Gli Esperti Rispondono 9 febbraio 2016

Il mondo delle assicurazioni

La copertura dell’attività di telemedicina diagnostica

di Assicurazione

Vi sottopongo una questione in qualità di medico specialista in Radiologia presso una Asl, in merito alla copertura/tutela assicurativa in condizioni di utilizzo di Teleradiologia e di utilizzazione della firma digitale. Qual è la normativa attuale correlata e/o le clausole  cui si devono attenere gli assicuratori per RC professionale per assicurare i propri clienti? alcuni mi hanno risposto che non possono assicurare l’utilizzo nè della Teleradiologia né della firma digitale perché non si può assicurare ciò che non è presente nel Codice di Procedura Civile. Altri non rispondono o dicono di sì senza apparente cognizione di causa. Vi sarei molto grato se poteste chiarirmi la situazione.

La Teleradiologia, con riguardo alla diagnostica, è un’evoluzione tecnologica della Radiologia, ove vengano rispettati tutti i principi relativi ad una coesistenza collaborativa tra il medico radiologo responsabile dell’esame ed il collega responsabile a distanza della refertazione tramite la interpretazione dell’immagine.
Questa sintetica descrizione prova che la Teleradiologia nella sostanza non si differenzia dalla Radiologia salvo per il fatto che la individuazione delle responsabilità e corresponsabilità può risultare più complessa in relazione alla più articolata “filiera diagnostica”. Nel processo sono infatti coinvolti ed interessati tre soggetti: a) il medico che provvede all’esame; b) la struttura che provvede alla trasmissione delle immagini; c) il medico che provvede alla refertazione.
Assunto che sarà sempre esclusa la fattispecie della responsabilità solidale tra i soggetti, non ritengo che i capitolati di polizza oggi presenti sul mercato escludano la copertura assicurativa nei casi di Teleradiologia.
La questione effettiva, in caso di richiesta di risarcimento, riguarderà invece l’accertamento e la imputazione delle responsabilità ad uno o più dei tre soggetti. Dopo aver analizzato in questa prospettiva i testi di polizza di Responsabilità Civile professionale delle compagnie che più sono presenti in questo segmento, posso affermare che non esiste alcuna esclusione esplicita o deduttiva di questa pratica.
Per altro sarebbe auspicabile che, nei futuri testi di polizza, le compagnie regolamentassero la materia sulla quale anche il DDL Gelli, in corso di approvazione in Parlamento ha sentito l’esigenza di fare un rapido riferimento (art. 7 comma 3).
Stessa risposta vale per la questione della firma digitale. Questa, in quanto apposta in osservanza delle norme che la regolano e la qualificano, ha medesima valenza della firma  apposta materialmente sul documento.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Ddl Gelli, ecco cosa cambia. Macrì (Federsanità): «Attenuata responsabilità per il medico, non favoritismo ma necessità»
Responsabilità professionale, prosegue l’iter per il Ddl Gelli approvato in Commissione Sanità in Senato. Macrì: «Il Ddl trova punti di equilibrio tra le aspettative dei cittadini e quelle degli operatori sanitari»
“Reato di cura”, la vera storia del medico accusato ingiustamente
Oncologo milanese accusato e assolto per la morte di una ragazza scrive un libro per raccontare la sua storia. «Così non si può andare avanti. Una vicenda che mi ha lasciato cicatrici dolorose e mi ha fatto riflettere profondamente sulla necessità di cambiare le cose»
Responsabilità professionale sanitaria, la polizza prevede l’estensione alla funzione di direttore sanitario?
Sono un medico anestesista ed esercito la mia attività in Campania come dipendente presso una clinica privata. Recentemente la proprietà mi ha affidato la funzione di Direttore Sanitario della clinica. Da una parte sono compiaciuto per la nomina, dall’altra sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che la mia polizza di responsabilità professionale esclude la […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Valutazione del danno, il Ddl Gelli non lo tratta: «Siamo fermi alla legge Balduzzi»
In merito al Disegno di legge Gelli sulla responsabilità professionale degli operatori sanitari, ho letto giudizi positivi in quanto esso perseguirebbe la finalità di contemperare il diritto alle cure della collettività con la protezione degli interessi degli individui. La proposta agirebbe soprattutto tramite una nuova più adeguata regolamentazione della responsabilità del medico. Questo aspetto mi […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Responsabilità: breve guida alle assicurazioni. Polizze, premi e coperture: le novità per i medici
Che succede con la legge in discussione in Parlamento. Il relatore della Legge, Federico Gelli (Pd): «Una norma che ridefinisce i ruoli delle parti in causa». «Ma attenti a costi, massimali e retroattività», tutti i chiarimenti dell’esperto di assicurazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...