Giovani 30 maggio 2014

Campagna #svoltiAMOlaSANITA’, i Giovani Medici in piazza per il loro futuro

Tra le richieste al Governo una programmazione adeguata per l’accesso alle Facoltà e ai corsi di specializzazione

Non si fermano i Giovani Medici del Sigm, che, proprio oggi, sono di nuovo scesi in piazza, a Montecitorio, per manifestare il proprio dissenso. Una mobilitazione nazionale al grido di Merito e Trasparenza: è questo quello che chiedono i novelli camici bianchi alla politica, per quanto riguarda la programmazione, la formazione, e il lavoro.

Questa volta nel mirino dei manifestanti ci sono istanze articolate e complementari;  si parte dalla richiesta di programmare adeguatamente – e realisticamente –  il fabbisogno di professionisti sanitari, riequilibrando gli accessi alla formazione e risanando il gap tra domanda e offerta di lavoro, come già fatto dagli altri Paesi europei. Per tendere a questo risultato, sarà necessario un perfezionamento ed una razionalizzazione del sistema “numero chiuso” –  attuale criterio di selezione per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina: un obiettivo condiviso anche da Federspecializzandi, per migliorare un sistema che ad oggi presenta non poche criticità, e che andrebbe rivisto – ad esempio – orientando i giovani sulla base di un approccio vocazionale, a partire dalle scuole superiori, onde evitare un sovraffollamento “non consapevole” dei corsi di studio. Un altro punto caldo è quello relativo all’urgente necessità di reperire fondi adeguati per la formazione post laurea; la buona notizia è che il Ministero dell’Istruzione ha annunciato di aver trovato risorse, e il Decreto Irpef in discussione al Senato appare uno strumento normativo adeguato per incardinare le richieste dei giovani medici. A seguito dei due emendamenti presentati dal Sigm, l’auspicio è che il Governo li supporti, o che presenti a sua volta un emendamento analogo.

Il nuovo modello formativo dovrà prevedere reti integrate, costruite con strutture identificate in modo trasparente a mezzo di indicatori di performance, per garantirne il livello qualitativo. Infine, i giovani medici si battono per l’immediato sblocco del turn over e l’eliminazione del criterio unico dell’anzianità per la progressione di carriera: largo alla meritocrazia, insomma, per valorizzare i nuovi talenti  e favorirne la maturazione professionale, in nome di un Servizio sanitario nazionale più equo, più credibile, più trasparente.

Articoli correlati
Carenza di medici, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi
Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream»
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
Un 2018 di lotta al precariato per i giovani medici: «Basta con pagamenti in ‘pizza e birra’ e altre proposte indecenti…»
Il gruppo Facebook “Giovani Medici Anti Sfruttamento” raccoglie le esperienze di ragazzi laureati cui vengono offerte pizze e birre o 200 euro al mese per ruoli di elevata responsabilità. La fondatrice Lucrezia Trozzi: «Chiediamo l’introduzione dell’equo compenso per la nostra dignità professionale»
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»
È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...