Gli Esperti Rispondono 26 ottobre 2015

Il mondo delle assicurazioni

I danni cagionati dai collaboratori del medico sono coperti?

di Assicurazione

Sono un medico odontoiatra con un mio studio nel quale operano quattro collaboratori dei quali due medici e due igieniste dentali. Un  mio cliente  asserisce di aver subito un danno da una delle mie igieniste nel corso di un trattamento di detartrasi. Il cliente, a seguito del nostro rifiuto  di prendere in considerazione la sua  pretesa, mi  ha citato in giudizio nella mia qualità del titolare dello studio. Ho prontamente trasmesso al mio assicuratore l’atto di citazione il quale ha respinto la mia richiesta di essere assistito in quanto l’evento non sarebbe previsto tra quelli garantiti. Sono rimasto stupito; credevo di essere ben protetto per  la responsabilità e scopro ora che mi sono sbagliato. Lei cosa ne pensa?

Lei è assicurato, probabilmente in maniera adeguata, ma limitatamente alla sua personale responsabilità professionale personale. Evidentemente la sua polizza non prevede la copertura dei comportamenti dannosi dei suoi collaboratori. In sostanza la sua polizza non è aderente alle esigenze di uno studio professionale come quello che lei conduce. In questo caso infatti l’area di rischio risulta più ampia della pura responsabilità personale sanitaria. Oltre alla responsabilità dei collaboratori esiste infatti una responsabilità propria del titolare dello Studio rinveniente dalla conduzione dello studio, compreso l’uso delle attrezzature, per i danni che possono essere cagionati a terzi ( pazienti o meno); questa responsabilità è di natura diversa da quella propria della attività professionale del medico. Le suggerisco di  richiedere al suo assicuratore di effettuare una revisione della sua polizza integrandola con tutti i rischia accessori all’esecuzione della sua attività professionale.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Osas, Tavalazzi: «Grazie alla tecnologia, oggi diagnosi e trattamento apnee del sonno in casa e senza ricovero»
Per i medici la sindrome delle apnee notturne è una patologia troppo sottovalutata. Lo specialista in malattie dell’apparato respiratorio: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia che sono l’anello di congiunzione con gli specialisti. Grazie alle nuove tecnologie oggi le diagnosi e i trattamenti sono più semplici da gestire»
Quando la compagnia cambia unilateralmente i termini della stipula
Sono un ortopedico libero professionista assicurato da molti anni per la mia responsabilità professionale con una grande compagnia di assicurazione con la quale ho stipulato anche tutte le mie altre polizze personali. Quest’anno la compagnia mi ha comunicato di non poter più rinnovare la polizza di responsabilità professionale alle medesime condizioni in corso dal 2005 […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
I danni coperti da una polizza di responsabilità professionale
___
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
La copertura assicurativa personale in uno studio strutturato
___
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...