Specializzazioni 2 dicembre 2014

Specializzandi, arriva la riforma: sotto l’albero di Natale più contratti

Il Miur dovrà accorpare e ridurre le scuole. E dopo il caos test piovono ricorsi

Immagine articolo

Scuole di specializzazione ancora sotto i riflettori, protagonista principale il ministro all’Istruzione Stefania Giannini. Il suo dicastero, infatti, entro il 31 dicembre dovrà procedere al riordino delle scuole di specializzazione in Medicina.

Stando al dettato dell’articolo 15 del decreto legge 90/2014 – convertito con legge 114/2014 ad un decreto ministeriale – compito del Miur sarà accorpare le scuole di specializzazione, che da 54 dovrebbero ridursi a 40 nel 2015. Il conseguente risparmio di spesa consentirebbe l’attivazione di circa 800 contratti in più, oltre alla riformulazione dei percorsi didattici e alla riduzione dei corsi. In linea con gli standard europei, i corsi durerebbero in media quattro anni, o cinque per alcune specializzazioni, come Chirurgia. Dalla modifica saranno coinvolti i borsisti del concorso 2015 e gli specializzandi già al terzo anno. Gli specializzandi in corso dovranno scegliere tra il nuovo ordinamento e l’ordinamento previgente – secondo modalità che verranno stabilite dal decreto stesso -, mentre per coloro che iniziano l’ultimo anno di specialità nell’anno accademico 2014/2015 rimane in vigore l’ordinamento previgente.

Si preannuncia un anno di novità, insomma, per i giovani medici attualmente alle prese con i ricorsi dopo il caos dei test di accesso alla specializzazione. Portavoce delle loro istanze Consulcesi che, dopo esser scesa in piazza al fianco dei ragazzi nella protesta davanti al Miur, ora si è messa a disposizione degli OMCeO che chiedono aiuto. Un vero e proprio tour insieme agli Ordini di tutt’Italia –  inaugurato a Pisa e che ora prosegue a La Spezia – per sostenere i giovani medici nelle loro battaglie. “Il caos dei test ha creato smarrimento tra quei giovani colleghi che rappresentano il nostro futuro e quello di questa professione – commenta il presidente dell’Ordine dei Medici di La Spezia Salvatore Barbagallo – e abbiamo reputato fosse prezioso mettere a loro disposizione la consulenza professionale e qualificata di chi ha una grande esperienza e competenza in materia di tutela legale; e che da sempre è vicina alle problematiche del mondo medico, anche per i giovani, avendo già ottenuto sentenze positive dal Tar per le prove di ingresso alla Facoltà di Medicina”.  “La prossima azione collettiva partirà il 15 dicembre – annuncia l’avvocato Sara Saurini, responsabile dell’Area Legale di Consulcesi – e chi non è stato ammesso, a causa delle numerose irregolarità riscontrate durante i test per le scuole di specializzazione per il 2014, può fare ricorso e ottenere l’accesso immediato ai corsi presso il proprio ateneo e il risarcimento per il danno professionale subito”.

Per qualsiasi informazione, 350 tra avvocati e consulenti legali rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777

Articoli correlati
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia
Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria
L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli
Ex specializzandi, transazione all’esame finale. Aiello (NCD): «In tempi brevi si arriverà a soluzione»
Sanità Informazione ha intervistato il primo firmatario (insieme ad altri 20 senatori) del Disegno di legge unificato che propone un accordo transattivo per chi ha frequentato una scuola post-laurea in medicina tra il 1978 e il 2006. Nel frattempo, altri 18 milioni di euro consegnati da Consulcesi ai camici bianchi di Napoli e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...