Gli Esperti Rispondono 28 settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Rischi e conseguenze delle dichiarazioni incomplete

di Assicurazione

Sono un medico legale con specializzazione anche in fisiatria e cardiologia, attività che in realtà esercito solo marginalmente. Ho stipulato una polizza di responsabilità professionale relativamente alla mia attività di medico legale. Lo scorso luglio ho rischiato di essere coinvolto in una questione per me pericolosa quando sulla spiaggia ho soccorso un bagnante colto da malore. I parenti del paziente mi hanno infatti accusato di superficialità ed incompetenza. Poi fortunatamente la cosa si è risolta per il meglio. Ma l’episodio mi ha fatto riflettere sulla effettiva portata della mia copertura assicurativa. Le domando: durante il mio intervento di cui sopra ero comunque assicurato?

Il suo caso mi consente di approfondire due temi distinti. In primo luogo il tema della dichiarazione in sede di stipula della polizza circa il profilo del rischio e delle eventuali conseguenze in caso di omissione o reticenza. In questo caso di norma tutte le polizze richiamano gli articoli del codice civile che regolamentano il caso delle dichiarazioni inesatte. Il rischio è che la copertura venga rifiutata o fornita in modo parziale. Dipende dal grado di differenza tra la dichiarazione e l’effettivo stato di fatto. Se la situazione effettiva è tale che l’assicuratore non avrebbe assunto il rischio allora la copertura non è operativa; nell’altro caso invece l’assicuratore si farà carico del danno solo in proporzione al contenuto della omissione.

Mi sembra che nel suo caso si possa parlare di risarcimento parziale in quanto gli assicuratori di norma assumono i rischi dei fisiatri e cardiologi. Il suo quesito quindi mi dà l’opportunità di ribadire ai medici il suggerimento di effettuare una dichiarazione veramente completa circa le loro aree di attività, anche potenziali. In secondo luogo le preciso che nel caso specifico, al quale Lei si è riferito, la copertura comunque sarebbe stata operativa; ma per un altro motivo. Lei mi ha parlato di un soccorso di un bagnante colto da malore. Orbene si tratta di un atto di solidarietà in situazione di emergenza al quale ogni medico è comunque tenuto a prescindere dalla sua specifica specializzazione. Tutte le polizze di Responsabilità medica contengono la estensione della copertura a questa tipologia di interventi.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»
«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma
Calano denunce ma aumentano risarcimenti: ecco i primi effetti della Legge 24/2017. Gelli: «Decreti assicurazioni entro fine novembre»
Colpa grave: come funziona quando il professionista è autonomo ma opera in una struttura? «Non ci sono dubbi, la tutela deve essere garantita dall’assicurazione della struttura». Presentato da Consulcesi & Partners il manuale edito da Giuffrè
Legge Gelli: esperti a confronto sul rischio clinico e il contenzioso medico legale
Il 19 ottobre a Roma, il network di studi legali Consulcesi & Partners e “Sanità Sicura” presentano “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione” il libro, a cura dell’Onorevole Federico Gelli edito da Giuffrè, che chiarisce i connotati della responsabilità medico-sanitaria dopo l'approvazione della Legge e in attesa degli ultimi decreti attuativi
La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione, la parola a Federico Gelli
Il 19 ottobre a Roma, il Responsabile Sanità del Pd Federico Gelli, gli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, i tre autori del libro “Nuova responsabilità e la sua assicurazione”, illustreranno l’impatto della Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria in campo penale e civile. A moderare l'incontro la giornalista RAI Vira Carbone
Università di Torino per la gestione sinistri: nasce il Cuap
Cinque giornate per un totale di 40 ore di lezione per affrontare i principali temi legati alla gestione del sinistro in Sanità. È questo l’oggetto del nuovo corso universitario di aggiornamento professionale nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Management dell’Università di Torino e Ravinale & Partners, società con oltre 25 anni di esperienza nel […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...