Giovani 9 agosto 2016

Specializzazioni, online le graduatorie di un concorso che non quadra

Arrivano le tanto attese graduatorie delle Scuole di Specializzazione in Medicina che determinano chi, tra gli oltre 13mila candidati, può proseguire il suo percorso. Report dei giovani medici di SIGM e CNAS sulle criticità riscontrate e proposte al Miur per riorganizzare la prova

Arrivano le tanto attese graduatorie delle Scuole di Specializzazione in Medicina che determinano chi, tra gli oltre 13mila candidati, può proseguire il suo percorso. Sono state infatti pubblicate nella tarda serata di giovedì 11 sul sito www.universitaly.it. Per gli oltre 6mila esclusi inizia ora la ricerca di una strada alternativa per esercitare la professione di medico. Il pensiero però non può che tornare alle torride giornate di luglio in cui si è svolto il Concorso. Un concorso che continua a far discutere e che ha spinto la principale realtà di riferimento dei giovani medici, il SIGM, insieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, a scrivere una decisa presa di posizione chiedendo al Miur e al Governo di rivedere le modalità di un esame che al suo terzo anno presenta ancora tante, troppe falle: dalla parcellizzazione delle sedi, alle disomogeneità tecnico-organizzative, dal carattere eccessivamente nozionistico dei quesiti alla mancanza di una graduatoria unica nazionale.

Insomma, il test è ormai alle spalle, ma nelle ultime ore che precedono le graduatorie è impossibile non ripensare alle prove di metà luglio: “Si poteva fare di più e meglio!”, “Ho fatto il massimo.”, “Sono stato sfortunato” e ovviamente “Questo sistema di selezione non funziona, va cambiato”. Attraverso i social network i giovani medici aspiranti specializzandi, dopo aver condiviso ogni dettaglio dei test, ora si scambiano commenti e opinioni (vedi la guida di Studenti.it su come funzionano graduatorie e ammissioni delle scuole di specializzazione in medicina).

Già tempo, insomma, di un primo bilancio. Come quello fatto dalla principale realtà di riferimento dei giovani medici, il SIGM che, insieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS), ha aspettato che la tensione post-test si stemperasse per proporre la sua analisi e soprattutto tornare a chiedere al MIUR un cambio di rotta con proposte concrete e articolate. SIGM e CNAS avevano scritto al Ministero dell’Istruzione già a febbraio avanzando una serie di proposte alla luce di un sondaggio fatto tra i candidati delle ultime due edizioni del concorso in cui erano emerse tutte le criticità della prova. La “diagnosi” verteva su una eccessiva parcellizzazione delle sedi, disomogeneità tecnico-organizzative, carattere eccessivamente nozionistico dei quesiti e la mancanza di una graduatoria unica nazionale.

Pur sottolineando «passi avanti rispetto le passate edizioni», i Giovani Medici hanno riscontrato ancora criticità sull’organizzazione del test, in primis perché dislocato in oltre 450 sedi in tutta Italia, ma anche comportamenti scorretti (utilizzo di smartphone, smartwatch e auricolari) e punteggi molto alti rispetto alla media nazionale in determinate aule. «Questo – sottolineano – impone una seria riflessione, dopo ben tre edizioni concorsuali, a maggior ragione che, in maniera incomprensibile, è il terzo anno consecutivo che vengono disattese le rimostranze e le richieste dei giovani medici aspiranti specializzandi: sbagliare è lecito, ma perseverare è diabolico». Da qui la proposta: «Dopo tre anni, il permanere dello stato delle cose non è più tollerabile e quindi via ad iniziative di protesta atte a sensibilizzare le Istituzioni, Governo e MIUR in testa, al fine di ottenere, finalmente, una selezione dei futuri specialisti e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale priva di ombre e pienamente meritocratica. L’aspettativa è che il Ministro Giannini ci ascolti e che il MIUR lavori da subito al perfezionamento dell’organizzazione delle selezioni, dedicandovi i giusti investimenti che merita un concorso nazionale che coinvolge ogni anno non meno di 12.000 medici e che seleziona la futura dirigenza medica del SSN».

Insomma, le criticità (ormai croniche) non vengono affrontate e si ripetono puntuali ad ogni nuova edizione del test, così come ogni anno si solleva, da parte degli esclusi, la volontà di ottenere giustizia (e la riammissione) attraverso l’unica arma al momento a loro disposizione contro le ingiustizie di un sistema che ormai non quadra più: i ricorsi.

Articoli correlati
Progress test Medicina, Fedeli: «Domanda di gravità inaudita, sia eliminata e sanzionato il responsabile»
«È di una gravità inaudita che sia stata inserita una simile domanda nel Progress test di medicina e chirurgia». Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli in merito alla domanda “quali delle seguenti percentuali rappresenta la migliore stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?” presente nel Progress test (test per misurare i progressi dell’apprendimento) […]
Giovani medici, Enpam stanzia 30 milioni per studi professionali
«Stiamo lavorando per passare da un welfare delle necessità a un welfare delle opportunità in modo da utilizzare il patrimonio non solo per offrire sicurezza agli iscritti, ma anche per facilitare la loro attività» spiega Alberto Oliveti, Presidente Enpam
Scuole di specializzazione: ecco il bando. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre: ecco i dettagli sull’esame e sulle graduatorie
Disponibile il bando tanto atteso per le scuole di specializzazione. La prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo. Le borse a disposizione sono 6.676
«Vogliamo solo specializzarci», il grido dei giovani medici davanti al Miur nella protesta di Anaao e Fimmg
Oltre 9mila neolaureati in medicina non riusciranno ad entrare nelle scuole di specializzazione e nei corsi di formazione di medicina generale. La manifestazione per chiedere l’aumento delle borse di studio e l’introduzione degli scorrimenti della graduatoria
Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna
L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...