Gli Esperti Rispondono 9 febbraio 2016

Il mondo delle assicurazioni

La copertura dell’attività di telemedicina diagnostica

di Assicurazione

Vi sottopongo una questione in qualità di medico specialista in Radiologia presso una Asl, in merito alla copertura/tutela assicurativa in condizioni di utilizzo di Teleradiologia e di utilizzazione della firma digitale. Qual è la normativa attuale correlata e/o le clausole  cui si devono attenere gli assicuratori per RC professionale per assicurare i propri clienti? alcuni mi hanno risposto che non possono assicurare l’utilizzo nè della Teleradiologia né della firma digitale perché non si può assicurare ciò che non è presente nel Codice di Procedura Civile. Altri non rispondono o dicono di sì senza apparente cognizione di causa. Vi sarei molto grato se poteste chiarirmi la situazione.

La Teleradiologia, con riguardo alla diagnostica, è un’evoluzione tecnologica della Radiologia, ove vengano rispettati tutti i principi relativi ad una coesistenza collaborativa tra il medico radiologo responsabile dell’esame ed il collega responsabile a distanza della refertazione tramite la interpretazione dell’immagine.
Questa sintetica descrizione prova che la Teleradiologia nella sostanza non si differenzia dalla Radiologia salvo per il fatto che la individuazione delle responsabilità e corresponsabilità può risultare più complessa in relazione alla più articolata “filiera diagnostica”. Nel processo sono infatti coinvolti ed interessati tre soggetti: a) il medico che provvede all’esame; b) la struttura che provvede alla trasmissione delle immagini; c) il medico che provvede alla refertazione.
Assunto che sarà sempre esclusa la fattispecie della responsabilità solidale tra i soggetti, non ritengo che i capitolati di polizza oggi presenti sul mercato escludano la copertura assicurativa nei casi di Teleradiologia.
La questione effettiva, in caso di richiesta di risarcimento, riguarderà invece l’accertamento e la imputazione delle responsabilità ad uno o più dei tre soggetti. Dopo aver analizzato in questa prospettiva i testi di polizza di Responsabilità Civile professionale delle compagnie che più sono presenti in questo segmento, posso affermare che non esiste alcuna esclusione esplicita o deduttiva di questa pratica.
Per altro sarebbe auspicabile che, nei futuri testi di polizza, le compagnie regolamentassero la materia sulla quale anche il DDL Gelli, in corso di approvazione in Parlamento ha sentito l’esigenza di fare un rapido riferimento (art. 7 comma 3).
Stessa risposta vale per la questione della firma digitale. Questa, in quanto apposta in osservanza delle norme che la regolano e la qualificano, ha medesima valenza della firma  apposta materialmente sul documento.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
Legge Gelli, Silvestro (IPASVI): «Assicurazioni e formazione ECM: così migliora rapporto tra infermieri e pazienti»
La Senatrice del Partito Democratico spiega ai nostri microfoni il valore di una riforma «che, senza esagerare, definirei storica» perché «tutela, nello stesso momento, sia l’esercente la professione sanitaria che il cittadino». Centrale il tema della formazione continua: «Un segno di civiltà: i professionisti si impegnano non solo per motivazioni lavorative, ma anche etiche, a mantenere alte le competenze»
Amedeo Bianco: «Tutelati i diritti dei cittadini e resi più chiari i percorsi di risarcimento»
Il Senatore Amedeo Bianco (Pd) ai nostri microfoni: «Nel testo viene disegnato un profilo di azione da parte del cittadino verso la struttura nei termini e nelle forme più consone»
Guido Alpa: «Cambia l’onere della prova. Sarà un argine al contenzioso»
Il professore e Presidente della Commissione per la Responsabilità Professionale, commenta il Ddl passato al Senato: «Con approvazione definitiva si avrà maggior chiarezza su responsabilità di professionista e struttura sanitaria»
«La figura del medico legale torna al centro. Finalmente un giusto riconoscimento per la categoria»
L’Articolo 15 del testo approvato dal Senato dà al giudice il compito di conferire ai medici legali e a specialisti nella disciplina «oggetto del procedimento» il compito di effettuare la consulenza in una causa per malpractice. Luisa Regimenti (SISMLA): «Svolta storica»; Vittorio Fineschi (Università “Sapienza”): «Finalmente il giusto riconoscimento per la categoria»; Giovanni Cannavò (“Melchiorre Gioia”): «Fondamentali le linee guida, ma chi le fa deve essere autorevole»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...