Gli Esperti Rispondono 9 novembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Quando una polizza a 1° rischio è considerata a 2° rischio

di Assicurazione

Sono un chirurgo ed esercito la mia professione effettuando interventi operatori presso un paio di strutture private con le quali ho un rapporto di collaborazione. Una delle sue strutture mi ha chiesto la copia della mia polizza assicurativa di Responsabilità professionale al gradimento della quale condiziona la continuazione del rapporto di collaborazione con me. La struttura sanitaria ha esaminato la polizza e non ha sollevato obiezioni, salvo che per una clausola: quella che in sostanza dice che “in caso di coesistenza di altra polizza di assicurazione che garantisca il medesimo evento la copertura si intende prestata a secondo rischio”. La struttura sanitaria afferma infatti che in caso di evento dannoso provocato da un mio comportamento colposo la mia polizza opererebbe solo dopo aver utilizzato la polizza della struttura stessa, quindi solo nel caso in cui il  massimale previsto risultasse insufficiente a risarcire integralmente il danneggiato. La questione mi sta creando un problema in quanto la Clinica, pur avendomi concesso in via temporanea di operare nella sua struttura,  pretende una eliminazione di questa clausola. Come posso risolvere la questione?

Formalmente Lei ha ragione in quanto ha pagato una polizza a primo rischio e deve usufruire di una copertura a primo rischio. Ha ragione anche la struttura sanitaria la quale non vuole essere coinvolta in richieste di risarcimento che prescindono dalla sua responsabilità. In sostanza la questione è meno importante di quanto si pensi. La responsabilità della struttura sanitaria e quella del medico chirurgo collaboratore sono perfettamente distinte anche se riferite al medesimo evento. Non si vede infatti come, ad esempio, possa essere imputato alla clinica un errore tecnico personale compiuto dal medico chirurgo durante un intervento; ovvero al contrario come si possa chiamare in causa il chirurgo per un difetto organizzativo imputabile alla struttura.
Nella forma invece la problematica esiste e rischia di rendere ancora più confusa la gestione dei danni in presenza di più presunti responsabili. Basterebbe aggiungere alla clausola il termine: “ in caso di coesistenza di altra polizza stipulata dal contraente/assicurato.” In questo modo, sia dal punto di vista dell’equità che del diritto, il medico contraente di una polizza di RC, che già ne avesse un’altra per lo stesso rischio, sarebbe consapevole della operatività del 2° rischio nella seconda polizza e comunque rimarrebbe tutelato e difeso dalla Compagnia della prima polizza. Tutto ciò  pur in deroga del codice civile che all’articolo 1910 regolamenta la fattispecie con la formula della c.d. coassicurazione indiretta; cioè, secondo il codice le due polizze concorrono al risarcimento in proporzione alla quota di rischio sottoscritto.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
Il medico è responsabile per l’omessa o incompleta informazione anche se il paziente era consapevole delle conseguenze della terapia?
La Corte di Cassazione con la sentenza 7516 del 27 marzo 2018 ha specificato che il medico non può astenersi dall’informare un paziente anche quando quest’ultimo abbia le conoscenze mediche necessarie per conoscere i rischi di una terapia (nel caso di specie si trattava di un’infermiera che svolgeva le sue mansioni proprio nel reparto dell’ospedale […]
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»
«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche