente significativo per chi si appresta a commettere questo reato. Inoltre – prosegue – sostengo l’attivazione di una procedura d’ufficio da parte della magistratura. Il paradosso oggi è che il medico aggredito deve fare querela di parte, cosa che molte volte non succede perché il medico ha anche paura delle conseguenze che possano nascere. Formalmente quindi molto delle aggressioni subite dai medici e dell’aggressività di qualche paziente rimane addirittura misconosciuto. Non venendo nemmeno segnalate, non si crea quel giusto profilo di allarme che può dar vita, con gli eventi sentinella, a meccanismi volti a comprendere cosa si può fare per evitarli sul piano pratico. Dobbiamo quindi partire dal recupero delle denunce, ma senza le procedure d’ufficio penso sia piuttosto difficile riuscirci».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, MAIO (FIMMG): «PRESTO UN TUTORIAL PER IMPARARE A DIFENDERSI»

Sindacati e Sisac hanno anche parlato di formazione dei giovani medici e della velocizzazione dell’accesso alla professione, costruendo le basi necessarie per affrontare una «emergenza non più rinviabile»: quella della carenza dei medici di famiglia. «Nei prossimi 4-5 anni – spiega Scotti – solo un cittadino italiano su tre avrà un medico di famiglia, vista l’attuale connotazione delle borse di studio». Un tema, questo, che «il nuovo governo dovrà affrontare, altrimenti dovrà abituarsi a dire ai cittadini che non troveranno un medico».

Fondamentale, allora, a detta della Fimmg, l’aumento del numero di borse di studio per il corso di formazione in medicina generale, anche per «risolvere la stessa esigenza delle Regioni di costruire l’area della Medicina Penitenziaria che condividiamo e su cui con le Regioni dovremmo rapidamente lavorare e trovare soluzione, augurandoci a sostegno un segnale forte anche da parte del Ministero, poiché non ci nascondiamo il problema rimangono le risorse. Noi anche – prosegue la Federazione – attraverso il nostro Ente previdenziale, l’ENPAM, siamo pronti a fare la nostra parte».

Il Comitato di Settore, che dovrà validare questi punti, è convocato per il 7 marzo, ma i segnali sono «incoraggianti». Alcune criticità «che appartengono solo al rispetto delle giuste procedure istituzionali ma che non offrono altri motivi di impedimento» potranno essere superate. «Su questo – conclude Scotti – voglio essere ottimista poiché con le Regioni e con gli uomini che le rappresentano si è ricreato a nostro avviso quel rapporto di fiducia che ci potrà permettere di migliorare i nostri risultati nel rispetto della sostenibilità del SSN come facciamo quotidianamente con i nostri pazienti».

Articoli correlati
Aggressioni, Grillo: «No a equiparazione con pubblico ufficiale, troppi oneri per i camici bianchi»
Il ministro, rispondendo ad una interrogazione della deputata Rostan, ha parlato anche di Daspo per i violenti negli ospedali. Abolizione dei superticket sulle visite specialistiche, Ministro annuncia misura che sarà finanziata ricontrattando al ribasso i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato
Scotti (FIMMG): «Formula 1+2. Ecco come cambiare la formazione in medicina generale»
Dopo la proposta FNOMCeO, il segretario della Federazione declina la possibile evoluzione: «Un anno di 'master' in collaborazione con l’università propedeutico al bando, alla medicina d'emergenza e a quella penitenziaria in cui c’è grave carenza organica»
Aggressioni ai medici, Rostan (LeU) scrive a Salvini: «Più forze dell’ordine per presidiare i nosocomi campani»
«Nella regione sessanta aggressioni denunciate dall’inizio dell’anno ai danni del personale medico e infermieristico», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Carenza medici, Bartolazzi (Sott. Salute): «Serve piattaforma per programmare risorse e formazione»
Il Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi ha concluso in questi giorni una serie di incontri con le organizzazioni sindacali del mondo della sanità per raccogliere proposte sul tema della carenza dei medici. «Si è concluso – scrive Bartolazzi – il secondo ciclo di confronti con le organizzazioni sindacali utile alla definizione della problematica della carenza […]
Infortuni sul lavoro e malattie professionali, Lucibello (INAIL): «Aggressioni ai medici al centro del Piano di Ricerca 2019-21»
«Patologie osteoarticolari, danni vista e udito, intossicazioni e stress da lavoro». È Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL, a descrivere le principali malattie professionali. Tra il 2017 e il 2018 cresciute del 3,5%: «Per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha aggiunto Lucibello – queste patologie cominciano ad abbracciare anche la forbice tra i 50 e i 65 anni. Necessario attivare misure di Active Aging»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...