Università 21 luglio 2014

Se il “camice rosa” non va di moda all’Università

Sempre più donne medico, ma anche i Paesi progrediti come la Gran Bretagna faticano a farsi largo in campo accademico

Immagine articolo

Non è un mestiere per donne? I dati dicono il contrario. Per l’autorevole “Journal of the Royal Society of Medicine” – anche nella progredita Gran Bretagna, dove le donne sono in maggioranza tra i medici – le quote rosa faticano però a farsi largo in campo accademico.

Secondo questa ricerca solo il 15% dei professori è di sesso femminile. Il dato scende in picchiata nel resto d’Europa, dove tra i camici bianchi si è ancora lontanissimi dalla parità.

In Italia, secondo i numeri della Rete Armida, sempre in ambito universitario, è ancora molto più facile che faccia carriera un uomo. La coordinatrice dell’Osservatorio FNOMCeO sulla professione femminile, Annarita Frullini, si augura che “in questo 2014, anno europeo della conciliazione tra vita professionale e vita familiare, si comprenda che le discriminazioni dipendono principalmente dai ruoli di genere e dalla suddivisione del lavoro”.

Il problema, comunque, appare circoscritto soprattutto all’ambito accademico. Ma già dagli anni novanta le donne hanno prima raggiunto e poi superato gli uomini tra i laureati in medicina e chirurgia. È successo anche in Italia, dove oramai sono donne i due terzi dei laureati, e sta succedendo in tutti i paesi occidentali. Questo afflusso di giovani donne ha fatto “fisiologicamente” aumentare la presenza femminile sui medici in attività senza bisogno di alcuna “quota rosa”. Il problema è che le donne restano escluse dalle figure apicali, nel mondo dell’università ma anche nei ruoli dirigenziali delle aziende sanitarie pubbliche.

Articoli correlati
Bergamo, parte il master per formare i futuri manager del settore sanitario
L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito […]
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
Retribuzione, Irpef, contributi e assicurazione: ecco quanto perdono gli MMG in formazione. E scattano i ricorsi
La mappa delle disparità di trattamento che gli MMG subiscono da 25 anni nella specializzazione. Scattata un'azione legale collettiva per ottenere rimborsi fino a 150mila euro
Tumore al seno, startup Sapienza realizza nuovo dispositivo per la chirurgia radioguidata
Ottimizzare la metodica e ridurre i tempi della diagnosi è l’obiettivo della ricerca biomedica che fa ricorso sempre più spesso a strumenti e conoscenze mutuate dalle nuove tecnologie digitali, proponendo sul mercato prodotti dalle caratteristiche uniche e innovative. È quello che ha fatto la NG Detectors. La startup ha concentrato la propria attività nella industrializzazione […]
Alimentazione questa sconosciuta: in Inghilterra gap formativo che preoccupa studenti, medici e pazienti
Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute, ma i medici inglesi ne sanno poco o nulla. È la denuncia di camici bianchi e studenti di medicina che sottolineano il gap formativo su tutto ciò che riguarda diete e stili di vita nonostante, riporta la BBC, l’80% dei pazienti dei medici di medicina generale abbia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi