Lavoro 29 marzo 2017

Aggressioni medici: foto choc sui social per denunciare violenze e affermare il diritto dei camici bianchi

L’immagine di una dottoressa con i lividi in volto contornata da una scritta: «Chi aggredisce un medico aggredisce se stesso». E’ la foto che l’Ordine dei Medici di Napoli, insieme a quello di Bari, invita a mettere per una settimana sul profilo di Facebook, Twitter, Linkedin

Immagine articolo

L’immagine di una dottoressa con i lividi in volto contornata da una scritta: «Chi aggredisce un medico aggredisce se stesso». E’ la foto che l’Ordine dei Medici di Napoli, insieme a quello di Bari, invita a mettere per una settimana sul profilo di Facebook, Twitter, Linkedin. Con l’obiettivo di affermare il diritto dei camici bianchi alla sicurezza e di sensibilizzare le istituzioni per arrivare a sanzioni più dure per questo tipo di reati.

«Abbiamo deciso – spiega sul suo profilo Fb il presidente dell’Ordine di Napoli, Silvestro Scotti – di iniziare una campagna social di sensibilizzazione dei cittadini sulle intollerabili aggressioni ai medici che operano per migliorare la salute dei loro pazienti. Per una settimana, cari amici di Fb, cambiate la vostra immagine del profilo Fb, LinkedIn o Twitter. Creiamo una iniziativa virale per affermare il diritto dei medici a curare i pazienti senza averne paura e per sensibilizzare il legislatore a norme che tutelino il medico da queste aggressioni, creando procedure d’ufficio e non a querela di parte quando viene aggredito nell’esercizio delle sue funzioni e pene più gravi per questo tipo di aggressioni».

Articoli correlati
Milano, carenza sangue. Burioni: «Donate il sangue, con 10 minuti salverete 3 vite»
«In questo momento nel mio ospedale – il San Raffaele di Milano – le operazioni chirurgiche non urgenti nelle quali è presente un minimo rischio di sanguinamento sono sospese a causa della carenza di sangue per eventuali trasfusioni. La stessa grave situazione si verifica in molti altri ospedali in tutta Italia. Questo, detto in parole […]
Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN
Il Consiglio Nazionale impegna la Federazione a stipulare accordi con i Ministeri della Salute e degli Interni ed esprime preoccupazione per i provvedimenti di alcune Regioni che mettono in discussione l’indennità di rischio dei medici di Continuità Assistenziale
Lo studio dell’OMCeO di Roma: 66% dei medici ha subito aggressioni. Lavra: «Vergognoso per Sistema Paese»
Lo studio, condotto dall’Università Sapienza, accende i riflettori sulle conseguenze psico-fisiche delle aggressioni, fisiche e verbali, agli operatori sanitari. Cappellano (Tesoriere OMCeO Roma): «Importanti i corsi per riconoscere aggressività latente»
Rinnovo ACN, Silvestro Scotti (Fimmg): «Condivisione di responsabilità per tutelare i diritti incomprimibili»
«Perfezionare un sistema specifico per il medico generico, riconoscendone autorevolezza ed aspirazioni» l’intervista al Segretario Fimmg
Rinnovo ACN, FIMMG: «Senza risorse siamo al de profundis del Ssn»
Il Segretario Scotti: «Sia ascoltato dal Governo l'allarme delle Regioni su economie per rinnovo ACN assenti in finanziaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...